Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’airone azzurro maggiore ingoia un topo gigante | video

Normalmente non si scherza con i topi a New York City, ma questo ragazzo è finito all’improvviso dopo essere stato catturato da un grande airone blu.

Tienigli il collo per aiutare con un problema di topi a New York.

Il filmato sbalorditivo mostra un grande airone azzurro che ingoia un enorme topo in un solo sorso a Central Park, spingendo i newyorkesi diffidenti nei confronti dei roditori a incoraggiare la meraviglia alata a “fare l’opera del Signore”.

David Barrett, fondatore di Manhattan Bird Alert, che ha filmato il filmato, ha detto che l’airone ha ucciso il topo domenica mattina prima di portarlo in un laghetto in giardino e ingoiarlo.

“Gli aironi blu mangiano molto pesce, ma non mancheranno un topo pieno di carne a New York – questa mattina a Central Park Pond”, ha twittato con il video. “Ci sono voluti solo (l’uccello) pochi secondi per sollevare il topo, dopo che era morto, fuori dall’acqua e ingoiarlo.”

In seguito ha detto al New York Post che è raro che gli uccelli, che in genere mangiano rane, granchi e piccoli roditori, mangino topi, ma la giungla urbana ha la sua catena alimentare.

“Possono abbattere sia pesci grossi che topi apparentemente grossi!” ha detto Barret. “Mangiano tutto quello che possono prendere!”

Questo fenomeno piumato, che è probabilmente un evento, è stato elogiato dagli osservatori poiché ha morso la popolazione di ratti della Grande Mela, che è aumentata vertiginosamente durante la pandemia.

Uno spettatore ha twittato: “Questo uccello sta facendo il lavoro di Dio per sbarazzarsi dei topi”.

Un altro gridò: “Mettiamo migliaia di aironi nella metropolitana”.

READ  Ecco cosa stanno facendo i consigli del South East Queensland sui cambiamenti climatici

Più uccelli in città non equivalgono a meno topi, ha detto Barrett, perché poche sottospecie al di fuori di falchi e aironi mangiano i roditori più grandi.

“Guarda i numeri. Manhattan potrebbe avere in tutto 50 falchi dalla coda rossa”, ha detto, aggiungendo che circa 15 garzette visitano la città ogni giorno. “Il numero di ratti a Manhattan non è noto con certezza, ma le stime arrivano fino a 400.000 e oltre”.

“(Ci sono) troppo pochi per avere un impatto sulla popolazione di ratti”, ha aggiunto.

Altri hanno avvertito che la città potrebbe affrontare un boom ancora più grande di ratti dopo che le stazioni della metropolitana sono state allagate la scorsa settimana sulla scia di Ida, costringendo i rami sporchi a uscire dal sottosuolo.

“Così tanti topi di New York sono arrabbiati con il governo di New York per aver perso la loro casa sicura in metropolitana durante Ida”, ha scritto un newyorkese su Twitter. “Ora è stato lavato e nei giardini gira per nutrire aironi e falchi”.

Almeno 12.632 hanno contattato le autorità per segnalare i ratti – con diversi avvistamenti a Central Park e nell’Upper West Side – l’anno scorso, rispetto ai 9.042 del 2019, secondo i numeri riportati a novembre.

La dieta degli aironi è “molto variabile e adattabile, secondo il gruppo ambientale Audubon. L’uccello migratore è stato visto “inseguire topi e roditori nei campi, raccogliere sbarre ai margini delle paludi (e) mangiare molte specie di piccoli uccelli acquatici “, secondo il sito web del gruppo.

– New York Post