Dicembre 2, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’ascesa del populismo nelle economie avanzate: colpa della globalizzazione?

Il protezionismo e l’isolazionismo erano in aumento in tutto il mondo, in quello che divenne noto come il contraccolpo contro la globalizzazione. Utilizzando dati appena compilati per 23 democrazie industrializzate e avanzate e dati sul commercio globale, ioNSCiao Kolantone Gianmarco Ottavianoe e Piero Stange Analizza il comportamento di voto e monitora gli interventi di politica commerciale. che essi Scrivo che il commercio internazionale non è l’unico fattore che causa i disordini. La società deve gestire le conseguenze distributive del cambiamento strutturale in modo più completo.

Una vivace discussione sulla recente ondata di partiti populisti è fiorita nelle democrazie avanzate. Uno dei fenomeni più importanti legati all’ondata populista è il cosiddetto “contraccolpo della globalizzazione”. Nel nostro lavoro recente Documento di discussione CEP, Descriviamo questo fenomeno come uno spostamento politico per elettori e partiti in una direzione protezionistica e isolazionista, con implicazioni fondamentali per le politiche dei governi che tendono e applicano. La globalizzazione appare come un fattore strettamente correlato al contraccolpo, attraverso le conseguenze distributive legate all’aumento dell’esposizione al commercio. Tuttavia, il contraccolpo è determinato in parte dal commercio internazionale. È stato scoperto che altri fattori, come il cambiamento tecnologico, l’immigrazione e l’austerità fiscale indotta dalla crisi, nonché le preoccupazioni culturali, svolgono un ruolo simile nel guidare il cambiamento politico osservato. Prendendo a prestito dalla letteratura medica, descriviamo questa natura multicausale del fenomeno attraverso il concetto di ‘comorbilità’, per cui vari fattori si accumulano per generare un contraccolpo.

Documentare la reazione violenta

Per documentare il contraccolpo della globalizzazione, utilizziamo i dati appena raccolti per 23 democrazie industrializzate e sviluppate, che coprono Europa, Nord America e Asia. L’analisi copre il periodo 1980-2019. Iniziamo fornendo prove descrittive del contraccolpo sul comportamento di voto. specialmente, forma 1 Presenta la posizione degli elettori in termini di protezionismo e isolazionismo. Per ogni Paese, ad ogni elezione nazionale, questo si ottiene combinando due componenti: (i) la quota di voto di ciascun partito; e (ii) un risultato ideologico chiamato Net Autarky che riflette la posizione di ciascuna parte in merito alla politica commerciale e al pluralismo di partito. adesivo della storia. La posizione dell’elettore viene quindi calcolata come somma ponderata dei punteggi del partito, utilizzando le quote di voto come pesi. È essenzialmente il centro di gravità ideologico (COG) per l’elettorato. Il pannello superiore indica tutti i paesi (linee grigie) insieme alla media nazionale (linea scura). Il pannello inferiore evidenzia paesi specifici, come gli Stati Uniti, o gruppi di paesi, come il sud, l’ovest e il nord Europa. Guardando alla media ampia, c’è un chiaro declino dall’inizio degli anni ’80 fino all’inizio degli anni ’90. Questa ondata globale è stata poi seguita da una svolta protezionistica dalla metà degli anni ’90 in poi. Tale modello può essere chiaramente rilevato nella maggior parte dei paesi. Le uniche eccezioni sembrano essere l’Australia e la Nuova Zelanda, che sono partite da livelli relativamente elevati di autosufficienza netta, e che negli ultimi anni hanno registrato un calo. Prove molto simili si ottengono guardando alla posizione ideologica dei legislatori e dei dirigenti. Ciò indica che il cambiamento nel comportamento di voto è stato il risultato della formazione degli organi decisionali.

READ  L'Italia acquista altri 10 motori missilistici ucraini per il lanciatore Vega

Figura 1 – Posizione degli elettori

Nota: la figura è di Colantone, Ottaviano e Stanig (2022). Entrambi i gruppi forniscono numeri che indicano il baricentro dell’elettore in termini di punteggi netti di autosufficienza. Nel pannello superiore, le linee grigio chiaro indicano ogni singolo paese campione; La linea nera è la media campestre. Nel pannello inferiore, mostriamo paesi e gruppi di paesi selezionati separatamente in diversi colori; La linea nera è la media campestre.

