Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le agenzie italiane devono fare tutto il possibile per catturare i leader dello schieramento

L’Italia non è ben nota per i suoi mercati obbligazionari delle agenzie governative. Ma sembra che un gruppo di nuove – e quasi nuove – agenzie stiano entrando a far parte della nota Banca Nazionale di Sviluppo, Cassa Depositi e Prestiti. Il modo in cui gestiscono i loro viaggi nel mercato obbligazionario può determinare il loro vantaggio per lo stato.

Una recente serie di operazioni obbligazionarie da parte di emittenti quasi-agenzie italiane dovrebbe essere di buon auspicio per lo sviluppo economico del Paese e per il suo bilancio carico di debiti.

È un segnale incoraggiante che il denaro sta affluendo in una varietà di iniziative finanziarie guidate dallo stato italiano, nonostante la volatilità del mercato e l’aumento dei rendimenti del debito statale.

Tuttavia, affinché questi nuovi emittenti si trasformino in mezzi significativi di finanziamento delle politiche sociali o energetiche, dovranno trovare il modo di frenare i propri spread creditizi, probabilmente dimezzandoli rispetto ai livelli attuali.

CDP Reti la scorsa settimana ha ripreso l’emissione di obbligazioni dopo una lunga pausa, stampando un accordo quinquennale da 500 milioni di euro a 200 punti base sui BTP.

È una holding con partecipazioni significative in Sanam, la rete italiana del gas, e Terna, la rete elettrica.

CDP Reti è partecipata al 59,1% da CDP e al 35% dalla State Grid Corp of China. Il restante 5,9% è detenuto da investitori istituzionali italiani.

L’operazione CDP Reti è quotata sulla base di swap medi, che è lo standard abituale per i mutuatari aziendali, ma anche contro i BTP, per i suoi stretti legami con la CDP, che a sua volta è partecipata all’84% dal Ministero italiano del Economia e finanza.

Analoga logica è stata applicata al primo accordo di questa settimana dell’Istituto per il Credito Sportivo, un fondo che finanzia le infrastrutture sportive e la conservazione del patrimonio culturale in Italia. ICS ha sostenuto progetti come il nuovo Juventus Football Stadium e lavori relativi alle Olimpiadi Invernali 2026 di Milano.

READ  Azione questa settimana | L'economista

Poiché ICS è partecipata all’80,4% da MEF, i BTP vengono nuovamente utilizzati come riferimento di prezzo.

I mandanti di ICS hanno anche iniziato a commercializzare il suo accordo utilizzando l’obbligazione CDP Reti come riferimento per i prezzi.

La guida di prezzo iniziale era di 200 punti base sui BTP e il social bond a tre anni da 300 milioni di euro era prezzato a 190 punti base.

Quando l’operazione ICS è stata lanciata nel marketing, il trade di CDP Reti era sceso a 165 punti base – 168 punti base tramite BTP, sebbene il suo spread sugli swap si fosse ridotto solo di circa 10 punti base.

Questo andamento dei prezzi è stato incoraggiante per gli esportatori italiani e per gli investitori. ICS probabilmente risparmierà dei soldi sui suoi costi di finanziamento perché CDP Reti è stato inasprito.

Gli investitori domestici, che hanno più familiarità con il credito, potrebbero essere stati tentati di aspettarsi una performance simile da ICS.

La creazione di un gruppo di agenzie italiane – o quasi-agenzia nel caso dell’ICS, che è ufficialmente una banca – e l’utilizzo del mercato obbligazionario per finanziare le sue attività, possono aiutare lo sviluppo nazionale.

La Francia è un chiaro esempio. Il gruppo delle agenzie nazionali, che si autofinanzia in modo autonomo, consente al governo di procedere con diverse iniziative sociali e infrastrutturali senza riconoscere ulteriori debiti nel bilancio nazionale.

Per l’Italia, il paese più indebitato d’Europa, vale la pena esplorare ogni opportunità per condividere il peso del debito con altre spalle.

Nonostante qualche previsto calo del debito, Moody’s prevede che l’Italia finirà il 2022 con un debito del 145% del PIL. La Francia dovrebbe avere il 109% e il Belgio il 105%.

