Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La tempesta di polvere spazza l’Iraq, lasciando decine di ospedali e voli sospesi | Iraq

L’Iraq è stato nuovamente coperto da una spessa coltre arancione domenica, poiché ha subito l’ultimo episodio di una serie di tempeste di sabbia che stanno diventando sempre più comuni.

Decine sono state trasportate negli ospedali per problemi respiratori nel centro e nell’ovest del Paese.

E ha sparso uno spesso strato di polvere arancione nelle strade e nei veicoli e si è infiltrato nelle case delle persone nella capitale, Baghdad.

I voli sono stati sospesi a causa della scarsa visibilità negli aeroporti che servono Baghdad e la città santa sciita di Najaf, con questo fenomeno che dovrebbe continuare fino a domani, lunedì, secondo l’Autorità meteorologica.

“I voli sono stati interrotti agli aeroporti di Baghdad e Najaf a causa della tempesta di sabbia”, ha affermato Jihad Al-Diwan, portavoce dell’Autorità per l’aviazione civile.

I conducenti hanno acceso i fari a causa della scarsa visibilità durante un temporale a Baghdad. Foto: Ahmed Al-Rubaie/AFP/Getty Images

È stato citato l’avvistamento a meno di 500 m, con la ripresa dei voli con il miglioramento del tempo.

Un funzionario sanitario ha affermato che gli ospedali di Najaf hanno accolto 63 persone affette da problemi respiratori a causa della tempesta, aggiungendo che la maggior parte se ne è andata dopo aver ricevuto cure adeguate.

Altri 30 ricoveri ospedalieri sono stati segnalati nel Governatorato di Anbar, nella parte occidentale del Paese.

L’Iraq l’ha colpito Una serie di queste tempeste ad aprileE ha causato la sospensione dei voli a Baghdad, Najaf ed Erbil, trasportandone decine negli ospedali.

Domenica gli iracheni passano davanti ai negozi nelle strade del quartiere Karrada nel centro di Baghdad.
Domenica gli iracheni passano davanti ai negozi nelle strade del quartiere Karrada nel centro di Baghdad. Foto: Ahmed Jalil/EPA

Amer Al-Jabri, dell’Ufficio meteorologico iracheno, aveva affermato in precedenza che il fenomeno meteorologico dovrebbe aumentare di frequenza “a causa della siccità, della desertificazione e della diminuzione delle precipitazioni”.

L’Iraq è particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici, avendo già registrato negli ultimi anni cali record di precipitazioni e temperature più elevate.

Gli esperti hanno affermato che questi fattori minacciano di causare una catastrofe sociale ed economica nel paese dilaniato dalla guerra.

Il cielo era arancione su piazza Al-Khilani nel centro di Baghdad.
Il cielo era arancione su piazza Al-Khilani nel centro di Baghdad. Foto: Ahmed Jalil/EPA

A novembre, la Banca Mondiale ha avvertito che l’Iraq potrebbe subire una riduzione del 20% delle risorse idriche entro il 2050 a causa del cambiamento climatico.

All’inizio di aprile, Issa al-Fayyadh, un funzionario del ministero dell’Ambiente, ha avvertito che l’Iraq potrebbe affrontare “272 giorni di polvere” nei prossimi decenni, secondo l’agenzia di stampa intergovernativa.

Il ministero ha affermato che il fenomeno meteorologico potrebbe essere affrontato “aumentando la copertura vegetale e creando foreste che fungono da frangivento”.

READ  Panico in Nuova Zelanda come pipistrello nativo incluso nel sondaggio Bird of the Year | Nuova Zelanda