Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Lacrime e proteste all’inizio della mobilitazione russa

come prima tappa della nuova Russia”Imballaggio parzialeA partire da ieri, sui social media sono emersi video che pretendono di mostrare uomini appena mobilitati che si preparano a diventare virali.

Nella città di Neryongi – sei fusi orari nell’Ucraina orientale – un canale video della comunità ha pubblicato video di famiglie che salutavano un folto gruppo di uomini mentre salivano a bordo degli autobus.

Il video mostra una donna che piange e abbraccia il marito addio, mentre lui allunga la mano della figlia dal finestrino dell’autobus.

Mercoledì la polizia ha arrestato manifestanti in 38 città della Russia. (Alexander Zemlianchenko/AFP)

Altri uomini sono stati visti in altri video apparentemente in attesa del trasporto in Yakutia, una vasta regione della Siberia, e all’aeroporto di Magadan nell’estremo oriente russo.

La CNN non è stata in grado di determinare in modo indipendente la geolocalizzazione o la data di tutti i video pubblicati.

Il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto all’inizio di questa settimana una “mobilitazione parziale” della popolazione russa per sostenere la guerra in Ucraina, poiché un contrattacco a sorpresa di Kiev ha rivendicato migliaia di chilometri quadrati di territorio e ha portato Mosca in vantaggio. Gli esperti affermano che le forze russe sono notevolmente esaurite.

L’annuncio vedrà la convocazione di 300.000 riservisti, secondo il ministro della Difesa Sergei Shoigu.

In un primo segno di quanto seriamente Mosca stia intensificando i suoi sforzi, il Consiglio per i diritti umani della Russia ha proposto che i migranti provenienti dai paesi dell’Asia centrale che hanno acquisito la cittadinanza russa meno di 10 anni fa siano soggetti al servizio militare obbligatorio in Russia per un anno.

Il membro del Consiglio Kirill Kabanov ha scritto: “Stiamo preparando proposte per i nuovi cittadini della Federazione Russa con cittadinanza russa da meno di 10 anni per svolgere il servizio militare obbligatorio di un anno per le persone provenienti dai paesi dell’Asia centrale: Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan”. Ieri su Telegram.

“Il rifiuto di prestare il servizio militare dovrebbe comportare la privazione della cittadinanza russa non solo per la persona responsabile del servizio militare, ma anche per i membri della sua famiglia”, ha aggiunto.

Una donna interagisce mentre la polizia arresta i manifestanti durante una protesta contro la mobilitazione a Mosca. (AP/Alexander Zemlianichenko)

Nel suo discorso, Putin ha affermato che coloro che hanno esperienza militare saranno soggetti alla leva, e ha sottolineato che il decreto di accompagnamento – che è già stato firmato – è necessario “per proteggere la nostra patria, la sua sovranità e integrità territoriale”.

Ma il decreto sembra consentire una mobilitazione più ampia di quella suggerita nel suo intervento. Ekaterina Shulman, professoressa russa di scienze politiche e ricercatrice associata presso il think tank di Chatham House, ha affermato su Telegram che, sebbene il decreto descriva la mobilitazione come parziale, “non stabilisce standard per questo pregiudizio, regionale o categoriale”.

“Secondo questo provvedimento, chiunque può essere chiamato ad eccezione di coloro che lavorano nel complesso militare-industriale che sono stati esentati per la durata del loro impiego. Si accenna al fatto che la mobilitazione riguarda solo i riservisti o coloro che abbiano qualche abilità particolarmente necessaria nel titolo, ma non nel decreto”.

L’avvocato russo per i diritti umani Pavel Chekhov ha affermato che il decreto definisce la mobilitazione “nell’ambito più ampio”.

“Il presidente lo lascia alla discrezione del ministro della Difesa. Quindi, in effetti, è il ministero della Difesa russo che deciderà chi mandare in guerra, da dove e in numero”, ha detto Cechov su Telegram.

