Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Arabia Saudita vede un brillante futuro per gli scrittori di fantascienza

PARIGI: Martedì, a tre settimane dalla sua 75a sessione, il Festival Internazionale del Cinema di Cannes ha messo fine alla suspense annunciando la formazione della giuria presieduta dall’attore francese Vincent Lyndon, il Premio Interpretazione 2015 e l’attore nel film “Titanium “. Palma d’oro 2021.

Sostituirà il regista americano Spike Lee, vincitore del film femminile francese Julia Ducornu con la giuria nel luglio 2021.

“È un grande onore e un grandissimo orgoglio essere affidato, in mezzo al trambusto dei tanti eventi che stiamo attraversando nel mondo, il compito meraviglioso e pesante di presiedere la giuria” del festival , ha dichiarato Vincent Lyndon, nel comunicato stampa diffuso dalle organizzazioni partecipanti all’evento che richiama celebrità e folle Alla Croisette di Cannes in Costa Azzurra.

L’annuncio arriva al termine di un lungo periodo di suspense: il capo della giuria è solitamente noto all’inizio dell’anno e la giuria si rivela poche settimane prima del festival.

Con la ripresa del cinema dopo l’epidemia e l’ascesa delle telenovelas, “Tutti gli artisti stanno lavorando”, ha confermato, a metà aprile, Thierry Frémaux, delegato generale del festival, a giustificare questo calendario inquietante.

I nomi delle due attrici, Penelope Cruz e Marion Cotillard, sono stati fatti circolare sui giornali specializzati, senza alcuna conferma, così come i nomi del regista iraniano Asghar Farhadi, che alla fine farà parte della giuria.

Il regista premio Oscar è accusato di plagio da uno dei suoi ex studenti per il suo ultimo film, “Champion” del Grand Prix al festival di Cannes dello scorso anno.

Scegliendo Vincent Lyndon, 62 anni, il festival punta regolarmente a Cannes, che vi ha girato nove lungometraggi dal 1987 e ama parlare della settima arte durante i corsi professionali alla Cinémathèque française o all’Institut Lumière. Nessuna figura francese ha ricoperto questa posizione dall’attrice Isabelle Huppert nel 2009.

READ  La gomma da masticare riduce la trasmissione del virus Covid-19?

L’attore 62enne spesso incarna sullo schermo un burbero uomo contemporaneo, con apparente fragilità, come in “La Loi du marché” di Stephane Brezy, un film feroce sulla brutalità del mondo del lavoro che gli è valsa l’interpretazione. premio nel 2015.

Informativa della giuria del settantacinquesimo festival. È presieduto da Vincent Lyndon. (grafico, AFP)

Missione: Muoversi

Trovando il regista tre anni dopo, e le manifestazioni di Cannes, ha realizzato “En Guerre” nel 2018, interpretando un attore sindacale che lotta per impedire la chiusura della sua fabbrica.

Nel luglio 2021, è stato sorpreso di essere un bodybuilder e “un vigile del fuoco contuso, (che) distingue corpi, cuori e menti”, secondo il festival.

Vicino a Thierry Frémaux, Vincent Lyndon dovrà scegliere la Palma d’Oro tra 21 film in competizione, tra cui l’ultimo adattamento del canadese David Cronenberg o quello del russo Kirill Serebnikov, rompendo la linea del regime di Putin.

Sarà supportato in questo compito dall’attrice e regista anglo-americana Rebecca Hall (“Vicky Christina Barcelona”), il film svedese Noomi Rapace, rivelato nel 2009 nel primo adattamento della saga Millennium, il film italiano Jasmine Trinca (il cui primo film è stato “” Marcel!” sarà mostrato in uno spettacolo speciale) e l’indiano Deepika Padukone.

Quattro famosi registi completeranno questa giuria: l’iraniano Asghar Farhadi, il francese Ladj Lee (“Les Miserables”, Premio della giuria 2019 a Cannes), l’americano Jeff Nichols (che ha presentato il suo film del 2016 “Loving” sulla Croisette) e il norvegese Joachim Trier (“Julie in 12 capitoli”, Premio per la traduzione femminile 2021).

“Con la mia giuria, faremo del nostro meglio per interessarci ai film del futuro, tutti portatori della stessa segreta speranza, coraggio, lealtà e libertà; il loro compito è quello di commuovere quante più donne e uomini possibile parlando con loro delle loro comuni ferite e gioie”. La cultura aiuta lo spirito umano a risollevarsi ea sperare nel domani”, ha confermato Vincent Lyndon.

READ  I candidati alla presidenza sono indifferenti alla salute pubblica?