Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’azienda italiana Tod’s Group supera il miliardo di euro di vendite nel 2022 – WWD

Milano Il Gruppo Tod’s ha superato nel 2022 la soglia del miliardo di euro.

Nei dodici mesi terminanti il ​​31 dicembre, le vendite primarie sono aumentate del 13,9% rispetto agli 883,8 milioni di euro del 2021. Si tratta di circa il 10% in più rispetto al livello pre-pandemia del 2019.

L’effetto moneta è stato positivo, in particolare per Tod’s e Ruggero Phifer Marchi che hanno una maggiore presenza all’estero. A tassi di cambio costanti, inclusi gli effetti di copertura, i ricavi sono aumentati dell’11,4% lo scorso anno.

con la situazione attuale, Diego Della Valle, Presidente e Amministratore Delegato, esprime soddisfazione per i risultati. “È molto importante vedere la qualità di questi numeri: la crescita, infatti, è stata trainata dal canale retail e dal marchio Tod’s, che ha ottimi risultati in tutte le categorie merceologiche”, ha affermato Della Valle. “Stiamo raccogliendo i primi frutti della strategia di medio termine che abbiamo avviato negli ultimi anni, che punta ad aumentare il valore patrimoniale del gruppo e di ogni singolo brand, e allocare tutti gli investimenti necessari per ottenere questo risultato. Siamo lieti di notare che i nostri clienti stanno sempre più apprezzando l’altissima qualità dei nostri prodotti, la loro distintiva artigianalità italiana e uno stile di vita dal forte valore creativo”.

Nel 2022, le vendite hanno raggiunto Todd Il marchio è cresciuto del 19,1% a 509,9 milioni di euro, crescendo in tutti i mercati geografici, sia nella categoria calzature che nelle nuove famiglie di pelletteria e accessori.

Ruggero Phifer I ricavi sono aumentati del 7,1% a 246 milioni di euro, anche se la crescita del marchio è rallentata a partire da marzo a causa della sua significativa esposizione al mercato cinese, che è stato colpito dalle restrizioni per frenare la pandemia di COVID-19.

READ  La Ferrari stabilisce profitti record con il boom delle vendite di supercar | Industria automobilistica

Hogan Le vendite sono aumentate del 10,9% a 195,9 milioni di euro e Fay è aumentata del 10,7% a 53,4 milioni di euro.

Le vendite in Italia sono aumentate del 15,9% a 251,7 milioni di euro e in Europa sono aumentate del 25,7% a 216,8 milioni di euro. Le due regioni hanno registrato un progressivo miglioramento a partire dal secondo trimestre del 2022, sostenuto dalla spesa interna e dalla forte presenza di turisti provenienti da Europa, America e Medio Oriente.

Le vendite nelle Americhe sono aumentate del 31,2% a 81,9 milioni di euro, sostenute da una base di confronto favorevole e nonostante il fatto che gli americani abbiano spostato i loro acquisti all’estero, in particolare durante i mesi estivi.

La Grande Cina ha registrato un calo delle vendite dell’8,4% a 287,2 milioni di euro. Dopo un buon inizio d’anno, la Cina ha registrato un significativo rallentamento della crescita, a partire da marzo, a causa delle severe restrizioni governative. La società ha indicato che anche dopo il graduale allentamento di queste misure nella seconda metà dell’anno, la domanda dei consumatori è rimasta volatile ed è diminuita a causa dei blocchi in molte città primarie.

Le vendite nel resto del mondo sono aumentate del 43,3% a 169,3 milioni di euro, trainate da ottime performance in Giappone e Corea del Sud.

“Stiamo continuando a sviluppare la nostra rete di distribuzione, con l’apertura di negozi selezionati anche in nuovi mercati, e siamo particolarmente concentrati sull’ottimizzazione della crescita organica”, ha affermato Della Valle.

Il canale retail è cresciuto del 12,7% raggiungendo i 743,3 milioni di euro di fatturato nel 2022, pari a circa il 74% delle vendite totali. Positiva la crescita organica e positivo anche il canale e-commerce, sostenuto dagli investimenti digitali del gruppo.

READ  Paolo Del Brocco di RAI Cinema parla per la prima volta di Venezia - Scadenza

“Stiamo inoltre potenziando sempre più il nostro team di marketing e comunicazione, con particolare attenzione al mondo digitale, per avvicinarci sempre di più ai clienti più giovani”, ha proseguito Della Valle. “Vista l’ottimo inizio d’anno nei nostri negozi e la solidità del portafoglio ordini per la prossima stagione, siamo molto fiduciosi sui risultati futuri del gruppo”.

Al 31 dicembre la rete distributiva è composta da 333 negozi in gestione diretta e 89 negozi in concessione, rispetto ai 318 negozi in gestione diretta e 88 negozi in franchising a fine dicembre 2021.

Dopo aver razionalizzato la distribuzione all’ingrosso negli ultimi anni, le vendite in questo canale sono aumentate del 17,5% a 263,6 milioni di euro.

Per categoria, le vendite di calzature sono aumentate del 10,5% a 776,8 milioni di euro, rimanendo il core business del gruppo.

La pelletteria e gli accessori sono aumentati del 33,7% a 160,6 milioni di euro e l’abbigliamento è aumentato del 13,9% a 67,8 milioni di euro.

All’inizio di questo mese il Gruppo Tod’s ha aderito al Global Compact delle Nazioni Unite, la più grande iniziativa strategica al mondo per la sostenibilità e la cittadinanza d’impresa.

“Il nostro impegno ad adottare comportamenti responsabili a tutela dei diritti umani, della salute, della sicurezza e del benessere nei luoghi di lavoro, nonché a promuovere la tutela dell’ambiente e degli ecosistemi, fa parte della nostra cultura e riflette i valori che la nostra organizzazione si è sempre tradotta in progetti concreti e virtuosi a beneficio delle comunità e dei territori in cui operiamo”, ha affermato Della Valle.

Il Consiglio di Amministrazione del Gruppo ha inoltre approvato la nuova policy a tutela della diversità, dell’equità e dell’inclusione.

READ  Little Italy Cagibi Restaurant & Cafe ha annunciato la sua chiusura

I risultati completi per il 2022 saranno approvati dal Consiglio di Amministrazione previsto per il 13 marzo.

Il gruppo Tod’s ha abbandonato i piani di cancellazione a dicembre dopo una gara d’appalto fallita. Il delisting doveva consentire al gruppo di investire in entrambi i marchi che controlla a medio e lungo termine senza restrizioni sulla rendicontazione dei risultati trimestrali. L’obiettivo era migliorare la visibilità di ciascuna etichetta, rafforzarne la posizione nella fascia più alta del mercato e fornire maggiore autonomia operativa.