Giugno 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La UEFA batte i padroni di casa europei Dublino, Bilbao, pensa alla rivincita della Premier League, notizie sportive

Venerdì la UEFA ha squalificato Dublino e Bilbao dall’ospitare l’Europeo 2020 a causa della mancata garanzia della presenza dei tifosi e ha suscitato critiche per eventuali rappresaglie contro i 12 club che partecipano al progetto fallito della Premier League.

E la Federcalcio europea (UEFA) ha annunciato che le quattro partite dirette a Dublino si terranno ora a San Pietroburgo e Londra, mentre il Bilbao sarà sostituito dal Siviglia.

Monaco si conferma luogo all’undicesima ora e alla città tedesca si aggiungono Budapest, Baku, Amsterdam, Bucarest, Glasgow, Copenaghen e Roma.

I Campionati Europei, che si terranno dal 2020 a causa della pandemia di Coronavirus, si terranno in 11 paesi diversi dall’11 giugno all’11 luglio.

Il presidente UEFA Alexander Ceferin ha accolto con favore la sua capacità di “garantire un ambiente sicuro e festoso” con i tifosi “in ogni partita”.

Dublino e Bilbao hanno perso dopo che il governo irlandese e gli ufficiali baschi non sono riusciti a rassicurare i fan nonostante la pandemia.

“Pensiamo solo che giugno sia molto presto”, ha detto mercoledì il vice primo ministro irlandese Leo Varadkar.

Le tre partite del Dublino nella fase a gironi andranno a San Pietroburgo e Wembley sarà il nuovo stadio degli ottavi di finale.

Il Siviglia ottiene tre partite per il Bilbao e un pareggio negli ottavi di finale dopo che l’autorità regionale ha promesso che lo stadio La Cartuja potrebbe essere riempito con il 30 percento.

La UEFA ha affermato di aver forzato il passaggio “semplicemente per consentire ai tifosi di assistere alle partite dopo un anno in cui non sono stati in grado di guardare le partite di calcio in diretta negli stadi”.

READ  Il Benevento retrocede dalla Serie A con la promozione del Real Mallorca in Liga | notizie di calcio

Budapest, San Pietroburgo, Baku, Amsterdam, Bucarest, Glasgow, Copenaghen, Roma e Londra hanno promesso folle dal 25% al ​​100% di capacità in vista della scadenza della UEFA di questo mese.

La dichiarazione della Federcalcio europea (UEFA) afferma che Monaco, che ha ospitato la Francia campione del mondo contro la Germania il 15 giugno, ha ottenuto il via libera per le sue quattro partite dopo che le autorità locali hanno confermato che sarebbe in grado di “ricevere almeno 14.500 spettatori. . “

Ma il sindaco di Monaco Dieter Reiter ha detto: “Non c’erano promesse di alcun tipo per garantire gli spettatori”.

Anche se ci sarà delusione a Dublino e Bilbao per aver perso, la UEFA ha espresso “apprezzamento e gratitudine” alle due città, affermando che “entrambe sono un buon posto per ospitare eventi UEFA in futuro”.

“Anche se oggi è una giornata deludente per i tifosi di calcio in città e in campagna, la sicurezza pubblica deve sempre essere al primo posto”, ha affermato Owen Keegan, CEO del Consiglio comunale di Dublino.

Uno degli uomini che sicuramente salterà l’Euro Championship è il manager gallese Ryan Giggs, che rischia di comparire in tribunale dopo essere stato accusato di aver aggredito due donne.

La Federcalcio gallese ha dichiarato che l’allenatore ad interim Robert Page, che ha supervisionato le partite da novembre, rimarrà in carica per il campionato europeo 2020.

– Opzioni Premier League –

All’ordine del giorno della UEFA durante l’incontro virtuale di venerdì c’era anche la questione degli architetti che sanzionavano la presunta “dozzina sporca” della Premier League destinata a sostituire la UEFA Champions League.

READ  Il ghanese Felix Ohene Gian Avena sul gioco per la squadra di cui si è innamorato in TV

La UEFA ha dichiarato di aver esaminato le sue “opzioni” senza annunciare sanzioni.

La UEFA ha dichiarato: “Il Comitato Esecutivo UEFA è stato informato degli ultimi sviluppi in relazione alla Premier League, in particolare per quanto riguarda le opzioni a disposizione della UEFA e le azioni che intende intraprendere”.

Entro 48 ore questa settimana a partire da domenica sera, la UEFA, con l’aiuto di tifosi e politici, ha represso una rivolta di club inglesi, spagnoli e italiani che presumevano che avrebbero formato i propri campionati semichiusi.

Nove club, tra cui tutti e sei in Inghilterra, si sono ritirati, anche se Juventus, Barcellona e Real Madrid, il cui presidente Florentino Perez ha guidato il tentativo di scioglimento, si sono comunque rifiutati di arrendersi formalmente, la loro proposta non è più credibile.

La banca d’investimenti statunitense JP Morgan, che ha accettato di sostenere finanziariamente la Super League separatista, venerdì ha detto che stava “chiaramente valutando male” l’impatto del progetto fallito.

Tra le tante sanzioni prese in considerazione dalla UEFA, Manchester City, Chelsea e Real Madrid, che hanno segnato tutte in Premier League, avrebbero potuto essere escluse dalle semifinali di Champions League che inizieranno la prossima settimana.

Ceferin sembra aver escluso una misura così draconiana che ha detto mercoledì alla TV slovena Pop: “C’è una possibilità relativamente piccola che le partite della prossima settimana non vengano giocate … Se cancelliamo le partite, le stazioni televisive chiederanno un risarcimento. “

Resta da vedere quali “conseguenze” ha promesso Ceferin mercoledì per i club dissidenti e per i loro dirigenti, poiché il presidente dell’Unione europea non ha specificato se sarebbero stati giudiziari, disciplinari o sportivi.

READ  Eleanor Ed Vito | Notizie, sport, lavoro