Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le azioni sono scese in silenzio dopo che i verbali della riunione della Federal Reserve hanno indicato che la battaglia sull’inflazione è continuata

Giovedì, i titoli azionari europei e i futures azionari statunitensi sono rimasti in sordina, pochi minuti dopo che l’ultimo incontro della Federal Reserve ha indicato che la banca centrale avrebbe dato la priorità alla lotta contro l’inflazione per un lungo periodo.

In Asia, l’Hang Seng di Hong Kong e il Topix del Giappone sono scesi entrambi dello 0,8%, dopo i movimenti dei titoli europei e statunitensi nella sessione precedente.

L’indice europeo Stoxx 600 è stato scambiato in rialzo dello 0,1%, mentre il FTSE ha perso lo 0,1%.

I funzionari della Federal Reserve hanno indicato che i tassi restrittivi saranno in vigore “per qualche tempo” nel verbale della riunione di luglio pubblicato mercoledì, infliggendo un duro colpo agli investitori che sono più ottimisti sul fatto che comincerà rapidamente a scrollarsi di dosso i tassi di interesse più elevati una volta ci sono segnali di un focolaio e l’inflazione si sta attenuando.

I verbali hanno mostrato che i funzionari hanno sostenuto l’aumento dei tassi di interesse al punto da agire come un freno alla crescita economica.

In un altro segno che i banchieri centrali sono determinati a reprimere l’inflazione, la banca centrale norvegese ha aumentato i tassi di interesse di 0,5 punti percentuali per un incontro back-to-back, portando i tassi debitori all’1,75%. Norges Bank ha anche indicato che aumenterà ulteriormente i tassi di interesse a settembre.

Nonostante alcuni investitori parlino di “picco di inflazione” dopo che l’IPC statunitense si è stabilizzato a giugno, “La realtà è che spesso le cose sono molto più complicate”, ha affermato Casper Elmgren, responsabile delle azioni di Amundi. “Stiamo ottenendo dati molto contrastanti, ma la realtà è che l’inflazione è ancora ben al di sopra dei livelli con cui le banche centrali si sentono a proprio agio”.

READ  All'interno dell'unità finanziaria GB Morgan che ha orchestrato il fallito tentativo di calcio

I risultati deludenti per il leader al dettaglio statunitense e i ribassi per altri settori di consumo hanno trascinato l’indice S&P 500 in calo dello 0,7% mercoledì, mentre il Nasdaq Composite è sceso dell’1,3% sulla scia dei verbali della riunione della Fed e di una brutta giornata per i titoli tecnologici. . Giovedì mattina i futures che replicano gli indici S&P e Nasdaq 100 sono rimasti piatti.

I verbali della Fed e le cupe aspettative di inflazione nel Regno Unito hanno posto fine ad alcune settimane positive per i mercati azionari.

Anche il debito sovrano a breve termine, sensibile alle aspettative sui tassi di interesse, ha continuato a vendere sulla scia di un’inflazione dei prezzi al consumo più alta del previsto nel Regno Unito.

Giovedì i rendimenti dei Treasury a due anni sono aumentati di 0,3 punti percentuali, scambiando al livello più alto dal crollo finanziario del 2008. Le grandi mosse sono rimbalzate su altri mercati obbligazionari, con la vendita di obbligazioni biennali tedesche, italiane e statunitensi, che sono sensibili alle aspettative sui tassi di interesse. .

In segno di continue preoccupazioni per l’aumento dei tassi di interesse, giovedì i rendimenti hanno continuato a salire. Il rendimento del Tesoro a due anni è salito di 0,03 punti percentuali al 2,39%. I rendimenti dei titoli a due anni sono aumentati di 0,04 punti percentuali a 0,76, mentre i titoli a due anni italiani hanno aggiunto 0,07 punti percentuali per essere scambiati all’1,67%. I rendimenti obbligazionari aumentano quando i loro prezzi scendono.

Più dati, sotto forma di richieste di sussidi di disoccupazione settimanali negli Stati Uniti e dati sulle vendite di case, forniranno ulteriori informazioni sullo stato della più grande economia del mondo più tardi giovedì.

READ  La Camera degli affari organizza viaggi in Vietnam e Grecia per l'anno 2023

Il dollaro, un bene rifugio per gli investitori, ha ottenuto piccoli guadagni rispetto a un paniere di altre sei valute, in rialzo dello 0,3%.