Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Australia ritira l’opposizione al Trattato sulla proibizione delle armi nucleari con il voto dell’ONU | armi nucleari

L’Australia ha abbandonato la sua opposizione a un trattato storico che vieta le armi nucleari con un voto Nazioni Unite sabato a New York.

Sebbene l’Australia non abbia effettivamente aderito al Trattato sulla proibizione delle armi nucleari, il passaggio dalla sua posizione dal voto all'”astensione” dopo cinque anni di “no” è visto dagli attivisti come un segno di progresso dato che il precedente governo di coalizione ha ripetutamente si schierò con gli Stati Uniti contro di essa.

Il Ministro degli Affari Esteri , Penny WongAttraverso un portavoce, ha affermato che l’Australia “ha un lungo e orgoglioso impegno per il regime globale di non proliferazione e disarmo” e che il governo sostiene “l’ambizione del nuovo trattato per un mondo senza armi nucleari”.

Il precedente governo di coalizione si è opposto fermamente al Trattato sulla proibizione delle armi nucleari, un accordo internazionale relativamente nuovo che impone un divieto generale di sviluppo, test, stoccaggio, uso o minaccia di uso di armi nucleari – o di aiutare altri paesi a svolgere tali attività . .

L’Australia ha votato contro l’apertura dei negoziati sul nuovo trattato proposto alla fine del 2016 e non ha partecipato a quei colloqui nel 2017. Dal 2018 ha votato contro le risoluzioni annuali dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite e del Primo Comitato che invitava tutti i paesi ad aderire al trattato ” prima possibile”.

La situazione è cambiata sabato mattina presto quando l’Australia ha cambiato la sua posizione sul voto per astenersi. Indonesia, Nuova Zelanda, Malesia e Irlanda sono stati tra i paesi che hanno co-sponsorizzato la risoluzione delle Nazioni Unite di quest’anno.

L’Australia ha tradizionalmente sostenuto che il trattato non avrebbe avuto successo perché nessuno degli stati dotati di armi nucleari si era unito e perché “ha ignorato le realtà dell’ambiente di sicurezza globale”.

Ha anche sostenuto di aderire Violazione degli impegni dell’alleanza degli Stati UnitiCon l’Australia che fa affidamento sulle forze nucleari statunitensi per scoraggiare un attacco nucleare contro l’Australia.

Ma il trattato ha guadagnato slancio a causa di aumento del risentimento Tra attivisti e Stati non nucleari sulle prospettive di disarmo, visto che Stati dotati di armi nucleari come Stati Uniti, Russia e Cina stanno modernizzando i propri arsenali.

Il trattato è attualmente firmato da 91 paesi, 68 dei quali lo hanno formalmente ratificato, ed è entrato in vigore lo scorso anno.

Il vincitore del Premio Nobel per la pace Campagna internazionale contro le armi nucleari (ICAN) ha esortato l’Australia a votare a favore della risoluzione delle Nazioni Unite sabato – o almeno ad astenersi per “porre fine a cinque anni di opposizione al Trattato sulla proibizione delle armi nucleari ai sensi del precedente governo”.

Tre su quattro membri del blocco laburista – tra cui Anthony Albanese – hanno firmato l’Icahn Pledge che obbliga i parlamentari a “lavorare per la firma e la ratifica di questo storico trattato da parte dei nostri Paesi”.

Il Programma nazionale del lavoro 2021 ha impegnato il partito a firmare e ratificare il trattato “dopo aver tenuto conto” di diversi fattori, inclusa la necessità di una struttura di verifica e attuazione efficace e di lavorare per ottenere un sostegno globale.

Queste condizioni indicano che le barriere alla firma effettiva potrebbero essere ancora elevate. Ma Jim Rommold, direttore dell’australiana Icahn, ha affermato che il governo si sta “muovendo nella giusta direzione”. Impegnarsi attivamente nel trattato.

Rommold ha detto che sarebbe “totalmente controproducente aspettare che tutte le nazioni dotate di armi nucleari si uniscano” prima che l’Australia si unisca.

“In effetti, nessun trattato sul disarmo ha ottenuto il sostegno universale e l’Australia ha aderito a tutti gli altri trattati sul disarmo, anche se il nostro alleato – gli Stati Uniti – non ha ancora firmato, come il Trattato per la messa al bando delle mine”, ha affermato Rommold.

Nel 2017, Stati Uniti, Regno Unito e Francia hanno annunciato di “non avere alcuna intenzione di firmare, ratificare o aderire al nuovo trattato” e l’amministrazione Trump ha attivamente esercitato pressioni sui paesi affinché si ritirassero.

Wong ha detto all’Assemblea generale delle Nazioni Unite il mese scorso che l’Australia “raddoppierà i nostri sforzi” verso il disarmo perché le deboli e disperate minacce nucleari del presidente russo Vladimir Putin sottolineano il pericolo che le armi nucleari rappresentano per tutti noi.

READ  Putin incolpa l'Occidente per le tensioni e chiede garanzie di sicurezza