Luglio 31, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

L’agenzia delle Nazioni Unite dice che Venezia rischia di essere messa nella lista in via di estinzione se non vieta le navi da crociera

6:30Ascolta l’advocacy di Marco Paraval sul problema delle navi da crociera di Venezia

In una bozza di rapporto pubblicata lunedì, i funzionari dell’UNESCO hanno raccomandato di spostare la città italiana nell’elenco “Patrimonio mondiale in pericolo”. Marco Paraval dell’organizzazione di controllo delle navi da crociera Comitato No Grandi Navi dà il benvenuto a questa notizia. 6:30

L’agenzia per il patrimonio delle Nazioni Unite potrebbe spostare Venezia nell’elenco dei siti a rischio se la città storica continua a consentire alle enormi navi da crociera di attraccare nella sua fragile laguna.

In una bozza di rapporto pubblicata lunedìFunzionari dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) hanno raccomandato di spostare la città italiana nell’elenco dei “patrimoni dell’umanità in pericolo”.

La raccomandazione ha messo in guardia il governo italiano sullo status della famosa città lacustre. Ma i sostenitori locali dicono che è giunto il momento.

“Penso che l’UNESCO abbia ragione a minacciare di inserire Venezia nella lista nera”, ha affermato Marco Paravalli dell’organizzazione di controllo delle navi da crociera Comitato no Grande Navi. come succede La padrona di casa Carol Ove.

Il Comitato del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO prenderà una decisione finale sullo status di Venezia durante la sua riunione di luglio.

Sebbene questa mossa non abbia implicazioni pratiche immediate, può essere vista come un occhio nero per una destinazione turistica di fama mondiale.

Problema con la nave da crociera

Paravalli afferma che le navi da crociera sono troppo grandi per le lagune di Venezia e possono causare danni all’ambiente storico e alle infrastrutture della città.

READ  Fabbriche cinesi che probabilmente mostreranno una ripresa economica stabile

Ha fatto riferimento a un incidente del giugno 2019, in cui una nave da crociera in transito nel Canale della Giudecca si è scontrata con un molo e una barca turistica, ferendo cinque persone.

“Siamo stati fortunati due anni fa perché non ci sono stati feriti gravi”, ha detto.

Inoltre, dice che enormi navi inquinano enormemente e lasciano i motori accesi mentre ormeggiano in città.

“Infine, ma non meno importante, penso che siano il simbolo più arrogante dell’economia turistica di Venezia… che è stata molto dannosa nei confronti della città”.

La gente applaude mentre la nave da crociera di 16 piani MSC Orchestra parte da Venezia, in Italia, il 5 giugno. La prima nave da crociera a lasciare Venezia dopo la pandemia ha attivisti che chiedono il reindirizzamento permanente delle enormi navi fuori dalla fragile laguna. (Antonio Kalani/The Associated Press)

Lo scorso mese , Venezia ha visto la sua prima nave da crociera in Il Canale della Giudecca dall’inizio della pandemia di COVID-19.

Centinaia di residenti si sono riuniti per accogliere la barca come segno che l’economia del turismo sta finalmente riprendendo dopo la pandemia.

Altri, come Paraval, hanno protestato.

“C’era rabbia perché sembra che la pandemia non ci abbia insegnato nulla”, ha detto.

“L’epidemia, ovviamente, è stata una tragedia per il costo in vite umane, per l’impatto finanziario sulla città. Ma in realtà ha mostrato come questo modello di sviluppo turistico sia molto fragile. E se si investe nell’economia turistica della città , poi quando succede qualcosa, voglio dire, l’intera città fallisce in un anno”.

Influenza UNESCO

Venezia è stata designata Patrimonio dell’Umanità dal 1987, Ma l’UNESCO ha avvertito molto tempo fa E’ “minacciata su più fronti: dall’eccessivo turismo, dai danni del costante afflusso di navi da crociera, comprese quelle oltre le 40.000 tonnellate, e dai potenziali effetti negativi dei nuovi sviluppi”.

L’UNESCO dice La Lista del Patrimonio Mondiale in Pericolo “Progettato per informare la comunità internazionale delle condizioni che minacciano le stesse proprietà per le quali la proprietà è stata iscritta nella lista del patrimonio mondiale e per incoraggiare azioni correttive”.

Il ministro della Cultura Dario Franceschini “Purtroppo la decisione dell’Unesco è nell’aria da tempo” Il quotidiano The Guardian.

“Mettere la pistola nella lista delle Nazioni Unite in via di estinzione sarebbe un problema serio per il nostro Paese e non c’è più tempo da perdere”.

Marco Paraval fa parte della Commissione di controllo delle navi da crociera No Grandi Navi a Venezia. (a cura di Marco Paravalli)

Ma Paraval afferma che il governo ha molte opportunità per affrontare il problema.

A marzo, il governo italiano ha decretato che avrebbe vietato le navi da crociera nel centro della città fino alla costruzione di un nuovo terminal crociere fuori città e ha invece reindirizzato le navi al più grande porto industriale di Venezia, Marghera.

Ma è necessario costruire più infrastrutture prima che ciò possa accadere. Con così tanto del mondo che si apre, l’industria delle crociere continua senza ostacoli a Venezia per il momento.

“Quello che stiamo esortando il governo a fare è fondamentalmente pubblicare una tabella di marcia realistica con la decisione di portare queste barche fuori dal lago”, ha detto Paravali.

“Purtroppo abbiamo perso fiducia nelle parole dei politici di entrambe le parti, di destra e di sinistra. Ora servono soluzioni concrete”.


Scritto da Sheena Goodyear. Intervista a Marco Paravali prodotta da Kevin Robertson.


Altro da questo episodio