Maggio 25, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’assistente segretario di Scott Morrison, Ben Morton, è risultato positivo al test per il COVID-19 dopo la diagnosi del Primo Ministro

Un aiutante del primo ministro è risultato positivo al COVID-19, dopo che la diagnosi di Scott Morrison è stata diagnosticata martedì notte.

La diagnosi di Morrison significa che perderà la sua prima possibilità di entrare nell’Australia occidentale in quasi un anno, poiché il leader dell’opposizione Anthony Albanese sfrutta appieno la riapertura dello stato giovedì.

Il ministro, che sta assistendo il primo ministro e il gabinetto, Ben Morton, ha affermato che i test sono risultati positivi mercoledì mattina.

“Non ho sintomi importanti, solo un leggero mal di testa”, ha detto in una nota.

“Continuerò ad adempiere alle mie responsabilità ministeriali ed elettorali mentre sono in isolamento a Canberra, prima di tornare nell’Australia occidentale”.

Nella tarda serata di martedì, il Primo Ministro è risultato positivo al virus dopo aver effettuato un test PCR e aver annullato un’apparizione alle 20:00 alla Sydney Opera House.

“Sto avvertendo sintomi simil-influenzali e mi riprenderò entro la prossima settimana”, ha detto in una dichiarazione rilasciata intorno alle 23:30 di martedì.

In un video pubblicato su Facebook mercoledì mattina, il signor Morrison stanco ha ringraziato le persone per i loro auguri dopo il risultato positivo del test. Ha confermato che sua moglie, Jenny, e le loro due figlie sono risultate negative, ma sono rimaste in isolamento a causa dei loro stretti contatti.

Il confine con l’Australia occidentale riapre giovedì alle 00:01 e il signor Albanese dovrebbe fare uno dei suoi primi viaggi a Perth.

READ  La Russia accusa l'Ucraina di aver lanciato un attacco missilistico in elicottero contro un deposito di petrolio civile a Belgorod