Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le aziende di carne coltivata in fabbrica attraggono sei volte più investimenti | Industria della carne

L’industria emergente che coltiva carne vera nei bioreattori ha raggiunto un anno record nel 2020, con investimenti in crescita di sei volte e decine di nuove società stabilite.

Uno studio indica anche che l’80% delle persone nel Regno Unito e negli Stati Uniti è aperto a mangiare carne prodotta in fabbrica piuttosto che sul campo, con i ricercatori che concludono che è più probabile che la carne coltivata su larga scala sia accettata dal grande pubblico.

La carne coltivata può produrre un numero significativamente inferiore di emissioni di riscaldamento climatico rispetto alla carne di mucche sepolte da metano e altro bestiame, e richiede anche meno terra e acqua. Nei paesi ricchi, tagliare il consumo eccessivo di carne tradizionale è visto in questo modo Fondamentale per affrontare la crisi climatica.

Le aziende stanno sviluppando carni che vengono comunemente consumate, come pollo e manzo, oltre a tonno, granchio, cavallo e canguro. I prodotti sono prodotti in strutture sterili senza antibiotici, il che riduce i rischi per la salute umana attraverso la resistenza agli antibiotici.

Il Good Food Institute (GFI), un ente di beneficenza incentrato sulle proteine ​​sostenibili, si trova a Rapporto annuale di settore Le aziende produttrici di carne hanno ricevuto investimenti per oltre 300 milioni di euro nel 2020 e il numero di aziende è cresciuto del 43% a 76 aziende.

Ha detto che molte aziende stanno passando dal laboratorio a strutture in grado di produrre migliaia di chilogrammi di carne all’anno. Tra questi c’è Mosa Meat nei Paesi Bassi, il cui fondatore ha prodotto un Il primo hamburger di manzo in laboratorio nel 2013.

“Le prime mosse erano motivate dalle promesse di carne coltivata – carne vera con una frazione dell’impatto climatico avverso e senza un contributo alla resistenza agli antibiotici o al rischio di epidemie – ma nessuno sapeva se il mondo fosse preparato”. Bruce Friedrich, Il CEO di GFI ha dichiarato: “Lo sappiamo adesso”.

READ  La mamma rivela le ultime parole che il marito ha detto, 30 anni, prima di morire nel sonno
Mucche in Normandia, Francia. Un recente rapporto ha suggerito che l’Europa e il Nord America potrebbero raggiungere il “picco di carne” entro il 2025 grazie alle alternative a base vegetale. Foto: DBPITT / Getty Images / iStockphoto

Le alternative di carne a base vegetale, come Beyond Burger, hanno raggiunto il mercato di massa, mentre la carne d’allevamento non sarà ampiamente disponibile per almeno alcuni anni. Tuttavia, i sostenitori della carne a base di cellule ritengono che il suo gusto autentico le darà un vantaggio e che le più grandi aziende di carne tradizionali del mondo, come Tyson e Cargill, siano i principali investitori nel settore.

Era carne coltivata Certificato per la vendita per la prima volta A novembre a Singapore. Un recente rapporto ha indicato che tale carne sarebbe ancora più costosa della carne normale fino all’inizio degli anni ’30, ma che potrebbe raggiungere l’Europa e il Nord America. “Picco di carne” entro il 2025 Grazie alle alternative vegetariane. Un’analisi nel 2019 ha suggerito che la maggior parte delle carni farà proprio questo Non staccarti dalle carcasse entro il 2040.

“Il settore della carne coltivata ha raggiunto un anno record nel 2020. Tuttavia, si nota che molti di questi progressi si sono verificati al di fuori dell’Europa.

“Per avere la possibilità di raggiungere i loro obiettivi climatici e porre fine alla deforestazione, i governi devono investire nella ricerca ad accesso aperto di cui abbiamo bisogno per rendere la carne di allevamento accessibile ed economica”.

Trova le posizioni della carne coltivata Pubblicato sulla rivista Foods Ha esaminato le opinioni di 4.000 consumatori rappresentativi, metà dei quali nel Regno Unito e l’altra metà negli Stati Uniti. “Abbiamo riscontrato un alto livello di apertura – 80% – sia nella popolazione degli Stati Uniti che in quella del Regno Unito, con un’alta probabilità che il 40% provi e il 40% provi in ​​una certa misura o in media”, hanno detto i ricercatori.

Le generazioni più giovani hanno avuto la massima apertura. Più dell’85% delle persone di età inferiore ai 39 anni ha affermato di avere maggiori probabilità di provare la carne di allevamento. Lo ha detto circa il 75% delle persone di età superiore, in media le persone si aspettavano che la carne d’allevamento rappresentasse circa il 40% del loro futuro consumo di carne.

Kerry Szegda, dell’Arizona State University negli Stati Uniti, che ha guidato il gruppo di studio. “Questi gruppi tendono ad essere un po ‘incoraggiati a provare nuove innovazioni alimentari”,

Lo studio è stato finanziato da Aleph Farms, una società israeliana che ha rivelato La prima bistecca al mondo Nel dicembre 2018, il CEO Didier Tobia ha dichiarato: “La visione a lungo termine è fornire un’alternativa migliore all’allevamento industriale, che oggi rappresenta quasi il 70% della produzione globale di carne”.

Il rapporto GFI afferma che le scoperte tecnologiche fondamentali non sono essenziali per la produzione di carne coltivata in grandi mercati, ma che ci sono ancora sfide ingegneristiche per contenere i costi.

All’inizio di maggio, la società israeliana Future Meat ha dichiarato di averlo fatto Taglia a metà i costi di produzione del petto di pollo d’allevamento Negli ultimi quattro mesi, è passato da $ 7,50 a $ 4. L’azienda prevede che il costo scenderà a meno di $ 2 entro 18 mesi.