Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le donne occupano solo il 30% dei seggi nei consigli di amministrazione del Regno Unito

Solo tre seggi su 10 nel consiglio sono occupati da donne nel Regno Unito, in ritardo rispetto a paesi come Francia e Italia.

Secondo un rapporto globale di Deloitte, la percentuale di seggi nel consiglio è notevolmente superiore al livello del Regno Unito del 30,1% in Francia (43,2%), Norvegia (42,4%) e Italia (36,6%).

Sebbene il Regno Unito abbia migliorato la sua posizione globale per la diversità di genere, passando dal 13° al 9° posto dall’ultima pubblicazione del rapporto nel 2019, è rimasto indietro rispetto a sei paesi europei, nonché a Nuova Zelanda e Sud Africa.

Jackie Henry, managing partner di Deloitte UK, ha dichiarato: “Mentre il numero di seggi nel consiglio di amministrazione detenuti da coloro che si identificano come donne nel Regno Unito si sta muovendo nella giusta direzione, siamo ancora molto indietro rispetto ai nostri vicini europei con i leader solo in Francia 6,8% in meno rispetto alla parità di genere.

“Le imprese del Regno Unito devono essere ancora più proattive nel prendere sul serio gli obiettivi di diversità, migliorando la divulgazione e una rendicontazione più trasparente”.

Nel 2010, i consigli di amministrazione del FTSE 100 erano composti da appena il 12% di donne, ma ora questo numero è arrivato al 36,2%.

Ci sono, tuttavia, solo 15 presidenti di consiglio donne nel FTSE 100 e otto amministratori delegati, con un aumento di uno solo dal 2019.

Il rapporto ha anche rilevato che il mandato medio delle donne nei consigli di amministrazione nel Regno Unito è diminuito da 4,1 anni a 3,6 anni dall’ultimo rapporto pubblicato nel 2019.

Il documento, pubblicato insieme al gruppo di campagna del 30pc Club, affermava che si stavano compiendo lenti progressi verso il raggiungimento di una maggiore parità di genere.

READ  Vaticano, Vescovo d'Italia sbatte la performance "profana" di Sanremo

A livello globale, solo un seggio su cinque (19,7%) nelle sale del consiglio era occupato da donne, con un aumento del 2,8% dal 2019.

Il rapporto ha identificato quello che è stato chiamato il “fattore di allungamento”, per cui un gruppo più piccolo di donne sta assumendo un gran numero di seggi nel consiglio.

Ann Cairns, presidente globale del 30pc Club, ha dichiarato: “Questo parla del fatto che le donne hanno più difficoltà a essere nominate se non hanno precedenti esperienze nel consiglio.

“Il presidente e gli amministratori delegati dovrebbero essere incoraggiati a dare alle donne il primo posto nel consiglio. C’è un sacco di talenti là fuori che farebbero grandi registi”.