Lo spostamento del protezionismo può essere rilevato anche in termini di sviluppi della politica commerciale. A questo proposito, ci sono molti casi recenti al riguardo, che vanno dalla Brexit alla guerra commerciale USA-Cina e allo stallo dell’organo di appello dell’OMC. Più prove metodologiche sono presentate in figura 2, Basato su Avviso sul commercio globale I dati, secondo cui gli interventi di politica commerciale protezionistica sono cresciuti più velocemente di quelli liberali dalla crisi finanziaria e oltre. Tuttavia, insieme a queste dinamiche, si possono osservare anche sviluppi più favorevoli al commercio. Ad esempio, il numero di accordi commerciali regionali (RTA) attivi, in particolare di zone di libero scambio (ALS), ha continuato a crescere anche dopo la crisi finanziaria. Parallelamente, le tariffe medie hanno continuato a diminuire nel tempo. Tuttavia, vengono sempre più attivate misure di protezione temporanee, come l’antidumping e i dazi compensativi, con aliquote di valore più elevate, con effetti protezionistici più forti. In generale, l’evoluzione della politica commerciale appare coerente con le dinamiche politiche sopra descritte. Invece, il quadro diventa più preciso quando guardiamo alle singole situazioni. Non troviamo prove sistematiche di un generale deterioramento dell’opinione pubblica riguardo alla globalizzazione. Tuttavia, ampie minoranze, e in alcuni casi forti maggioranze, degli intervistati ritengono di non beneficiare effettivamente del commercio internazionale (ad esempio, il 39% negli Stati Uniti e il 60% in Italia).

READ  LVMH aumenta la quota di Italian Tod's al 10%

Figura 2 – L’aumento del protezionismo dalla crisi finanziaria

Nota: la figura è tratta da Colantone, Ottaviano e Stanig (2022), sulla base dei dati di allerta del commercio globale. La linea verde mostra gli interventi editoriali, in rosso gli interventi di tutela e la linea blu è la somma di tutti gli interventi.

Motivi della reazione violenta

Quali sono i driver del contraccolpo della globalizzazione? Negli ultimi anni è stata sviluppata una letteratura significativa su questo ampio quesito di ricerca, che esamina sia i fattori economici che le determinanti culturali. Diversi studi hanno sottolineato il ruolo del commercio, concentrandosi in particolare sull’esposizione all’aumento delle importazioni dalla Cina tra i primi anni ’90 e la crisi finanziaria. È stato dimostrato che le aree più vulnerabili allo shock della Cina, a causa della sua storica specializzazione industriale, sono state colpite negativamente in molti modi, che vanno da alti tassi di disoccupazione, bassa partecipazione alla forza lavoro, maggiore ricorso alla disabilità e altri benefici di trasferimento, bassi salari , nonché il calo della fornitura di beni pubblici e il deterioramento delle condizioni di salute. Questo fenomeno ha avuto anche ripercussioni politiche, portando a un maggiore sostegno a partiti e candidati protezionisti, isolazionisti e nazionalisti. Le prove disponibili ci consentono di concludere che il contraccolpo alla globalizzazione è quindi endogeno alla globalizzazione stessa. Tuttavia, sono stati trovati altri fattori che inclinano gli elettori in modi simili. In particolare, è stato dimostrato che il progresso tecnologico, automatizzando la produzione tramite robot, genera conseguenze distributive simili a quelle del commercio, portando a risposte politiche simili. Lo stesso vale per l’austerità fiscale indotta dalla crisi e per l’immigrazione, che funge sia da catalizzatore per le lamentele economiche strutturali, sia da determinante diretto della reazione politica.

READ  L'Italia firma un pacchetto di investimenti e riforme per diffondere i fondi dell'UE

conclusione

In generale, sembra che la globalizzazione sia a rischio anche per ragioni non strettamente legate al commercio. La sostenibilità politica della globalizzazione – probabilmente l’ordine internazionale liberale – dipenderà da quanto bene la società gestirà le conseguenze distributive del cambiamento strutturale in modo più olistico.

Si prega di leggere la nostra politica di feedback prima di commentare

Notevole: il post fornisce le opinioni dei suoi autori, Non il sito USAPP – American Politics and Politics, né la London School of Economics.

URL breve per questo post: https://bit.ly/30KCtwj


Riguardo agli Autori

Italo ColantonUniversità Bocconi
Italo Colanton è Professore Associato di Economia presso l’Università Bocconi in Italia.

Gianmarco OttavianoUniversità Bocconi
Gianmarco Ottaviano è Professore Emerito presso il Dipartimento di Economia dell’Università Bocconi in Italia. È anche membro del LSE Center for Economic Performance.

Piero StangeUniversità Bocconi
Piero Stanga è Professore Associato presso il Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche dell’Università Bocconi.