Febbraio 8, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le banche centrali devono sacrificare le ambizioni ideali di atterraggio economico

Stanno crescendo le prove del fatto che molti dei driver del drammatico aumento dell’inflazione dello scorso anno si stanno dissipando. Prezzi del gas europei ora livelli È stato visto l’ultima volta prima dell’invasione russa dell’Ucraina alla fine di febbraio. Costo di spedizione di una scatola d’acciaio da 40 piedi da Shanghai a Long Beach si è rotto Da circa $ 8.300 questa volta l’anno scorso a $ 1.500. I prezzi delle auto usate sono diminuiti, anche nel Regno Unito, dove comandano più dei prezzi nuovi.

Questo significa meno aggressività delle banche centrali mondiali nel 2023? Non subito. Dopo aver iniettato un sacco di stimoli nell’economia durante i primi giorni della pandemia e poi aver fallito nell’individuare l’aumento dei prezzi fino a quando non era troppo tardi, i decisori dei tassi inizieranno l’anno come era finito, nel disperato tentativo di ripristinare la credibilità parlando duro nella lotta contro l’inflazione

Questo è fantastico estremista La retorica non riguarda solo la ricostruzione della fiducia. Sebbene i tassi di inflazione complessiva stiano diminuendo a causa degli effetti sottostanti dei forti aumenti dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari dello scorso anno al di fuori degli indici, le pressioni sui prezzi non si sono completamente attenuate.

Gli ostacoli alla catena di approvvigionamento non portano più a un forte aumento dei prezzi delle materie prime, ma le tendenze nel settore dei servizi e nel mercato del lavoro continuano a preoccupare le banche centrali. Poi c’è il timore persistente che la pandemia e le riacutizzazioni delle tensioni geopolitiche abbiano lasciato l’economia globale con una capacità produttiva inferiore a quella del 2019, il che, se vero, significa che chi fissa i prezzi dovrà distruggere la domanda per riportare l’inflazione verso il basso. . ai livelli visti qualche anno fa.

READ  Più di 1.200 migranti arrivano sull'isola italiana in barca

Se i regolatori dei tassi abbinano i loro discorsi duri con ampi aumenti dei tassi dipenderà da cosa farà la Fed dopo. Se il 2022 ci ha insegnato qualcosa, è che la Federal Reserve è il gancio invisibile da cui pendono le decisioni del resto del mondo che fissa i tassi di interesse.

I banchieri centrali non si sono formalmente impegnati nel 2022. Ma avrebbero potuto farlo. Quando Jay Powell ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse la scorsa primavera, la Banca centrale europea era ancora in una modalità attendista e la Banca d’Inghilterra si faceva beffe dei modesti aumenti dei tassi di un quarto di punto che i banchieri centrali (e gli osservatori) tendono a favorire . In autunno, la Banca centrale europea e la Banca d’Inghilterra avevano entrambe seguito l’esempio della Fed e avevano effettuato loro stessi enormi aumenti dei tassi di interesse di 0,75 punti percentuali: un ritmo notevole di inasprimento che ha scioccato gli investitori ovunque. Entro la fine dell’anno, anche la Banca del Giappone ha riservato una brutta sorpresa.

Il custode monetario americano è stato in grado di stabilire il resto grazie al puro potere del dollaro. I banchieri centrali sono riluttanti a riconoscere le pressioni dei mercati valutari. Ma la misura in cui quasi tutte le principali valute sono scese rispetto al dollaro – l’euro è sceso di quasi il 16% a un certo punto nel 2022, la sterlina di oltre il 20% e lo yen di quasi un quarto – li ha spaventati. La loro risposta è stata quella di seguire la Fed e superare gli aumenti dei tassi di interesse.

READ  Cresce il collegamento Italian Motor City! - CBS Detroit

Quest’anno potrebbe essere uno di quei rari eventi in cui la debolezza dell’economia statunitense non si rivelerà pericolosa, ma un vantaggio per il resto del mondo, se la pressione su Powell si allenterà per alzare i tassi di interesse. Se all’inizio del prossimo anno la banca centrale statunitense passerà da un rialzo del tasso di mezzo punto a un quarto di punto, darà ad altri lo spazio per seguirne l’esempio. Il pericolo è che il mercato del lavoro statunitense continui a salire e la Fed non si tiri indietro. Altri potrebbero ancora una volta sentire il bisogno di eguagliare la sua potenza di fuoco, anche se le loro economie sono in uno stato molto più debole.

Il rischio maggiore nel 2023 è che i price setter siano così paranoici riguardo alla perdita della faccia da mettere i loro soldi dove sono le loro bocche e non solo parlano duro, ma costringono a diversi forti aumenti dei prezzi. I rapidi aumenti degli oneri finanziari spingeranno quasi certamente le economie in recessione. Potrebbe anche innescare attacchi di turbolenze finanziarie che hanno fatto sembrare il panico nel mercato dell’oro lo scorso autunno come una tempesta.

Il disordine sarebbe, come nel caso della Banca d’Inghilterra durante LDI Panico, e inviando segnali contrastanti costringendo i politici a puntellare le tasche dei mercati finanziari mentre cercano di inasprire le condizioni del credito. I tassisti subiranno maggiori pressioni politiche – In Europa, i leader francesi, italiani e finlandesi si sono già lamentati del fatto che i tentativi della BCE di frenare l’inflazione stanno mettendo a rischio posti di lavoro e crescita, oltre ad aumentare altri rischi del debito sovrano. calamità.

READ  Il Cuban Club può ricevere finanziamenti per il suo restauro. La Jackson House e l'Italian Club potrebbero non farlo

È probabile che l’attenzione a minacce diverse dall’inflazione riduca i tassi al rialzo. Ciò, a sua volta, può significare che i prezzi continueranno a salire del 3 o 4% all’anno per il prossimo futuro e l’inflazione cesserà di raggiungere l’obiettivo del 2% che i fissatori di prezzi desiderano. Questo non è l’ideale. Ma dopo un 2022 molto caotico, sacrificare le aspirazioni di un atterraggio perfetto per qualcosa di più realistico potrebbe essere l’opzione meno peggiore di tutte.

[email protected]