Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La turca Desa ha aperto un polo industriale vicino ad Arezzo – Economia

(ANSAmed) – POPPI (AREZZO), 11 ott – Desa, azienda turca di pelletteria fondata nel 1972 a Istanbul da Melle Celite, aprirà un nuovo stabilimento nella città italiana di Popi, vicino ad Arezzo.

Il nuovo polo produttivo si estenderà su una superficie di 2.000 mq e sarà la prima e unica azienda ad aprire al di fuori della Turchia. Sarà operativo entro la fine dell’anno e darà lavoro a 50 persone.

La famiglia Celet ha investito circa due milioni di euro, producendo la propria linea di pelletteria, 1972 Desa, e realizzando collezioni di abbigliamento e accessori in pelle per alcuni marchi di lusso.

Il CEO e figlio del fondatore dell’azienda Burak Selet ha affermato di aver fatto questa scelta per essere “più vicini ai nostri clienti”, aggiungendo: “Siamo uno dei più antichi produttori in Turchia. Siamo anche specializzati nella formazione. Abbiamo una scuola all’interno. La nostra azienda forma il personale addetto alla produzione.Nel polo produttivo New in Tuscany realizzeremo prototipi e produzione.” L’obiettivo è fare di questa nuova filiale italiana il fulcro dell’attività dell’azienda. L’azienda ha 2000 dipendenti in Turchia, di cui 1500 nella produzione e 500 nella vendita al dettaglio. Ha 60 negozi in Turchia per scarpe, accessori e abbigliamento in pelle.

La società punta a chiudere nel 2022 con un fatturato di 80 milioni di euro e ha già sedi a Londra, Milano, Dusseldorf e Sofia. È quotata in borsa dal 2003.

Ciò che ha permesso all’azienda di sviluppare e costruire negli anni partnership durature con i marchi del lusso è stato innanzitutto il controllo completo dell’intera filiera produttiva, che ha permesso di controllare ogni fase della lavorazione all’interno dei siti produttivi: dalle forniture alla concia, dalla rifinizione tocca il confezionamento del prodotto, attraverso un avanzato sistema di tracciabilità. (ANSAmed).

READ  L'iraniano Raisi affronta i primi test sull'economia e la tensione con l'Occidente