Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le divisioni repubblicane sono emerse dopo il fallimento nell’assicurare il ruolo di presidente della Camera per la nuova maggioranza del Congresso degli Stati Uniti

Incapaci di eleggere il leader repubblicano Kevin McCarthy come nuovo presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti questa mattina, i repubblicani si sono aggiornati per la giornata in disordine mentre il partito ha cercato di riorganizzarsi da un inizio lungo e caotico al nuovo Congresso.

La brusca fine del primo giorno mostra che non c’è una facile via d’uscita per McCarthy, i cui sforzi per reclamare il martelletto sono falliti di fronte all’opposizione dei conservatori.

Avendo bisogno di 218 voti in tutta la Camera, McCarthy ne ha ottenuti solo 203 in due turni, anche meno del democratico Hakeem Jeffries nella camera controllata dai repubblicani.

Il terzo scrutinio è stato anche peggiore, con McCarthy che ha perso 20 voti al calare della notte sulla nuova maggioranza repubblicana alla Camera dei rappresentanti e le tensioni sono aumentate mentre tutti gli altri affari si sono bloccati.

Il leader repubblicano della Camera Kevin McCarthy ha fallito nella sua prima offerta per il presidente. (AP)

La Camera dei Rappresentanti ha approvato il ritorno mercoledì a mezzogiorno ora locale.

“Siamo venuti tutti qui per fare le cose”, ha detto il rappresentante repubblicano Steve Scales, un repubblicano, in un discorso entusiasmante, esortando i suoi colleghi ad abbandonare la loro protesta.

Andando contro l’agenda del presidente Joe Biden, Scalise ha dichiarato: “Non possiamo iniziare a risolvere questi problemi fino a quando non eleggeremo Kevin McCarthy come nostro prossimo oratore”.

È stato un inizio caotico per il nuovo Congresso e ha segnato un percorso complicato per i repubblicani, che ora controllano la Camera dei Rappresentanti.

Una nuova generazione di repubblicani conservatori, molti dei quali allineati con l’agenda MAGA di Donald Trump, vogliono un cambio di attività come al solito a Washington e si sono impegnati ad arginare l’ascesa di McCarthy senza compromettere le loro priorità.

“Il popolo americano sta guardando, e questa è una buona cosa”, ha detto il deputato Chip Roy, che ha nominato il deputato conservatore Jim Jordan dell’Ohio come sostituto dell’oratore.

Era la seconda volta che i conservatori spingevano un riluttante Jordan, il rivale di McCarthy diventato alleato, che in precedenza si era fatto avanti per sollecitare i suoi colleghi, anche quelli che lo sostenevano, a rinunciare al voto per McCarthy.

“Dobbiamo aggirarlo, insieme”, ha detto Jordan.

La Giordania ha ricevuto sei voti al primo turno, 19 al secondo, ed era sulla buona strada per un conteggio simile al terzo turno.

McCarthy in precedenza è entrato nella camera, ha posato per le foto e ha ricevuto una standing ovation da molti dalla sua parte del corridoio dopo essere stato nominato dal terzo repubblicano, Elise Stefanik, che ha detto che “ha quello che serve” per guidare la Camera. repubblicani.

“Nessuno ha lavorato più duramente per questa maggioranza di Kevin McCarthy”, ha detto Stefanik.

Ma in quella prima votazione, una sfida è stata rapidamente lanciata dal deputato Andy Biggs, l’ex leader conservatore del Freedom Caucus, che era stato nominato relatore dal suo collega conservatore.

In tutto, 19 repubblicani hanno rotto con McCarthy, negando a McCarthy la maggioranza mentre votavano per Biggs o altri in segno di protesta.

L’atmosfera era tesa, almeno da parte repubblicana, mentre i legislatori si alzavano dai loro seggi, in un lungo primo turno di votazioni di persona.

I democratici erano entusiasti quando hanno espresso il loro storico voto per il loro leader, il rappresentante Hakeem Jeffries di New York, la prima persona di colore a guidare un importante partito politico statunitense.

“Potremmo avere una lotta sul campo, ma la lotta è per il Congresso e il paese”, ha detto McCarthy in precedenza al Campidoglio.

