Maggio 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le colate di fango causate da piogge torrenziali nello stato di Rio de Janeiro hanno ucciso almeno 38 persone

Il bilancio delle vittime delle colate di fango e delle devastanti inondazioni che hanno colpito un’area montuosa nello stato di Rio de Janeiro in Brasile Ha raggiunto i 58 anni, secondo un comunicato diffuso dalle autorità locali all’alba di mercoledì.

Martedì un’alluvione ha colpito Petropolis e il sindaco Rubens Bombombo ha affermato che il bilancio delle vittime potrebbe aumentare mentre i ricercatori scelgono tra le macerie. 21 persone sono state recuperate vive.

I civili si sono uniti allo sforzo ufficiale di recupero mercoledì mattina presto. Tra loro c’era Priscilla Neves ei suoi fratelli, che cercarono nel fango ogni segno dei loro genitori scomparsi, ma non trovarono altro che vestiti. Neves ha detto all’Associated Press di aver rinunciato alla speranza di trovare i suoi genitori vivi.

Le forti piogge hanno causato smottamenti e inondazioni in una zona montuosa dello stato di Rio de Janeiro, uccidendo diverse persone, hanno riferito le autorità. (Foto AP/Silvia Izquierdo)
I soccorritori e i residenti cercano le vittime in un'area colpita da frane a Petropolis, in Brasile, mercoledì 16 febbraio 2022.
Le forti piogge hanno causato smottamenti e inondazioni in una zona montuosa dello stato di Rio de Janeiro, uccidendo diverse persone, hanno riferito le autorità. (Foto AP/Silvia Izquierdo)

Roslyn Virgilio, 49 anni, era in lacrime mercoledì ricordando le richieste di aiuto di una donna che non poteva salvare.

Ieri c’era una donna che urlava ‘Aiutami! Portami fuori di qui! “Ma non potevamo fare niente, l’acqua scorreva, il fango scorreva”. Purtroppo la nostra città è finita.

I vigili del fuoco dello stato hanno dichiarato martedì in ritardo che più di 180 soldati stanno già lavorando nell’area del disastro, che ha visto centinaia di morti per piogge torrenziali nel 2011.

Petropolis è una città di influenza tedesca che prende il nome da un ex imperatore brasiliano. Immerso tra le montagne sopra la capitale costiera, da quasi due secoli è stato un rifugio per chi scappava dalla calura estiva e per i turisti desiderosi di esplorare la cosiddetta “Città Imperiale”.

Residenti e volontari rimuovono il corpo di una vittima di una frana a Petropolis, in Brasile, mercoledì 16 febbraio 2022.
Le forti piogge hanno causato smottamenti e inondazioni in una zona montuosa dello stato di Rio de Janeiro, uccidendo diverse persone, hanno riferito le autorità. (Foto AP/Silvia Izquierdo)

Petropolis è stata tra le prime città pianificate del paese e presenta case signorili lungo i suoi corsi d’acqua. Ma la sua popolazione è cresciuta a casaccio e le montagne che si arrampicano sono ora ricoperte da piccole abitazioni stipate insieme. Molti si trovano in aree inadatte alle strutture e stanno diventando più vulnerabili alla deforestazione e al drenaggio inadeguato.

La regione montuosa colpita è stata testimone di disastri simili negli ultimi decenni, tra cui un disastro che ha causato più di 900 morti. Negli anni successivi, Petropolis ha introdotto un piano per ridurre i rischi di frane, ma l’attività è progredita solo lentamente.

Il governatore Claudio Castro ha detto ai giornalisti mercoledì che la situazione era “quasi simile a una guerra” e che stava mobilitando tutte le attrezzature pesanti affinché il governo statale aiutasse a scavare l’area sepolta.

I vigili del fuoco statali hanno dichiarato martedì in ritardo che l’area ha ricevuto 25,8 cm di pioggia in tre ore martedì, all’incirca quanto durante i 30 giorni precedenti messi insieme. L’Autorità di protezione civile a Petropolis ha dichiarato che sono previste piogge moderate per mercoledì pomeriggio e sera.

I soccorritori e i residenti cercano le vittime in un'area colpita da frane a Petropolis, in Brasile, mercoledì 16 febbraio 2022.
Le forti piogge hanno causato smottamenti e inondazioni in una zona montuosa dello stato di Rio de Janeiro, uccidendo diverse persone, hanno riferito le autorità. (Foto AP/Silvia Izquierdo)

Un video pubblicato sui social media martedì mostrava auto e case che rotolavano a causa di frane e acqua che sgorgava attraverso Petropolis e i quartieri vicini.

La rete televisiva Globo mercoledì ha mostrato case sepolte sotto il fango in aree che i vigili del fuoco non sono ancora stati in grado di raggiungere. Diverse strade sono rimaste inaccessibili a causa dell’accumulo di automobili e articoli per la casa, impedendo l’accesso alle parti alte della città.

“I vicini sono venuti di corsa e io ho dato loro un riparo”, ricorda Emerson Tory, 39 anni, proprietario di un pub.

Ma sotto i torrenti d’acqua il tetto della sua casa crollò. Riuscì a far uscire in tempo sua madre e altre tre persone dalla taverna, ma un vicino e la figlia della persona non riuscirono a scappare.

Residenti e volontari rimuovono il corpo di una vittima di una frana a Petropolis, in Brasile, mercoledì 16 febbraio 2022.
Le forti piogge hanno causato smottamenti e inondazioni in una zona montuosa dello stato di Rio de Janeiro, uccidendo diverse persone, hanno riferito le autorità. (Foto AP/Silvia Izquierdo)

“Era come una valanga, è caduta una volta. Non ho mai visto niente di simile”, ha detto Toure all’Associated Press mentre gli elicotteri di soccorso si libravano sopra la testa. “Ogni vicino ha perso una persona cara e ha perso due, tre o quattro membri della stessa famiglia, figli”.

Il consiglio comunale di Petropolis ha dichiarato tre giorni di lutto. Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha espresso solidarietà durante la sua visita in Russia, così come il suo omologo Vladimir Putin.

“Dio benedica le loro famiglie”, ha detto Bolsonaro mercoledì in una conferenza stampa a Mosca.

Il sud-est del Brasile è stato punito da piogge torrenziali dall’inizio dell’anno, con oltre 40 decessi registrati tra gli incidenti a Minas Gerais all’inizio di gennaio e lo stato di San Paolo alla fine del mese.
READ  Finale Euro 2020, Inghilterra vs Italia, notizie sulla squadra, ora d'inizio, dove guardare l'Australia, infortunio di Phil Foden, ritorno a casa, ultimi aggiornamenti