Luglio 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’attivista di Hong Kong Agnes Chow è stata rilasciata dopo aver scontato una condanna nelle proteste antigovernative

L’attivista pro-democrazia di Hong Kong Agnes Chow è stata scarcerata dopo aver trascorso più di sei mesi per aver partecipato a manifestazioni non autorizzate durante le massicce proteste anti-governative del 2019 che hanno portato a una repressione del dissenso nell’ex colonia britannica.

Chow, 24 anni, è stata accolta da una folla di giornalisti mentre lasciava il Tai Lam Women’s Centre.

È passata da un’auto della prigione a un’auto privata senza fare commenti.

Solo un piccolo gruppo di sostenitori era sul posto, riflettendo chiaramente le minacce del governo di incarcerare coloro che ritiene violassero l’ampia legge sulla sicurezza nazionale che Pechino ha imposto sul territorio un anno fa.

La legislazione ha portato all’arresto di importanti attivisti democratici, tra cui Joshua Wong e Jimmy Lai, che stanno scontando pene detentive. Altri hanno chiesto asilo all’estero.

I critici affermano che la Cina sta violando sistematicamente gli impegni assunti per mantenere le libertà promesse a Hong Kong per 50 anni dopo aver ceduto il potere al governo cinese nel 1997.

Una grande folla di manifestanti si è accalcata fitta lungo la strada e ha alzato tutti i numeri sulla mano sinistra e sull'indice destro.
I manifestanti sono scesi in piazza nel luglio 2020 per manifestare contro il National Security Act nell’anniversario del passaggio di Hong Kong alla Cina dalla Gran Bretagna.(

AFP: Vincent Yu/File

)

La signora Zhao si è distinta quando era ancora una studentessa durante il “movimento dell’ombrello” del 2014 che ha chiesto il suffragio universale, insieme a Wong e Nathan Law, a cui è stato concesso asilo politico in Gran Bretagna ad aprile.

Ha un grande seguito in Giappone, visita spesso il paese e pubblica su Twitter nella sua fluente lingua giapponese.

Agnes Chow
La signora Zhao è stata una delle fondatrici del Democratic Demosto Group, che è stato sciolto poche ore dopo che Pechino ha approvato la legge sulla sicurezza nazionale.(

AP: Ken Cheung

)

Le proteste del 2019 sono iniziate come marce pacifiche contro la proposta di legge che avrebbe potuto rimandare i sospetti criminali in Cina per affrontare potenziali abusi e processi iniqui.

Sebbene la legislazione sia stata ritirata, le proteste per chiedere il suffragio universale e un’indagine sugli abusi della polizia sono aumentate e sono diventate sempre più violente quando i manifestanti hanno risposto alle dure tattiche della polizia.

La Cina ha resistito al National Security Act, che ha spazzato via il dissenso nella provincia semi-autonoma.

I difensori affermano che intende garantire che coloro che gestiscono la città siano patrioti cinesi impegnati nell’ordine pubblico e nello sviluppo economico.

La Cina ha anche riformato la legislatura di Hong Kong per dare ai delegati pro-Pechino una stragrande maggioranza. I media di Hong Kong sono quasi interamente dominati da gruppi economici pro-Pechino e persino i librai indipendenti stanno diventando rari.

Il National Security Act ha anche conferito alle autorità ampi poteri per monitorare il discorso online, rendendo difficile tenere raduni dell’opposizione o anche esprimere opinioni critiche nei confronti del governo o di Pechino.

Per la seconda volta quest’anno è stata annullata una fiaccolata annuale per le vittime della sanguinosa repressione del movimento pro-democrazia del 1989 con sede a Piazza Tiananmen a Pechino.

Censura di Hong Kong Questa settimana è stato anche dato il potere di vietare i film che mettono in pericolo la sicurezza nazionale, suscitando il timore che la libertà di espressione venga ulteriormente limitata in una città un tempo nota per le sue vivaci arti e scena cinematografica.

L’amministratore delegato Carrie Lam, che è sotto sanzioni statunitensi, è stata di fronte a una repressione del dissenso, anche se si ritiene che agisca interamente su ordine di Pechino, i cui leader del Partito Comunista hanno a lungo visto Hong Kong come un potenziale incubatore per l’opposizione . Può diffondersi in tutto il paese.

AP

READ  David Duchman: Gli ultimi soldati sovietici che liberarono Auschwitz morirono all'età di 98 anni