Settembre 23, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’America Latina può diventare un leader mondiale nella scienza aperta non commerciale

Per affrontare le sfide che il prossimo secolo ci riserva, dalle pandemie ai cambiamenti climatici, tra automazione e big data, la scienza deve essere aperta a tutti. I cittadini dovrebbero avere lo stesso accesso alle informazioni dei ricercatori e gli scienziati dovrebbero essere in grado di accedere a database interconnessi di alta qualità per aiutarci a comprendere meglio il mondo che ci circonda.

Questi principi sono tra quelli che guidano movimento bandiera aperta. Sostenibilità e inclusione sono essenziali per la scienza aperta. Possono essere incoraggiati attraverso l’attuazione congiunta di pratiche, infrastrutture e modelli di finanziamento che assicurino l’equa partecipazione di studiosi di istituzioni e paesi svantaggiati, alla ricerca del progresso e dell’approfondimento della conoscenza.

Dobbiamo assicurarci che i benefici della scienza siano condivisi, senza restrizioni, tra scienziati e pubblico in generale. Un modo per farlo è creare sistemi scientifici nazionali per condividere e migliorare la conoscenza in vari campi.

Istituzione del CRIS in Europa

Uno dei principali ostacoli alla scienza aperta è la mancanza di integrazione con i database esistenti (dalle biblioteche pubbliche ai data file governativi agli archivi universitari) che sono stati creati in tempi diversi, utilizzando strumenti diversi, e che non comunicano tra loro.

Pertanto, molti archivi istituzionali, arricchiti attraverso le generazioni grazie agli sforzi dei notai, non sono collegati alle banche dati delle istituzioni educative. Non include parole chiave o collegamenti permanenti ai metadati, che sono essenziali per la condivisione delle conoscenze. Negli ultimi anni è diventata più urgente la creazione di sistemi informativi nazionali in grado di raccogliere informazioni per ricercatori, istituzioni, archivi, banche dati aperte, progetti di ricerca e scienziati dilettanti.

Apriti Sesamo.
Sergey Nevins

Negli anni ’90, per soddisfare questa domanda, l’Europa ha sviluppato un sistema di informazione per la ricerca, “CRIS” (per Sistema di informazioni di ricerca attuale), inizialmente diffuso a livello istituzionale nelle università. il’Organizzazione europea per i sistemi informativi di ricerca (EuroCRIS) Nel 2002, aprendo la strada ad altri sistemi simili Eseguito in altre parti del mondo.

READ  Jean-Pierre Pernot è in cattive condizioni di salute? Questo "voto" che ha allertato sua moglie, Natalie Markway

Esempio dell’America Latina

L’America Latina ha una lunga storia di utilizzo di cataloghi e data warehouse per lo sviluppo. Dagli anni ’60 sono apparsi record bibliografici, set di dati e cataloghi regionali, gestiti da grandi università pubbliche e istituzioni regionali.

Negli anni ’90 sono state create nuove directory e database, le future basi di una solida infrastruttura che promuove il libero accesso alle scoperte scientifiche. Con il lancio di database di riviste scientifiche ad accesso aperto indice latinoe SciELO e RedalycLa digitalizzazione delle riviste scientifiche ha accelerato e la ricerca pubblicata ha beneficiato di una nuova garanzia di apertura. Con una forte partecipazione del pubblico, questi database sono serviti da trampolino di lancio per lo sviluppo del sistema di accesso aperto non commerciale che ha reso oggi popolare la regione.

L’America Latina è ora più attrezzata che mai per creare un’infrastruttura scientifica aperta che dipenda da queste risorse. Prove con due esempi eloquenti.