Hakeem Jeffries è stato eletto leader della minoranza alla Camera per i Democratici. (AP)

McCarthy è emerso da un incontro chiuso e controverso con i suoi compagni repubblicani alla Camera incapace di raccogliere critiche e privo del supporto necessario per diventare presidente.

Ha promesso di combattere fino alla fine, anche se ci sono voluti diversi tentativi di uno spettacolo pubblico che avrebbe accentuato le divisioni all’interno del suo partito e indebolito la sua leadership nei primi giorni di un nuovo Congresso.

Un nucleo di conservatori guidato dal Freedom Caucus e allineato con l’agenda MAGA di Donald Trump era furioso, definendo l’incontro speciale una “sconfitta” da parte degli alleati di McCarthy e rimanendo fermo nella loro opposizione al leader del GOP.

“C’è una persona che avrebbe potuto cambiare tutto questo”, ha detto il rappresentante Scott Perry, presidente del Freedom Caucus e leader dello sforzo di Trump per sfidare le elezioni presidenziali del 2020.

Il membro del Congresso della Florida Matt Gaetz è uno degli assistenti più noti di Trump.
Il membro del Congresso della Florida Matt Gaetz è uno degli assistenti più noti di Trump. (AP)

Il gruppo ha affermato che McCarthy ha rifiutato l’ultima offerta del gruppo di modificare le regole in una riunione lunedì sera al Campidoglio.

“Se vuoi prosciugare la palude, non puoi controllare il più grande alligatore dell’esercizio”, ha detto Gates.

“Abbiamo licenziato con passione”, ha detto il rappresentante Lauren Boebert.

I legislatori si sono riuniti in una nuova era di governo diviso quando i democratici hanno ceduto il controllo della Camera dei rappresentanti dopo le sconfitte elettorali di medio termine.

Mentre il Senato rimane nelle mani dei Democratici, i repubblicani alla Camera non sono affatto ansiosi di affrontare l’agenda del presidente Joe Biden dopo due anni di controllo democratico di entrambe le camere del Congresso.

Ignorando la nuova leadership democratica, la presidente uscente della Camera Nancy Pelosi aveva concluso l’ultima sessione pochi istanti prima, tra un caloroso benvenuto da parte dei colleghi dalla sua parte della navata.

Il presidente Donald Trump arriva per parlare a un evento a Mar-a-Lago, venerdì 18 novembre 2022, a Palm Beach, in Florida
Trump ha approvato McCarthy per il ruolo di presidente della Camera, ma sono stati gli assistenti del MAGA a negargli il ruolo. (Foto AP/Rebecca Blackwell)

Il cappellano ha aperto con una preghiera cercando di ravvivare il 118° Congresso.

Di solito ci vuole la maggioranza dei 435 membri della Camera dei Rappresentanti, o 218 voti, per diventare presidente.

Con solo 222 seggi nel Partito Repubblicano, McCarthy poteva permettersi di perdere solo pochi voti.

Speaker potrebbe vincere con meno di 218 voti, come hanno fatto Pelosi e Boehner, se alcuni parlamentari fossero assenti o semplicemente votassero presenti.

Ma McCarthy non è riuscito a conquistare un nucleo centrale – e forse in crescita – di repubblicani di destra guidati dal conservatore Freedom Caucus, nonostante settimane di riunioni a porte chiuse e promesse modifiche alle regole della Camera.

Quasi una dozzina di repubblicani hanno sollevato pubblicamente preoccupazioni su McCarthy.

Quando i politici affrontano il pubblico diventa brutto

Alcuni potenti conservatori repubblicani hanno sfidato McCarthy nella sessione speciale.

Ha risposto, secondo il repubblicano in sala e ha concesso l’anonimato per discutere la seduta chiusa.

L’ultima competizione di oratori a più turni ebbe luogo nel 1923.

“Questo è molto più importante che parlare solo di una persona”, ha detto Doug Hay, un ex assistente di alto livello della leadership repubblicana.

Si tratta di sapere se i repubblicani saranno in grado di governare.

Senza un presidente, la Camera non può costituirsi completamente: nominare i suoi presidenti di commissione, partecipare ai procedimenti di sala e avviare indagini sull’amministrazione Biden.

Le votazioni continueranno.

READ  Il presidente russo Vladimir Putin annuncia l'annessione di quattro regioni ucraine