Novembre 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Tunisia ha intercettato più di 200 migranti che cercavano di raggiungere le coste italiane

Le autorità tunisine domenica hanno intercettato più di 200 migranti che cercavano di raggiungere le coste italiane in nove operazioni separate.

“Sulla scia della lotta contro l’immigrazione illegale, le unità delle regioni del nord, del sud e del centro sono state in grado di contrastare nove tentativi (attraverso il mare)”, ha detto il portavoce della Guardia nazionale Hussein Edin Zepapli durante la notte da sabato a domenica.

La Guardia Nazionale ha detto che ci sono state intercettazioni in mare e sulla costa in aiuto di 223 migranti provenienti da vari Paesi africani, tra cui 111 tunisini.

Alla fine del mese scorso, la guardia costiera tunisina ha dichiarato di aver sventato sei tentativi di partenza e di aver salvato 125 migranti dall’Europa, 112 dei quali dall’Africa sub-sahariana.

All’inizio di ottobre, quattro migranti tunisini erano stati uccisi e altri 19 erano dispersi dopo che un’imbarcazione si era capovolta al largo della costa orientale del paese.

Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, dall’inizio di quest’anno più di 58.800 migranti sono riusciti a raggiungere l’Italia, la maggior parte via mare.

Più di 1.300 persone sono morte o scomparse mentre cercavano di attraversare il Mediterraneo per raggiungere l’Italia, la Spagna e la Grecia in particolare.

La Tunisia è un importante punto di partenza per gli immigrati che cercano di attraversare i mari pericolosi verso l’Europa.

L’isola italiana di Lampedusa si trova a 140 chilometri (meno di 90 miglia) al largo della costa orientale della Tunisia.

Secondo il gruppo per i diritti FTDES, la guardia costiera tunisina ha arrestato circa 19.500 persone che tentavano di attraversare il Mediterraneo nei primi nove mesi di quest’anno.

READ  L'Italia vince due medaglie d'oro alla staffetta mondiale di atletica leggera Silesia 21

Ha affermato che la tendenza è accelerata da quando a giugno è stato stabilito un contatto diretto tra Roma e Tunisi per coordinare gli sforzi contro l’immigrazione illegale e condividere le informazioni.

Dalla rivoluzione del 2011 in Tunisia, l’instabilità politica e la crisi socio-economica hanno esacerbato la disoccupazione, che è del 18% a livello nazionale ma oltre il 40% tra i giovani.

Secondo l’FTDES, la Guardia Costiera ha intercettato 42.000 persone tra il 2011 e il 2020.