In Brasile, il sistema Prezzo nato dalla cooperazioneIstituto Brasiliano di Scienza e Tecnologia Con molti grandi enti pubblici. Il Brasile è un paese grande, dotato di una rete scientifica e tecnologica professionale con una varietà di banche dati a livello nazionale, che ne rende particolarmente complessa l’integrazione. il Portale Open DataPiattaforma CV piattaforma latte e guida del gruppo di ricerca CNPQ Sono due esempi tipici. BrCris è progettato per integrare questi grandi database, ma anche per offrire un’infrastruttura scientifica aperta compatibile con Rete consolidata di archivi istituzionali di pubblicazioni scientifiche, una rete di banche dati che raccoglie i risultati scientifici di dieci paesi dell’America Latina. Un altro obiettivo del programma BrCris è riportare i dati brasiliani dal resto del mondo.

READ  Negare le minacce alla nostra salute collettiva
Consiglio Reale di Lettura Portoghese, Rio de Janeiro, Brasile
Il Brasile ha messo a disposizione dei ricercatori tutte le conoscenze scientifiche del Paese.
Nido Hubble/Shutterstock

Il secondo esempio è che PerúCRIS . piattaforma, nato dopo l’adozione della legge sulla libertà di accesso all’informazione, in Perù, nel 2013. Da allora è stato incorporato Tre piattaforme per l’informazione scientifica : Repertorio dei ricercatori, Repertorio nazionale delle istituzioni e Rete di banche dati nazionale. Questa nuova piattaforma elenca anche tutte le tesi e dissertazioni degli studenti. PerúCRIS ora include cinque directory dedicate a risorse umane, produzione scientifica, progetti, istituzioni e infrastrutture, rivolte alla società nel suo insieme al di fuori della comunità scientifica. Questa piattaforma consente al pubblico di scoprire nuove tecnologie, partecipare a programmi di scienza dei cittadini o generare idee di investimento innovative.

Se i progetti pilota per i sistemi informativi della ricerca in America Latina vengono realizzati a livello nazionale e non istituzionale, è a causa dei meccanismi di finanziamento. La maggior parte delle università della regione coinvolte nella ricerca scientifica e tecnologica sono università pubbliche e contribuiscono ai sistemi informativi nazionali. A seconda dei fondi pubblici, queste organizzazioni non hanno i mezzi per finanziare il CRIS a livello istituzionale, e tanto meno per acquistare questo tipo di strumento da grandi aziende che forniscono questo tipo di servizio.

Ma questo non è un punto debole. software ad accesso aperto come dSPACE, su cui si basa la piattaforma peruviana, garantisce che le informazioni scientifiche rimangano di dominio pubblico, mantenendo così la promessa della scienza aperta.

Nuovi modi di collaborare

Gli esempi del Brasile e del Perù mostrano che un sistema nazionale di informazione sulla ricerca può contribuire a una reale integrazione di tutte le piattaforme e organizzazioni scientifiche esistenti a livello di un paese o addirittura di una regione. Questi database possono quindi essere utilizzati per valutare il lavoro di ricerca attraverso elenchi completi di ricercatori, istituzioni, prodotti e progetti disponibili in un determinato paese.

READ  editoriale. fantascienza

I database CRIS creati in America Latina daranno visibilità a una varietà di pubblicazioni e profili di ricercatori, promuovendo nel contempo nuove forme di collaborazione scientifica, soprattutto quando queste non sono in linea con il mainstream apprezzato dalla comunità accademica.

Questo approccio apre la strada a una scienza più completa e socialmente rilevante, partecipando attivamente al dialogo tra la scienza aperta e il resto del mondo.


Il movimento della scienza aperta è nato nella comunità scientifica e si è diffuso rapidamente in tutte le nazioni, sostenendo l’apertura delle porte alla conoscenza. Investitori, imprenditori, decisori politici e cittadini aderiscono all’appello. L’UNESCO è uno strumento normativo e promuove quadri politici per la scienza aperta nei suoi Stati membri.

Questo articolo fa parte della collana “Great Science Stories in Open Access”, pubblicata con il sostegno del Ministero dell’Istruzione Superiore, della Ricerca e dell’Innovazione. Per maggiori informazioni visita la pagina Ouvrirlascience.fr.


Tradotto dall’inglese da Valeria McCogon per avanti veloce