Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Le 10 auto sportive europee più sottovalutate degli anni ’60 e perché le acquistiamo

Mentre i modelli prodotti da giganti europei come Porsche, Ferrari e Lamborghini negli anni ’60 sono diventati icone nel mondo automobilistico, il decennio è stato anche la chiave per sviluppare la nicchia e i nomi di molte altre auto. auto sportiva Produttori che sono ancora popolari oggi.

Relazionato: 10 auto sportive estremamente rare che chiunque può permettersi

Sfortunatamente, per la maggior parte del loro tempo sul mercato, alcune delle auto sportive classiche prodotte da questi marchi meno conosciuti sono state sottovalutate e hanno dovuto lottare per l’attenzione e il riconoscimento. Mentre tutti sono abituati al fatto che le auto sportive dovrebbero spazzare via ogni altra auto sulla strada, molte delle nuove auto sportive degli anni ’60 non avevano le prestazioni per eguagliare Ferrari o Lamborghini.

Tuttavia, dopo sei decenni, queste auto sportive classiche dimenticate sono pezzi incredibilmente belli da collezionare e adorare e, a causa del loro status inferiore, molti di questi sono disponibili per le papille gustative a buon mercato.

10 Lancia Fulvia

Lancia Fulvia
Tramite moderne auto classiche

Lancia Fulvia fu originariamente lanciata nel 1963 e divenne rapidamente popolare tra i fan. Grazie all’intelligente sistema di trazione anteriore, l’eccellente maneggevolezza della Fulvia è stata molto apprezzata e la vettura ha vinto così tante gare da vincere tutti i Campionati Italiani Rally tra il 1965 e il 1973, il che è decisamente sorprendente.

Via lupi

Negli ultimi tempi, però, l’auto è stata sottovalutata, grazie all’enorme successo di altre Lancia come la Stratos, la 037 e la Delta Integrale. La Fulvia è ancora molto apprezzata dagli appassionati di auto italiani, ma non ha mai raggiunto gli stessi livelli di desiderio nonostante sia una delle auto sportive più attraenti degli anni ’60.

9 La BMW 1800TI

La BMW 1800TI
Tramite Classic.com

La BMW 1800TI faceva parte del gruppo BMW New Class. La parola “TI” nel nome significa “Turismo Internazionale” ed è stata sequestrata da Alpina. I pistoni ad alta pressione contribuiscono ad aumentare la potenza a 110 CV, rendendola la berlina sportiva per eccellenza. Al momento del rilascio, l’auto è stata un successo tra i fan della BMW ed era decente da guidare, anche se difficile da gestire quando pioveva.

La BMW 1800TI
Via Bonhams

Il motivo principale per cui questa vettura è stata sottovalutata è la statura classica raggiunta dal suo successore, la 2002TI. Questa macchina era migliore da guidare, più raffinata e conservava ancora il buon aspetto classico, il che significa che è molto più collezionabile di questi tempi. Tuttavia, ne acquistiamo ancora uno per questo motivo e perché era generalmente Meravigliosa macchina turisticaE perché lo è Incredibilmente economico Rispetto a molte auto BMW classiche.

8 Lotus Europa

Lotus Europa
Via Lotus

La Lotus Europa è stata una delle prime auto sportive a motore centrale prodotte. È stato rilasciato nel 1966 e veniva fornito con un motore Renault che produceva 82 CV, che è più che sufficiente per il peso ridotto di 1.570 libbre. Non solo, ma l’auto aveva una manovrabilità equilibrata pur essendo incredibilmente ben costruita.

Correlati: queste sono le 10 auto più belle che Lotus abbia realizzato

Lotus Europa
Via Lotus

Il motore Europa è stato completamente sottovalutato, in quanto il motore non ha prodotto la potenza che la maggior parte avrebbe voluto. Ci sono stati miglioramenti negli anni ’70, ma le versioni degli anni ’60 hanno sicuramente faticato in termini di resistenza. Tuttavia, ne abbiamo comunque acquistato uno per la sua grande ingegneria e qualità in Europa e perché era un’auto molto interessante.

7 Alfa Romeo Giulia TI

Alfa Romeo Giulia TI
Via Bonhams

L’Alfa Romeo Giulia TI fu lanciata nel 1962. Sfruttava il motore Alfa Romeo a doppia fotocamera che produceva 91 CV, rendendola una delle berline sportive più dolci sul mercato. Anche l’aspetto era bellissimo, il che ha migliorato l’appello dell’auto per la folla.

Alfa Romeo Giulia T
Tramite motorsport.me

Con questo in mente, parte del motivo per cui TI sta sottovalutando ora è perché molti appassionati spesso optano per versioni successive del veicolo. Quando l’auto è stata aggiornata (esempio Giulia TI Super), la potenza è aumentata e l’auto è diventata più competitiva in gara. Tuttavia, compriamo ancora T.I. perché è molto creativo di per sé, e sarebbe bello avere la prima versione della famiglia Giulia. Per un nome che è ancora vivo, è interessante vedere fino a che punto è arrivata l’auto.

6 Triumph TR5

Triumph tr5
Tramite Pinterest.com

La Triumph TR5 fu lanciata nel 1967 ed era molto più potente della precedente TR4. Una versione meno potente era disponibile in Nord America a causa delle normative sulle emissioni e l’auto fu commercializzata come Triumph TR250. Con solo 104 cavalli sul mercato statunitense, non è stato del tutto impressionante, ma si vende bene.