Le strutture societarie di ICS, CDP Reti e SGA (nota anche come Asset Management Co o Amco), veicolo per la gestione dei prestiti bancari italiani in sofferenza, consentono anche al governo di trasferire parte del rischio agli investitori privati.

READ  In arrivo in Europa l'obbligo del vaccino contro il COVID

Invitalia, agenzia nazionale per la promozione degli investimenti interni e dello sviluppo economico, è il prossimo emittente alla ricerca di liquidità nel mercato obbligazionario. Prevede di rilasciare un contratto di debutto per tre o quattro anni.

AMCO è la fonte più affermata per questo pacchetto. La sua proprietà governativa quasi completa del 99,78% l’ha aiutata a stampare una manciata di obbligazioni. Il più recente è stato di 500 milioni di euro 3,5 anni, al prezzo del 20 settembre di 127 punti base sui BTP.

Ma i livelli ai quali vengono finanziati AMCO e tutte le altre nuove agenzie sono ancora lontani da dove viene scambiato il debito CDP.

L’ultima grande agenzia record di 750 milioni di euro per cinque anni a metà settembre ha pagato 45 punti base in più rispetto ai BTP, come quelle agenzie francesi di prelievo devono pagare i loro sovrani.

Una settimana dopo il CDP, la Caisse d’Amortissement de la Dette Sociale ha stampato un’obbligazione decennale da 5 miliardi di euro a 35 punti base sull’OAT, sebbene questa fosse una dimensione e una scadenza più ambiziose rispetto al CDP.

Il giorno dopo Caisse, la più piccola Caisse Centrale du Crédit Immobilier de France (3CIF) ha raccolto 500 milioni di euro con una garanzia di cinque anni a 48 punti base su OAT.

Quindi Action Logement Services ha emesso un social bond da 750 milioni di euro per 15 anni su scala più ampia, con un aumento di 53 punti base.

Da allora, in condizioni di mercato avverse, le agenzie francesi hanno dovuto ampliare i propri margini. Caisse des Dépôts et Consignations e l’Agenzia francese per lo sviluppo hanno emesso, rispettivamente, a metà ottobre note a 5 e 10 anni a 57 punti base e 55 punti base sulle obbligazioni OAT.

La creazione di nuove agenzie potrebbe essere salutare per l’Italia, se è in grado di gestire compiti specifici e specializzati con maggiore attenzione e flessibilità rispetto al governo, oltre a dividere semplicemente parte del debito del settore pubblico in entità che non vi figurano. Il rapporto debito/PIL è deprimente.

Ma per ottenere il massimo beneficio dal Paese, la prossima azione legale delle agenzie dovrebbe essere quella di iniziare a ridurre i margini di finanziamento.

Come ICS, Amco occupa un’area grigia tra un’agenzia e l’emittente di un istituto finanziario. Ciò giustifica probabilmente parte del premio nello spread obbligazionario, così come la loro mancanza di un esplicito sostegno statale.

I banchieri hanno suggerito che se fosse stata un’agenzia emittente ben consolidata, interamente controllata e garantita dallo stato, ICS avrebbe potuto emettere a circa 20-30 punti base tramite BTP.

Questo suona come un pio desiderio. Anche KfW, che è garantita dalla Germania, finanzia 50 punti base su obbligazioni almeno da agosto. Il suo ultimo accordo triennale da 4 miliardi di euro la scorsa settimana ha ripagato di 74,5 punti base.

Questi sono tempi difficili, e questo è un eufemismo. Ma come dimostrano le agenzie francesi e tedesche, gli investitori pagheranno il prezzo della familiarità e della scalabilità.

Il gruppo delle nuove agenzie italiane dovrà conquistare la fiducia del mercato. Hanno iniziato bene, cercando di creare un seguito tra gli investitori locali prima di attirare acquirenti internazionali. Quanto segue mostra al CDP a cosa può mirare. Il primo obiettivo dovrebbe essere quello di portare i propri spread sui BTP a meno di 100 punti base.