Maggio 25, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le azioni della Russia in Ucraina destabilizzano i prezzi ei prezzi delle compagnie energetiche

Il riconoscimento da parte della Russia di due regioni separatiste nell’Ucraina orientale potrebbe minacciare importanti investimenti da parte dei giganti petroliferi occidentali e far salire i prezzi globali dell’energia nelle prossime settimane.

Dagli ultimi giorni della Guerra Fredda, l’economia russa basata sull’energia si è intrecciata con l’economia europea. Società energetiche europee come BP, TotalEnergies e Shell hanno operazioni e investimenti significativi in ​​Russia. Sebbene l’espansione di queste partecipazioni sia in gran parte bloccata dopo l’annessione della Crimea alla Russia nel 2014, rimangono importanti centri di profitto e ora potrebbero essere a rischio.

Nel tentativo di mettere sotto accusa il presidente russo Vladimir Putin, il presidente Biden e l’Unione europea hanno imposto nuove sanzioni al governo russo e all’élite politica e imprenditoriale del paese martedì. Le misure non riguardano direttamente il settore energetico. Ecco perché i prezzi del petrolio e del gas si sono stabilizzati leggermente al rialzo martedì pomeriggio a New York.

Ma gli analisti hanno affermato che l’industria energetica potrebbe soffrire se la crisi dovesse continuare, soprattutto se Putin decidesse di inviare truppe nel resto dell’Ucraina o se cercasse di prendere il controllo della capitale, Kiev. È probabile che un’azione così aggressiva costringerà Biden e altri leader occidentali a intensificare la loro risposta.

I leader europei stanno già prendendo di mira alcune esportazioni di energia russe. Il cancelliere Olaf Scholz ha dichiarato martedì che la Germania sospenderà la certificazione del gasdotto Nord Stream 2, che dovrebbe trasportare gas russo. La decisione non avrà un impatto immediato sulle forniture energetiche europee perché il gasdotto non è ancora operativo. Ma le spedizioni di gas russe attraverso l’Ucraina potrebbero essere interrotte, soprattutto se le forze di Putin si spingono in Ucraina o se il gas viene interrotto in Europa in risposta alle sanzioni occidentali.

La Russia fornisce uno su 10 barili di petrolio utilizzato in tutto il mondo. Dopo che i funzionari occidentali hanno affermato che le forze russe erano entrate nelle aree dell’Ucraina orientale controllate dai separatisti, martedì i prezzi del petrolio sono balzati rapidamente a quasi $ 100 al barile, il livello più alto in più di sette anni, prima di tornare indietro.

Gli esperti di energia affermano che i prezzi del petrolio potrebbero facilmente aumentare di $ 20 al barile se Putin cerca di occupare più o tutta l’Ucraina. Un tale risultato causerebbe anche grossi problemi alle compagnie petrolifere occidentali che operano in Russia.

READ  Laureato che sogna di possedere un'azienda - MissionNewswire

ha affermato Robert McNally, che era un consulente energetico del presidente George W. Bush e ora è presidente del Rapidan Energy Group, una consolidata società di consulenza. “Per i mercati petroliferi, ciò significa una crescita dell’offerta più lenta e saldi globali ancora più stretti e prezzi più alti nei prossimi anni”.

Con sede vicino a Parigi, TotalEnergies possiede quasi il 20% di Novatek, la più grande compagnia russa di gas naturale liquefatto, e Shell ha un’alleanza strategica con Gazprom, che ha il monopolio del gas naturale in Russia.

La compagnia petrolifera occidentale più coinvolta in Russia è la BP, che possiede quasi il 20 per cento di Rosneft, la compagnia energetica statale gestita da Igor Sechin, che è ampiamente considerato uno stretto alleato e consigliere di Putin. Il CEO di BP Bernard Looney e il suo ex CEO Bob Dudley sono membri del consiglio di amministrazione di Rosneft con Sechin e Alexander Novak, vice primo ministro russo.

Rosneft ha contribuito con 2,4 miliardi di dollari di profitti e 600 milioni di dollari in dividendi a BP nel 2021 e ha una quotazione secondaria alla Borsa di Londra. Circa un terzo della produzione di petrolio di BP, ovvero 1,1 milioni di barili al giorno, proveniva dalla Russia lo scorso anno.

Finora i dirigenti della BP sono stati tranquilli. “Abbiamo avuto più di 30 anni e la nostra missione è concentrarci sulla nostra attività, ed è quello che stiamo facendo”, ha affermato di recente il signor Looney in una teleconferenza con gli analisti. “Se succede qualcosa lungo la strada, ovviamente ce ne occuperemo come verrà”.

