Agosto 8, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La traiettoria di tendenza IPO di Zegna solleva la domanda: è questa la prossima grande tendenza della moda?

Per garantire ulteriormente la propria catena di approvvigionamento, Zegna ha collaborato con Prada quest’anno per acquistare il 40% del produttore italiano di cashmere Filati Biagioli Modesto e Zegna ha affermato che Zegna potrebbe utilizzare i proventi dell’IPO per aumentare gli investimenti nell’industria tessile italiana.

Il controllo della produzione ha l’ulteriore vantaggio di garantire tracciabilità e sostenibilità, che è l’obiettivo crescente della generazione più giovane di clienti che corteggiano Zegna. Uno dei beni più noti del marchio è Oasi Zegna, il vasto parco italiano di Trivero, in Piemonte, luogo di nascita del marchio, che il fondatore di Zegna ha creato per preservare un ecosistema locale 30 volte più grande del Central Park di New York (come l’azienda vanta un investitore che ha preparato per SPAC). Durante l’intervista, il signor Zegna ha sottolineato con orgoglio le sue scarpe da ginnastica, realizzate con ingredienti riciclati, e il fatto che il marchio ora abbia un programma per ricreare gli scarti di tessuto lasciati sul pavimento del taglio in modo che non vadano in malora più.

Ma anche con qualità e filiera da parte sua, Zegna, in quanto public company, rivaleggia con i colossi francesi del lusso che da decenni si accaparrano i marchi più conosciuti al mondo. LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton, che ha accumulato un portafoglio di oltre 75 marchi tra cui Tiffany & Company, Dior e Pucci, è cresciuto fino a una capitalizzazione di mercato di quasi 400 miliardi di dollari. Kering, proprietario di marchi come Gucci e Saint Laurent, ha un patrimonio netto di circa 100 miliardi di dollari.

READ  La nuova situazione di sicurezza in Europa - BRINK - Conversazioni e approfondimenti sul business globale

“Uno dei motivi per cui abbiamo fatto quello che abbiamo fatto è stato a causa della scala”, ha detto il signor Zegna della decisione di renderlo pubblico. “Scope – è la nostra agenda – non chiedetemi quanto è grande, ma sicuramente più grande di quanto non sia ora”.

Non avrebbe potuto essere coinvolto nel discutere di future acquisizioni, ma Zegna ha compiuto uno dei suoi primi passi verso quella lista di cose da fare con l’acquisizione nel 2018 del marchio di moda newyorkese Thom Browne, i cui abiti ristretti e la propensione per le interpretazioni satiriche del ready-to- fatto erano. Lo ha reso popolare tra il gruppo più giovane di clienti principali Zegna. Da quando è entrato a far parte di Zegna, il marchio è diventato è andato a L’abbigliamento per bambini, con una forte presenza in Corea del Sud e Cina, ha affermato Zegna, ha affermato che ci sono piani per un’ulteriore espansione. (Il signor Brown, che rimane il direttore creativo del marchio, e Rodrigo Bazin, il suo amministratore delegato, si uniranno al signor Zegna per suonare il campanello di apertura alla Borsa di New York lunedì.)

Anche una collaborazione con il marchio di streetwear americano di lusso Fear of God nel 2020 ha contribuito a rafforzare il fattore cool di Zegna, e il signor Zegna ha affermato che sono in lavorazione altre collezioni in edizione limitata.