Sulla scia del discorso, almeno 1.300 persone sono state arrestate in tutta la Russia mercoledì per aver partecipato a proteste contro la guerra a livello nazionale, alcune delle quali sono state direttamente arruolate nell’esercito, secondo un gruppo di monitoraggio, dopo che il leader Vladimir Putin ha annunciato una “mobilitazione parziale ” di cittadini. per la sua vacillante conquista dell’Ucraina.

La polizia antisommossa arresta un manifestante durante una manifestazione contro la mobilitazione a Mosca, in Russia. (AFP)

Immagini e video mostrano la polizia che reprime i manifestanti in diverse città, con filmati che mostrano diversi manifestanti a una manifestazione nel centro di Mosca che cercano di contenere una folla che grida “No alla mobilitazione” fuori dalla cattedrale Isakievsky.

La polizia ha arrestato i manifestanti in 38 città della Russia mercoledì, secondo i dati diffusi poco dopo la mezzanotte dal gruppo di monitoraggio indipendente OVD-Info. Una portavoce del gruppo, Maria Kuznetsova, ha detto al telefono alla Galileus Web che almeno quattro stazioni di polizia a Mosca e alcuni manifestanti arrestati dalla polizia antisommossa sono stati reclutati direttamente nell’esercito russo.

Ha detto che uno dei detenuti è stato minacciato di incriminazione per essersi rifiutato di arruolarsi. Il governo ha affermato che la sanzione per aver respinto il disegno di legge è ora di 15 anni di carcere. Delle oltre 1.300 persone arrestate in tutto il paese, più di 500 erano a Mosca e più di 520 a San Pietroburgo, secondo OVD-Info.

OVD-Info ha anche affermato che più della metà dei manifestanti detenuti i cui nomi sono stati rilasciati sono donne, il che la rende la più grande protesta antigovernativa da parte di una percentuale di donne nella storia recente. L’organismo di vigilanza ha stabilito che l’intera portata degli arresti rimane sconosciuta.

Ha aggiunto che tra gli arrestati ci sono anche nove giornalisti e 33 minori, aggiungendo che uno dei minori è stato “gravemente picchiato” dalle forze dell’ordine.

Un manifestante salta su un agente di polizia per impedire che il suo amico venga arrestato durante una protesta contro la mobilitazione a Mosca, in Russia. (AFP)

Lo spettro delle armi nucleari

Putin ha anche sollevato lo spettro delle armi nucleari nel suo discorso, dicendo che userebbe “ogni mezzo a nostra disposizione” se ritenesse che “l’integrità territoriale” della Russia sia in pericolo. Ha anche sostenuto i referendum sull’adesione alla Russia che i leader nominati dalla Russia nelle quattro regioni occupate dell’Ucraina hanno annunciato che avrebbero tenuto questa settimana.

La preoccupazione tra i cittadini russi è stata evidente mercoledì, poiché i siti web delle agenzie di viaggio hanno mostrato un aumento significativo della domanda di voli verso luoghi in cui i russi non hanno bisogno di un visto. I siti di vendita di voli indicano che i voli diretti verso questi paesi sono venduti almeno fino a venerdì.

Ieri un portavoce della Commissione europea ha riconosciuto l’esistenza di numerose domande di cittadini russi che sperano di entrare nell’Unione europea. Hanno affermato che l’Unione europea intende stabilire una posizione comune su questo tema.

La Commissione Europea ha inoltre osservato che, per il momento, ogni Stato membro dovrà valutare caso per caso le domande di ingresso, aggiungendo che la gestione delle frontiere esterne dell’UE deve essere effettuata in linea con il diritto dell’UE e rispettare diritti “essenziali” e tutta la legislazione applicabile per le procedure di asilo.

Le proteste in Russia, la maggior parte delle quali sembravano attirare poche decine di persone, sono state un altro forte segnale della disperazione che alcuni provano. Il dissenso viene solitamente represso rapidamente in Russia e le autorità hanno imposto ulteriori restrizioni alla libertà di parola sulla scia dell’invasione dell’Ucraina.