La maggior parte delle compagnie petrolifere ha registrato profitti eccezionali a causa degli alti prezzi del petrolio e del gas. Le aziende europee stanno utilizzando parte dei loro profitti per aumentare gli investimenti in eolico, solare, idrogeno e altre forme di energia pulita. Ma l’attuale crisi potrebbe essere una grande distrazione, se non peggiore.

READ  Ericsson Italia classificata tra i migliori datori di lavoro 2021-22

Fare affari in Russia è sempre stato complesso, soprattutto perché Putin ha riaffermato il controllo statale sull’energia e ha esercitato pressioni sugli investitori privati.

Shell è stata costretta a cedere il controllo del suo principale progetto russo di gas naturale liquefatto sull’isola di Sakhalin, nella Russia orientale, a Gazprom nel 2006. Shell mantiene una partecipazione modesta nell’impianto e sembra voler mantenere la porta aperta per ulteriori affari in Russia . Insieme ad altre quattro società europee, ha contribuito a finanziare il gasdotto Nord Stream 2 stimato in 11 miliardi di dollari verso la Germania.

TotalEnergies ha continuato a investire in un complesso di gas naturale da 27 miliardi di dollari nella penisola di Yamal, nell’Artico, controllato da Novatek. Il progetto ha evitato le precedenti sanzioni occidentali ottenendo finanziamenti dalle banche cinesi. Ha iniziato a produrre gas per clienti europei e asiatici nel 2017.

Martedì le azioni di BP e Total hanno chiuso in ribasso di oltre il 2% e Shell Shell di circa l’1%.

Le prospettive per le compagnie petrolifere occidentali che cercavano di fare affari in Russia erano in precedenza più rosee. Exxon Mobil, ENI italiana e altre compagnie petrolifere straniere hanno collaborato con Rosneft nel 2012 e nel 2013 per esplorare i giacimenti di petrolio e gas dell’Artico.

Ma le sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea dopo il sequestro della Crimea da parte della Russia hanno costretto molte compagnie occidentali a smettere di espandersi in Russia, in parte limitando l’accesso ai finanziamenti e alla tecnologia per la perforazione in acque profonde.

Exxon ha ufficialmente abbandonato i progetti di esplorazione con Rosneft nel 2018, perdendo $ 200 milioni al netto delle tasse.

Ben Cahill, analista energetico presso il Center for Strategic and International Studies di Washington, ha affermato che potrebbero arrivare sanzioni più severe e più ampie.

READ  Il costo del parco eolico offshore Dominion è salito a 9,8 miliardi di dollari

“È possibile che nuove sanzioni cercheranno di impedire alla Russia di spostarsi in aree come l’idrogeno che fanno parte della sua diversificazione a lungo termine”, ha affermato. “Le sanzioni potrebbero rendere la vita difficile a società straniere come BP e Shell se prendono di mira il settore dei servizi petroliferi e impediscono le attrezzature di cui hanno bisogno per le operazioni in Russia”.

La Russia è il terzo produttore mondiale di petrolio e il secondo produttore di gas naturale. Pertanto, qualsiasi crisi coinvolta turberebbe i mercati energetici e l’economia globale.

Oltre alla Russia stessa, l’Europa subirà il peso maggiore del dolore. Più di un terzo delle forniture di gas europee proviene dalla Russia in un momento in cui le riserve sono piccole e i prezzi alti. La metà delle esportazioni petrolifere russe di cinque milioni di barili al giorno va in Europa. Più di 700.000 barili al giorno vanno negli Stati Uniti.

Ma gli esperti di energia affermano che la crisi sarebbe stata peggiore circa 20 anni fa, prima che gli Stati Uniti rilasciassero enormi quantità di petrolio e gas naturale dalla fratturazione idraulica dello scisto. L’occupazione russa della Crimea ha anche incoraggiato l’Europa a costruire diversi grandi impianti necessari per importare più GNL e le compagnie energetiche statunitensi sono destinate a costruire terminali per esportare più gas.

“La crisi di quest’anno non è così grave come avrebbe potuto essere”, ha affermato Amy Myers Jaffe, esperta di energia presso la Fletcher School della Tufts University.

Ha aggiunto che le mosse aggressive di Putin in Ucraina potrebbero ritorcersi contro, riducendo l’importanza della Russia come fornitore di energia per l’Europa. “Vedremo più di questi passaggi e politiche e un aumento delle energie rinnovabili”, ha affermato.

Tuttavia, i prezzi del gas in Europa sono circa quattro volte superiori rispetto a un anno fa, costringendo i consumatori e le imprese a pagare di più per elettricità e riscaldamento. La possibilità di attingere alle vaste risorse energetiche della Russia è diventata meno probabile con ogni escalation.

David L. ha detto: Sotto il presidente Barack Obama.