Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’avventuriero italiano include T&T in un viaggio transatlantico | sport locale

Il velista italiano Sergio Davi spera che il tempo collabori nelle prossime otto-nove settimane in modo da poter continuare il suo progetto da solista da Ocean to Ocean ICE RIB (Inflatable Rubber Boat) verso la sua destinazione finale a Los Angeles.

Davy ha fatto una delle numerose soste all’inizio di questa settimana a Trinidad dopo il suo volo dalla Guyana francese. Il suo viaggio transatlantico è iniziato nel giugno 2021 da Palermo. L’avventuriero e pacificatore di 67 anni – noto come il “portatore di torce della pace” per i suoi sforzi per promuovere la pace durante i suoi viaggi per mare – ha fatto la sua prima tappa a Capo Verde.

Dopo alcuni lavori di manutenzione e messa a punto del gommone di 11 metri — che è dotato delle più recenti tecnologie di navigazione, radar e GPS per aiutare il marinaio nel suo viaggio — Davy è partito venerdì all’inizio di Trinidad, diretto a Curacao. Da lì si dirigerà a nord prima di girare intorno al Canale di Panama in direzione della Colombia. L’ultima tappa del suo viaggio lo vedrà fare un lungo viaggio lungo la costa centroamericana fino alla sua ultima dimora a Los Angeles.

“La mia famiglia è sempre stata appassionata di avventura e si è goduta lunghi viaggi in alto mare, quindi è stata allevata”, ha detto Davey al Sunday Express.

Chris Burford, rappresentante della Yachting Service Association of Trinidad and Tobago (YSATT), che è anche associato a Suzuki Marine T&T, ha anche fornito supporto a Davi e alla sua nave, che è azionata da due motori fuoribordo Suzuki da 300 HP.

READ  California Dreams: Batista percorre la strada aperta mentre fa il suo debutto dinamico negli Stati Uniti

Davy ha lasciato intendere che l’unica difficoltà con la sua avventura in mare aperto finora è stato il tempo.

“Il tempo a volte è buono, a volte non così buono”, ha spiegato. “A volte c’è una grande onda e poi arriva il vento. Ma la mia priorità è tenere d’occhio il tempo, che è la più grande preoccupazione del mio viaggio”.

Il viaggio ha anche un significato ambientale poiché Davey, appassionato anche di cambiamenti climatici e altre questioni ambientali, raccoglie campioni d’acqua per tornare all’Università di Palermo per valutare la presenza di microplastiche.

Quando gli è stato chiesto se si sarebbe imbarcato in un’altra grande avventura dopo questa, Davey ha detto: “Non lo so. (Prendiamolo) passo dopo passo. Molto importante. Dopodiché, è possibile”.