Maggio 19, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’aumento dei prezzi dell’acciaio in tempo di guerra minaccia di far deragliare la ripresa economica globale

(Bloomberg) — Un tentativo fallito di costruire un ponte a Roma mette in luce un’altra conseguenza della guerra di Mosca: l’impennata dei prezzi dell’acciaio.

I più letti da Bloomberg

All’inizio di questo mese non c’erano appaltatori per un contratto Ponte dei Congressi da 146 milioni di euro (163 milioni di dollari) attraverso il Tevere poiché le turbolenze del mercato dell’acciaio hanno lasciato i potenziali offerenti diffidenti di essere bruciati. Nelle tre settimane successive all’invasione russa dell’Ucraina, i prezzi dell’acciaio europeo di riferimento sono aumentati del 51% poiché le spedizioni da quei paesi sono state ritirate dal mercato.

Ciò è preoccupante per la ripresa del continente poiché l’acciaio rimane un elemento fondamentale dell’economia moderna. L’aumento dei prezzi, combinato con l’aumento dei costi energetici, lascia produttori e costruttori europei di fronte a una scelta difficile: assorbire il dolore, trasmetterlo ai propri clienti o limitare la produzione.

L’Europa faceva affidamento su Russia e Ucraina per un quinto delle sue importazioni di acciaio e l’effetto è stato aggravato dall’aumento dei costi energetici che ha costretto le acciaierie a tagliare la produzione. Tuttavia, anche altri paesi, tra cui Stati Uniti e Turchia, sono interessati dalla perdita di prodotti chiave.

Leggi: I cercatori di petrolio affermano che la scarsità di acciaio è una delle ragioni per cui la produzione statunitense è stabile

“Va al cuore dell’attività economica delle principali economie come l’Europa”, ha affermato Tom Price, responsabile della strategia delle materie prime di Liberum Capital. “L’effetto increspa la catena di approvvigionamento in modo che l’intera attività economica sia influenzata”.

La guerra in Ucraina, che si aggiunge alle passate interruzioni della catena di approvvigionamento, sta già portando alla carenza di alcuni tipi di acciaio, secondo Angelica Donati, responsabile dello sviluppo del business dell’impresa edile di Roma Donati. Ciò include il corten, un acciaio inossidabile naturale utilizzato nelle costruzioni.

READ  Rivoluzione verde in Europa? I piani di spesa in Italia sollevano dubbi

“L’acciaio corten, prodotto principalmente in Ucraina, al momento non è completamente disponibile”, ha affermato Donati. “Ciò significa che qualsiasi sito in cui utilizzino il Corten – un componente chiave dei ponti in Italia, ad esempio – dovrà inevitabilmente chiudere la produzione”.

Ulteriori aumenti del prezzo dell’acciaio rischiano di distruggere la domanda, secondo l’analista di Bloomberg Intelligence Grant Spry, che vede i settori dell’auto e dei beni di consumo più colpiti.

“Improvvisamente la tua auto è appena aumentata da 700 a 800 euro”, ha detto Spori. “Questo consuma il tuo margine, quindi non hai altra scelta che aumentare i prezzi”.

L’effetto si riverbera anche attraverso l’Atlantico. I prezzi dell’acciaio di riferimento negli Stati Uniti sono aumentati di circa il 56% dall’invasione russa, dopo essere scesi dai livelli record dell’anno scorso. I forni elettrici ad arco, che rappresentano circa il 70% della produzione di acciaio degli Stati Uniti, ricevono più della metà delle loro spedizioni di minerale di ferro primario dall’Ucraina e dalla Russia.

“Tutti sono alla ricerca dell’incertezza”, ha detto in un’intervista telefonica Timna Tanners, analista di Wolfe Research.

La diminuzione della disponibilità di minerale di ferro sta facendo salire il prezzo di un’altra materia prima, rottame di alta qualità, poiché altri produttori di EAF come la Turchia e l’Egitto cercano di limitare le forniture.

Dan Demer, Direttore delle vendite, Heidtman Steel Products Inc. “Se non possono ottenere minerale di ferro dall’Ucraina e dalla Russia, hanno bisogno di ottenere rottami e il posto migliore per ottenere rottami sono gli Stati Uniti”. Tienilo qui, il prezzo deve salire: questo è ciò che ha creato un prezzo minimo nel mercato statunitense”.

READ  Una grande rassegnazione genera una guerra di talenti. Chi lo vincerà? | notizie sulla disoccupazione

Un altro grande shock merceologico della guerra in Ucraina: Javier Blas

Anche la Cina, il più grande mercato siderurgico del mondo, presenta rischi al rialzo per i mercati siderurgici globali. Secondo il ricercatore locale Mistel, le chiusure del Tangshan Center hanno costretto alla chiusura di alcuni altiforni della zona, facendo salire i prezzi.

In teoria, questo potrebbe fornire un po’ di sollievo ai mulini in altre parti del mondo, riducendo i costi del carbone e del minerale di ferro. Ma questo deve ancora concretizzarsi: i prezzi di entrambe le materie prime sono aumentati di oltre il 35% a Singapore quest’anno in mezzo alle aspettative di un aumento della domanda cinese.

Qualsiasi sollievo potrebbe arrivare troppo tardi per Somusalmi, poiché le forze finlandesi respinsero l’esercito russo nella Guerra d’Inverno del 1939-1940. La città potrebbe ora dover lasciare il suo nuovo ponte sullo scaffale, dopo che l’aumento dei prezzi dell’acciaio ha contribuito quasi a raddoppiare il prezzo iniziale.

“Alcuni anziani hanno detto che ci sono voluti un decennio per questo progetto”, ha detto al telefono il sindaco Erno Heikkinen. “Avevamo un’indicazione che i prezzi dell’acciaio erano in leggero aumento, ma l’aumento è stato davvero sorprendente”.

(Aggiunge dettagli sulle aree colpite nel quarto paragrafo)

I più letti Bloomberg Businessweek

© Bloomberg LP 2022