Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Antica Pizzeria da Michele è buona come Napoli se la mantieni semplice

Con tutti i mezzi, vai a Lantica Pizzeria da Michele E prova il margarita ($ 20). Situato all’angolo di Greenwich Street al 2 di Bank Street nel West Village, da Michele è una propaggine della venerabile pizzeria napoletana fondata nel 1870 (la stessa destinazione presente in Elizabeth Gilbert’s Ogni preghiera ama). La pizza che sedeva di fronte a me nella nostra filiale appena aperta sembrava quasi identica a quella che avevo mangiato anni prima in Italia all’originale da Michele. Ed è arrivato più vicino a replicare il gusto e l’aspetto della vera pizza napoletana di qualsiasi altra cosa a New York City.

Margherita e Marinara al Da Michele di Napoli.

Pizza tonda con salsa di pomodoro e pezzetti di formaggio bianco.

Margherita a Da Michele, New York è molto simile all’originale.

La crosta era tenera e punteggiata di salmerino (con Nessun grosso punto bruciato), e una cornea gonfia, o un osso, o una protuberanza: qualunque cosa tu possa chiamare la gobba circonferenziale della corteccia. La parte centrale della torta era molliccia e friabile, rendendo impossibile prenderne una fetta e mangiarla attraverso il fienile di New York. Inoltre, il formaggio era mozzarella di latte vaccino a pezzetti alla napoletana, e la salsa era una semplice purea di pomodori in scatola, cosparsa di foglie di basilico fresco prima della cottura.

Mentre abbiamo letteralmente dozzine di torte alla napoletana prodotte qui, la maggior parte di loro proviene da aiutanti americani che non riescono a preparare la torta napoletana perfetta, o forse non hanno gli ingredienti giusti, o aggiungono origano e ancora salsa. O forse rendono la crosta un po’ più dura perché gli americani si rifiutano di mangiare la pizza con coltello e forchetta (Bill de Blasio lo derise fare proprio questo).

Una vera torta napoletana, infatti, è un esercizio di semplicità idilliaca, una gioia da mangiare proprio perché ha un sapore sano senza la sfida dei sapori taglienti. Inoltre, la pizza americana spesso non può fare a meno di servire alcuni dei condimenti extra che gli americani si aspettano, come i peperoni (raramente visti in Italia) o i formaggi ridondanti per una maggiore ricchezza.

Non che Margarita da Michele USA abbia tutto a posto. La sua torta irregolare da 15 pollici è più grande dell’originale torta napoletana (rendendola più facile da condividere), e il giorno in cui io e un amico l’abbiamo provata, la cosa è stata affettata, cosa che non si fa spesso a Napoli, dove i commensali la tagliano da soli.

Semplice interfaccia a blocchi di calcestruzzo con banner temporaneo.

L’originale Da Michele a Napoli.

Una stanza piastrellata di bianco con davanti un uomo che legge un giornale.

L’interno è originale napoletano.

Sito d'angolo con tettoia verde.

L’enorme e tentacolare filiale del West Village, l’ex Lips, comprende tre vetrine.

Muro di mattoni con tavoli lungo di esso.

La nuova sala da pranzo di Da Michele.

Napoli da Michele è un affare modesto rispetto alla location di New York. Con un soffitto a volta e interni bianchi, l’originale sfoggia solo pochi tavoli traballanti e gli avventori bevono Coca-Cola o una birra con la loro pizza, di cui sono disponibili solo due tipi: marinara e margarita. Il nostro Da Michele non assomiglia per niente all’originale. Circa 6.000 piedi quadrati, un’ariosa sala bar conduce a un’area di preparazione aperta, seguita da una gigantesca sala da pranzo parallela che si affaccia su un forno per pizza a volta, composta da tre vetrine in totale. Al piano di sotto c’è una stanza con più dei famosi locali notturni riccamente decorati, non ancora aperti.

Pizza con pesto verde e una pallina di burrata al centro.

Torta al pesto al nuovo Da Michele.

Quattro piccoli panini posti sulla rucola su un piatto stretto.

Panini con gnocchi ripieni di prosciutto e mozzarella americana.

Insalata a foglia ripiena di formaggio grattugiato.

Cesare da Michelle.

Il menu al momento è piacevolmente semplice, sebbene contenga otto torte invece di due. È ancorato da una marinara (che può essere con le acciughe, al contrario di un napoletano) e un margarita, sebbene il doppio margarita sia servito anche con il doppio del formaggio. Non era una buona idea, dal momento che un normale margarita conteneva già molto più formaggio di quanto lo fosse la loro ispirazione napoletana. Il punto, credo, è che gli americani adorano le loro torte davvero scadenti.

Anche la pizza bianca è un’opzione, insieme a una pizza con rucola e prosciutto e un’altra con salame piccante. Una torta più audace si chiama semplicemente Pesto ($ 34) che presenta abbondanti gocce di salsa verde brillante, fette di pomodoro fresco e una grande pallina di burrata al centro. Cosa ci fai con la burrata? Raccoglilo e lancialo come una palla da softball, forse. La burrata non fa parte della pizza. Anche il pesto non è particolarmente buono, il che rende questa torta un disastro.

Il menu attuale ha altre piccole sezioni, anche se la pizza rimane il fulcro. Ci sono i panini con gli gnocchi con mozzarella e prosciutto, molto buoni, e l’insalata Caesar (inventata per la prima volta in un ristorante italiano in Messico E non certo un napoletano) che sembra carente di acciughe ma è riccamente vestito. Attualmente ci sono un paio di taglieri di salumi che non abbiamo provato, così come un paio di panini.

La carta dei vini offre una manciata di rossi e bianchi provenienti da tutta Italia con bicchieri che vanno da $ 15 a $ 19, di cui l’Aglianico rosato che proviene dalla Campania si abbina eccezionalmente bene con un margarita. Con il suo colore pallido e il gusto roccioso, era difficile immaginare che questo vino provenisse dalla pregiata uva Aglianico. La Mexican Coke ($ 7) è la cosa più vicina a ciò che si potrebbe effettivamente bere a Napoli con la pizza.

A quanto pare, l’elenco verrà ampliato fino a tre o quattro volte la dimensione attuale, come l’elenco già presente nell’elenco preesistente Filiale di Los Angeles. Evidenzierà antipasti, primi e secondi piatti, tra cui cose come arancini, polpo alla griglia, linguine con vongole e bottarga, spaghetti cacio e pepe, bistecca delmonico e, che Dio ci aiuti, l ‘”hamburger al tartufo Antica”. Questo tipo di menu italiano e americano tentacolare è così lontano dall’originale di da Michele che non può fare a meno di superare il menu della pizza o far sembrare la pizza un antipasto. Posso solo suggerirti di correre subito da Da Michele che mantiene ancora la sua identità di pizzeria. Margherita è da non perdere.

Una stanza bianca con un bar sulla destra e un cameriere vestito di nero con una maschera che consegna qualcosa su un vassoio sulla sinistra.

La luminosa sala bar si affaccia su Greenwich Street con le sue numerose finestre.

READ  Terremoto di Amatrice: il presidente del Consiglio Draghi rende omaggio alle vittime nel quinto anniversario