Novembre 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’Antartide potrebbe crollare in meno di dieci anni?

Uno studio condotto da ricercatori tedeschi ha rivelato che potremmo essere all’inizio di una fase di brutale cambiamento climatico indipendente dal riscaldamento globale causato dall’uomo.

Nel loro lavoro individuato da Futura, i ricercatori dell’Università di Bonn in Germania hanno identificato Dr

In climatologia, tutto è questione di cicli. Dagli eventi solari alla rotazione dei corpi celesti passando per la rotazione dei fluidi, osserviamo moltissimi fenomeni ricorrenti, e questo a tutti i livelli. Alcuni fenomeni compaiono più volte al minuto, mentre altri sono desiderabili per periodi molto lunghi; E poi diventa molto più difficile rilevarli durante la vita di una persona.

Alcuni di questi cicli hanno conseguenze molto tangibili per il clima del nostro pianeta; Questo è, ad esempio, il caso di alcuni Cicli magnetici del sole, che ora sappiamo essere direttamente collegati alle ere glaciali della Terra.

Questo è uno dei motivi per cui gli umani hanno impiegato così tanto tempo per realizzare il loro impatto sul riscaldamento globale; Per troppo tempo la scienza l’ha considerata solo una parte ascendente di a Corso Esiste da tempo immemorabile.

Lo sappiamo quel giorno Questi due fenomeni sono molto reali; Il clima sta cambiando Ciclico Su grandi scale temporali, tuttavia Anche le persone hanno un’influenza Non si discute sul riscaldamento globale. Il problema è che questi due aspetti non sono indipendenti e possono nutritevi a vicenda Uno scenario un po’ terrificante, ma perfettamente plausibile che temono i ricercatori dell’Università di Bonn in Germania.

Episodi di “improvvisa destabilizzazione”

Nel loro lavoro impostato da futuro, fatta risalire all’ultima era glaciale, terminata circa 11.700 anni fa. Analizzando i sedimenti estratti dal fondo oceanico, hanno identificato uno strano fenomeno; Dalla fine di questa era glaciale, il ghiaccio marino antartico ha conosciuto diverse fasi ricorrenti.di improvvisa destabilizzazione“.

READ  Definizione | Trodelvy - sacituzumab govitecan

Durante queste fasi, la banchisa si è parzialmente frantumata; Lo scioglimento di questi iceberg erranti alla fine causerà Significativo aumento del livello del mareche può raggiungere diverse decine di metri. Ma se questi sconvolgimenti hanno cambiato la faccia del globo per secoli, lo sono ancora è apparso molto rapidamente, appena dieci anni – un tempo molto breve in climatologia.

Quindi i ricercatori hanno lavorato per identificare la differenza punti critici che ha causato questi fenomeni. Grazie ad un’attenta analisi di molti parametri, hanno finito per evidenziare una serie di segnali di allarme che potrebbero segnalare l’inizio di questa fase di disgregazione. Di conseguenza, un improvviso aumento dell’acqua.

L’inizio di una discesa irreversibile?

Una nota interessante, e probabilmente la lasceremmo lì… se non ci sono altre implicazioni rispetto al contesto attuale. Perché purtroppo si scopre I segnali di pericolo discussi sopra corrispondono sorprendentemente bene alla situazione che vediamo oggi in Antartide. Ci manca ancora il senno di poi per dirlo con certezza; Ma c’è il permesso possibilità reale Siamo nella fase iniziale di Una nuova fase di massiccia disintegrazioneCon tutto ciò che significa a livello di acqua che sale.

I nostri modelli sono coerenti con l’ampia evidenza che l’accelerazione della perdita di massa del ghiaccio rappresenta un punto di svolta.t”, spiegano i ricercatori in comunicazione. ” Può portare a un disgelo permanente e irreversibile e, di conseguenza, a un aumento delle acque globali‘, avvertono.

La tempistica è particolarmente inappropriata, perché non siamo già in grado di gestire le conseguenze del nostro impatto climatico. C’è quindi qualcosa di pessimista quando si immagina che un altro fenomeno, indipendente dalle nostre azioni, possa a sua volta entrare nella danza. Perché oggi i programmi per combattere il riscaldamento globale si affidano a modelli che non tengono conto di queste problematiche. Per una volta, possiamo solo sperare che i ricercatori si sbagliassero. Perché se colpiscono nel segno, il clima come lo conosciamo potrebbe cambiare drasticamente in una decina di anni, qualunque cosa facciamo.

READ  Aurelie Jean - L'algoritmologia non è manicheista