La gente sostiene i manifestanti durante una manifestazione contro la mobilitazione a Mosca, in Russia. (AFP)

Le riprese dei social media hanno mostrato diversi manifestanti a Ulan-Ude, nella Siberia orientale, con in mano striscioni con la scritta “No alla guerra! No alla mobilitazione!” e “I nostri mariti, padri e fratelli non vogliono uccidere altri mariti e padri!”

“Vogliamo che i nostri padri, i nostri mariti ei nostri fratelli sopravvivano… e non lascino i loro figli come orfani. Fermate la guerra e non prendete la nostra gente!” ha detto uno dei manifestanti.

Un video clip da Ekaterinburg, nella Russia occidentale, mostrava lo scontro della polizia con un certo numero di manifestanti. La CNN non è stata in grado di verificare in modo indipendente il filmato di nessuna delle due città.

Un altro video pubblicato online da un giornalista del quotidiano The Village di Mosca mostra dozzine di persone in via Arbatskaya che cantano “Lascialo andare” mentre uno è portato via.

Mercoledì, la Procura di Mosca ha anche messo in guardia i cittadini dall’unirsi alle proteste o dalla pubblicazione di informazioni che richiedono la partecipazione, ricordando alle persone che potrebbero rischiare fino a 15 anni di carcere.

Interrogato ieri sui rapporti di persone detenute a manifestazioni contro la guerra che distribuivano convocazioni per la coscrizione militare, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che questa pratica “non è contraria alla legge. Non vi è alcuna violazione della legge qui”.

Il presidente russo Vladimir Putin si rivolge alla nazione
Il presidente russo Vladimir Putin si rivolge alla nazione a Mosca, in Russia, mercoledì 21 settembre 2022. (Servizio stampa presidenziale russo tramite AP)

L’annuncio di Putin mercoledì è stato condannato dai leader occidentali, molti dei quali si sono incontrati all’apertura dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

In una rara dichiarazione congiunta, il primo ministro britannico Liz Truss e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen hanno affermato di essere entrambi d’accordo sull’annuncio di Putin della parziale mobilitazione dei cittadini russi come segno di “debolezza”.

I ministri degli esteri dell’UE hanno concordato a New York di procedere con a Un altro giro di sanzioni Contro la Russia, ha detto ai giornalisti Josep Borrell, capo della politica estera dell’Unione europea.

L’Ucraina è rimasta ribelle di fronte all’annuncio di Putin, con il presidente Volodymyr Zelensky che ha detto mercoledì all’Assemblea generale delle Nazioni Unite in un discorso preregistrato che la Russia “teme negoziati reali (di pace)”, citando quelle che ha definito “menzogne” russe.

Zelensky ha detto che la Russia “parla di colloqui ma annuncia una mobilitazione militare”. La Russia vuole la guerra.

Ieri il ministro della Difesa tedesco Christine Lambrecht ha affermato che la “mobilitazione parziale” di Putin non fa che rafforzare il sostegno del Paese all’Ucraina. Il ministro della Difesa francese Sebastien Licornu ha affermato che il suo paese continuerà a sostenere l’Ucraina in termini di armamenti e addestramento, ma ha aggiunto che la Francia ha bisogno della cooperazione all’interno della NATO per farlo.

I soldati ucraini si abbracciano mentre i russi si ritirano

Nel frattempo, un’analisi dei ricercatori dell’Institute for the Study of War ha affermato che la mossa non avrebbe un impatto evidente sull’esito immediato della guerra.

L’analisi affermava che ci sarebbero volute settimane o mesi per portare i riservisti a prepararsi al combattimento, che i riservisti russi erano “all’inizio scarsamente addestrati” e che “l’adozione graduale deliberata” degli schieramenti delineata dal ministro della Difesa russo avrebbe probabilmente impedito “qualsiasi afflusso improvviso di Forze russe che potrebbero potenzialmente portare a un aumento dei riservisti.” Cambia radicalmente il corso della guerra”.

READ  La regina Elisabetta muore. lodi Anthony Albanese e Peter Dutton; L'isolamento COVID è stato ridotto a cinque giorni