Correlati: 15 fantastiche auto realizzate per un solo anno

Triumph TR5
Tramite H&H Classics

L’auto è chiaramente sottovalutata a causa della sua bassa potenza, ma in realtà era piuttosto buona. Ha fatto meglio della TR6, mentre le versioni TR5 in Europa erano estremamente potenti con 150 CV al clic. Mentre il TR5 più veloce può ora essere importato in America, vale ancora la pena considerare il TR250.

5 ISO Revolta GT

ISO Revolta GT
Tramite Wikimedia Commons

Lanciata nel 1962, la Iso Rivolta GT era un’auto molto impressionante del marchio che inizialmente produceva solo scooter. È interessante notare che il telaio lo era Disegnata da Jyoti Bizarini della Ferrari, E considerata da molti bella come una Ferrari contemporanea mentre costa meno. È dotato di un V8 di origine GM e può raggiungere i 140 mph.

ISO Revolta GT
Modo per me

Tuttavia, l’auto è rimasta sottovalutata. Sebbene condivida molte somiglianze con le auto Ferrari senza un singolo costo o aspetto, il marchio Ferrari continua a mettere in ombra l’auto. In quanto tale, mentre le vendite erano buone nel corso della giornata (797 prodotte), l’auto non sta ottenendo molta attenzione ora. Anche se questo è il caso, compreremmo comunque la Rivolta GT se fosse in ottime condizioni perché era davvero una grande macchina che meritava riconoscimenti.

4 Fiat Dino Coupe

Via Silodrome

La Fiat Dino Coupé è stata lanciata nel 1967 e Bertone l’ha progettata. Veniva anche dotato di un motore Ferrari V6, lo stesso installato sulla Dino 246. Produceva 160 cavalli e permetteva all’auto di raggiungere una velocità massima di 124 mph. 2.400 modelli successivi furono assemblati nello stabilimento Ferrari.

CORRELATO: Uno sguardo dettagliato alla Fiat Dino

Via wikipedia.org

Tuttavia, la versione coupé del Dino è stata notevolmente oscurata dal Dino Spider. La Spider è stata costruita da Pininfarina, ma è ancora dotata dello stesso motore utilizzato nella Coupé – ed entrambe le vetture hanno anche un motore da 2,4 litri nel 1969. Mentre il design della Spider ebbe più successo, la coupé era ancora una grande macchina che meritava sicuramente più riconoscimento. In quanto tale, ci piacerebbe provarlo per il momento. Il coupé non è esattamente a buon mercato, ma lo è Costa molto meno Dall’acquisto di una Fiat Dino Spider, a volte per $ 100.000.

3 La Volvo P1800

Via Hagerty

Rilasciato nel 1961, il P1800 era elegante e affidabile, ma non era molto potente. Non molti sono stati colpiti dalla mancanza di forza Perché è arrivato con 96 CV E una velocità massima di 107 miglia all’ora. In quanto tale, il veicolo non è all’altezza del nome dell’auto sportiva. La potenza del motore potrebbe essere stata aggiornata sul P1800E, ma il P1800 iniziale rimane sottovalutato se si considera quanto sia affidabile ed elegante.

Il cuore della Volvo P1800 era il B18, un 1.8 litri a quattro ruote motrici che riusciva a produrre 100 CV, abbinato a un cambio manuale.
Via Hagerty

Mentre molti hanno evitato di investire nella P1800, le auto sono in realtà facili da mettere a punto e aggiornare. La loro qualità costruttiva di lunga durata spesso non viene presa in considerazione e gli acquirenti dovrebbero assolutamente considerarlo quando cercano un veicolo, ricordando anche che l’acquisto di un P1800 in generale è economico.

2 Borsa di studio TVR

TVR è Granturi Mk 3
Via Hagerty

Le restanti quattro versioni del TVR Grantura furono lanciate tra il 1962 e il 1967. Queste versioni erano dotate di una gamma di motori, incluso il 1800CC MGB che produceva 95 CV. C’era anche un’enfasi sulla leggerezza, con l’auto che pesava 1904 libbre. Lo scheletro di Grantura è stato utilizzato sul più famoso Griffith, che era più potente.

Programma TVR Grantura Mk4
Tramite il blog TVR

Nessuna di queste generazioni è così sottovalutata perché, sebbene i valori siano abbastanza buoni, i TVR non hanno la stessa reputazione delle auto sportive britanniche della stessa epoca come la Austin Healey 3000 e la Jaguar E-Type. Sebbene TVR sia stato in molti modi più veloce e migliore da guidare, è ancora sottovalutato perché non è altrettanto popolare.

1 NSU Spider

NSU WANkel Spider
Via Diller

La NSU Spider è stata la prima vettura di produzione occidentale ad essere alimentata da un motore rotativo, e anche il telaio è stato progettato da Bertone, il che ha reso il veicolo interessante in termini di ingegneria ma anche in termini di design. Non è mai stato progettato per essere rilasciato a molte persone e ne sono stati realizzati solo circa 2.400.

La SU Wankel è stata la prima auto sportiva rotante
Tramite Pinterest

Non era pratico come un’auto sportiva, il che lo rendeva completamente indesiderabile per molti. Il motore rotativo non era il massimo, ma l’auto era incredibilmente ben bilanciata e il cambio è fantastico. Ecco perché stiamo ancora raccogliendo NSU Spider. L’auto potrebbe non aver ottenuto un uso del motore rotativo così impressionante come i modelli Mazda, ma la amiamo comunque e ci piacerebbe provarla.

Avanti: Le 10 auto sportive più trascurate e dimenticate


successivo
10 auto americane economiche che non vedrai più sulle strade


Circa l’autore

READ  "Soffrirò", dice Marquez al ritorno mentre Quartararo prende il comando