Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’ambizione dell’Italia di “guidare il cambiamento climatico” suscita critiche nei confronti dell’industria della carne

L’Italia il mese scorso ha nominato il suo nuovo ministro dei cambiamenti climatici, Roberto Cingolini. Cingolani, ex direttore scientifico dell’Istituto italiano di tecnologia, correva sul campo. Il Ministro ha delineato un ruolo ambizioso per l’Italia nella transizione globale verso un futuro più verde.

Il governo del Primo Ministro Mario Draghi ha posto lo sviluppo sostenibile al centro della sua bozza del Piano Nazionale di Recupero e Recessione (PNRR), che mira a essere un leader globale nello sviluppo sostenibile entro il 2040.

“Dobbiamo chiederci di cosa ha bisogno l’Italia in questo momento nel 2040 e quale ruolo avrà l’Italia in questo lontano futuro. Credo che l’Italia possa essere una nazione di riferimento. Ha una leadership internazionale intrinseca perché ha specialità che nessun altro ha. “Il neo Ministro dell’Ambiente ha raccomandato alla presentazione dell’analisi PNRR condotta da Alliance Italy per lo sviluppo sostenibile.

Tuttavia, Singolani ha osservato durante l’evento online che “la sostenibilità è un compromesso”.

“Non esiste una ricetta per esagerare e cancellare i problemi. Essere sostenibili e avere successo nel cambiamento ambientale significa trovare il giusto compromesso tra le diverse esigenze”.

Ministro Singolani Analisi BNRR / Immagine: Ministero dell’Ambiente Italiano

Cosa sono i compromessi “perfetti”? I commenti di Singolani suggeriscono che l’industria della carne potrebbe ancora fare un tale sacrificio che è disposto a fare nello sviluppo di una dieta sostenibile.

“Tutte le questioni di sostenibilità sono interconnesse”.Ha spiegato all’evento la Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile. “L’epidemiologia non può essere separata dal cibo che mangiamo. Dal modello di sviluppo economico, sono necessarie molte soluzioni a questa relazione incrociata, ispirate dal concetto di co-beneficio”.

La riduzione del consumo di carne offre un “vantaggio parallelo” alla salute umana e planetaria, ha continuato.

“Sappiamo che le persone che mangiano molta carne soffrono di problemi di salute, quindi dobbiamo ridurli sostituendo le proteine ​​animali con le verdure. Produce meno CO2, il che ha il vantaggio di migliorare e ridurre il consumo di acqua”.

‘Vogliamo condividere numeri reali con te’: Carney Sostenibly

Rispondendo ai commenti, l’associazione di settore Carney Sostenibly (ovvero “ carne sostenibile ”) ha affermato che le statistiche globali avevano dipinto un quadro falso del percorso del consumo di carne italiano.

“Vorremmo condividere con voi i numeri ‘reali’ dell’industria veterinaria italiana, che sa che dietro ai dati c’è il lavoro di professionisti e scienziati, agricoltori, allevatori, agronomi e veterinari che trasformano la ricerca e l’innovazione quotidiana in buone pratiche per proteggere le persone, gli animali e l’ambiente. “In una lettera aperta al presidente di Carney Sosthenibly Giuseppe Pulina, ha sottolineato gli sforzi che l’industria sta già compiendo per una crescita sostenibile.

“Sappiamo che il percorso verso la completa sostenibilità delle attività umane, compresa la produzione di carne, è lungo, un cambiamento che è davvero una speranza. [of] La nostra industria, sempre più un modello di riferimento per altre parti del mondo, [is that] Sei diventato parte della soluzione, non un problema che deve essere eliminato rapidamente. “

Quindi, secondo le statistiche di Carney Sostenibly, quale impatto ambientale dovrebbe avere la produzione italiana di carne e latticini?

“Dal 1970, il principale gas serra, il metano, ha quasi dimezzato la produzione di un chilogrammo di proteine ​​animali, equivalenti a 28 chilogrammi di CO2 a 12 chilogrammi”.Ha detto Pulina, citando dati storici Istat e altre fonti.

Ha osservato che questo miglioramento pone le emissioni prodotte dal bestiame italiano al di sotto della media mondiale. La FAO stima che le emissioni di tutto il bestiame contribuiscano al 14,5% delle emissioni totali. ISPRA mette questa cifra al 5,2% per l’Italia. Allo stesso modo, i produttori italiani utilizzano il 25% in meno di acqua rispetto alla media globale, ha sottolineato Bulina. In termini di antibiotici, l’UE ha ridotto il suo utilizzo nel paese del 42% tra il 2010 e il 2018.

Getty Images-Oxygenak Pasta Italian Food

Il consumo di carne italiano è modellato sul cibo mediterraneo “sano”, Pulina / Big: Getty Images-Oxygenakian

Facendo eco al desiderio di Singolani di fornire “co-benefici”, Pulina ha anche esplorato l’impatto sociale e nutrizionale della produzione e del consumo di carne.

La Meat Association cita 250.000 posti di lavoro e 40 miliardi di dollari di fatturato come contributo all’occupazione nel settore del bestiame.

Il consumo di carne Pulina è saldamente radicato nel contesto della cucina mediterranea tradizionale, che è “un esempio di salute in tutto il mondo”. Gli italiani hanno il più basso consumo di carne “reale” in Europa (che differisce dal consumo “apparente” perché esclude parti non commestibili di un animale) a 368 kg all’anno, ha detto. Nel caso della carne bovina, il consumo “reale” è in media di 9 kg all’anno, che è inferiore alle raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha sottolineato il rappresentante del dipartimento della carne.

“Allora ci siamo semplicemente accorti [lining] I numeri e le ultime ricerche in questo campo daranno un contributo decisivo al tuo lavoro “,Ha detto Pulina, rivolgendosi direttamente a Cingolani.

READ  "Kutuzo mi ha tagliato fuori!" - Il memorabile scontro con l'Italia di O'Leary durante i Giochi di Sydney 2000