Maggio 20, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La zootecnia e la produzione lattiero-casearia hanno causato cambiamenti sociali radicali nell’antica Mongolia

Il movimento di pastori e bovini nelle steppe orientali è di grande interesse per gli studiosi, ma pochi studiosi hanno collegato l’introduzione di mandrie e cavalli all’emergere di società complesse.

Ora un nuovo studio sulla rivista PIÙ UNO Fornisce supporto interdisciplinare per i collegamenti tra l’allevamento da latte e la maggiore complessità sociale delle steppe orientali. Utilizzando l’analisi proteomica del conteggio dei denti umani da siti nell’Altai mongolo, i ricercatori hanno dimostrato un cambiamento nel consumo di latticini durante l’età del bronzo.

Monitorando il consumo di prodotti lattiero-caseari tra le persone sui monti Altai in Mongolia, i ricercatori hanno scoperto il ruolo essenziale di pecore, capre e bestiame nelle economie antiche. L’adozione dell’allevamento dei ruminanti alla fine portò alla crescita della popolazione, all’istituzione di cimiteri comunitari e alla costruzione di importanti monumenti. Sebbene questi ovvi cambiamenti si siano verificati insieme alle prove più antiche dell’allevamento di cavalli in Mongolia, il consumo di latticini per cavalli è rimasta una pratica relativamente nuova fino a periodi successivi.

Pertanto, la diffusione delle mandrie nell’Altai mongolo ha portato a cambiamenti immediati nella dieta umana, con ritardi nelle successive transizioni sociali e demografiche, ha affermato l’autrice principale dello studio Alicia Vinterresca Miller, professore associato di antropologia all’Università del Michigan.

“Poiché posticipiamo le date di introduzione del bestiame, dobbiamo ripensare al ritmo del cambiamento sociale, che può verificarsi in periodi di tempo molto più lunghi”, ha affermato.

Ventresca Miller e colleghi dell’UM e del Max Planck Institute for the Science of Human History in Germania hanno estratto proteine ​​da campioni di tartaro per identificare la caseina e il siero di latte associati ai latticini di ruminanti e cavalli. I risultati sono stati interpretati in consultazione con i ricercatori dell’Università Nazionale della Mongolia e del Museo Nazionale della Mongolia, con l’obiettivo di chiarire l’evoluzione delle società antiche dopo l’adozione di bovini locali.

READ  Digiuno tra promesse ed efficacia, quali sono i suoi effetti sulla salute?

Ventrisca Miller afferma che i drammatici cambiamenti sociali e le imponenti costruzioni sono alimentati dalla dipendenza a lungo termine da pecore, capre e bestiame. Ciò è supportato da ritrovamenti di ossa per lo più di ruminanti in una gigantesca megafauna sui monti Altai, mentre in altre parti della Mongolia sono stati identificati depositi di ossa di cavallo con ruminanti.

“Queste nuove scoperte potrebbero consentire una trasformazione nella nostra comprensione delle dinamiche dell’età del bronzo”, ha affermato Tsagan Turbat, professore di archeologia e antropologia presso l’Università nazionale della Mongolia.

Turbat ritiene che i complessi Deer Stone-Khirgisuur, i più studiati nella regione, possano aver avuto origine dai gruppi Sagsai nei Monti Altai.

Il presente studio spinge la prima data per la produzione di latte di cavallo nelle steppe orientali associate alle tombe Sagesai al 1350 aC circa. I ricercatori dicono.

Fonte della storia:

Materiali offerto da Università del Michigan. Nota: il contenuto può essere modificato in base allo stile e alla lunghezza.