Luglio 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La telefonata di Tracy con Putin mostra l’Italia che cerca di incoraggiare il dialogo ed evitare la crisi

Giovedì il primo ministro italiano Mario Draghi ha parlato al telefono con il presidente russo Vladimir Putin allo scopo di porre fine alla guerra in Ucraina.

Due mesi fa, Troki ha parlato per l’ultima volta con Putin, che ha invitato il presidente russo a “parlare di pace” nel tentativo di porre fine al conflitto.

Sebbene lo scopo di base della chiamata di Tracy sia lo stesso, questa volta la strategia è cambiata per una serie di motivi.

Draghi ha parlato con il presidente russo per discutere della “crisi alimentare nei paesi più poveri del mondo e delle sue terribili conseguenze”, ha affermato il suo ufficio in una dichiarazione nel tentativo di trovare un modo per liberare le esportazioni di grano vietate ai porti del Mar Nero.

In una conferenza stampa successiva alla chiamata, Draghi ha detto che Putin gli aveva detto che i porti erano stati tagliati dalle forze ucraine. Draghi ha chiesto alla Russia di impegnarsi a non attaccare le forze ucraine se fossero state coinvolte in lavori di sminamento nei porti.

I due non hanno discusso la questione nel dettaglio, ma il presidente del Consiglio italiano ha parlato della “disponibilità di Putin ad andare in quella direzione”.

Tragi ha detto che “l’intensità della crisi umanitaria che potrebbe colpire i Paesi più poveri del mondo” lo ha spinto ad agire.

I media italiani hanno riferito che la carenza potrebbe influenzare i futuri flussi migratori, soprattutto sulla scia della crisi alimentare nei paesi africani e asiatici.

Dal 2015 l’Italia è in prima linea nella crisi migratoria, che non è ancora stata risolta, quindi è nell’interesse del Paese evitare una grave situazione umanitaria.

READ  Peroni இத்த canalizza l'estate in Italia con la bellissima nuova campagna "Live Every Minute"

Il raggiungimento di una soluzione pacifica al conflitto in corso non sembra essere all’orizzonte immediato, ma la necessità di frenare le esportazioni di grano contribuirà a creare un’opportunità di dialogo tra le due parti.

Troki ha detto che discuterà immediatamente con il presidente ucraino Volodymyr Zhelensky sulla limitazione delle esportazioni di grano.

Questo è già stato discusso con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e Drake lo spiegherà ai suoi partner europei durante una riunione speciale del Consiglio dell’UE la prossima settimana.

“Non vi è alcuna garanzia che il piano funzionerà”, ha detto Drake.

Finora, il Ministero della Difesa della Russia L’Ucraina ha detto che solleverà il blocco sui porti In cambio della revoca dell’embargo, una raccomandazione criticata dai paesi occidentali.

Putin e Putin non hanno ancora discusso se Mosca o Kiev abbiano accettato il piano di pace in quattro fasi proposto dall’Italia.

Ma l’Italia ha svolto un ruolo molto attivo nella risoluzione della crisi in Ucraina; Draghi ha tenuto nelle ultime settimane diversi importanti incontri bilaterali.

Poco dopo ha incontrato il primo ministro finlandese Sanna Marin, il primo ministro bulgaro Krill Petkov e il presidente algerino Abdelmadzit Debon.

Dimostra i grandi sforzi diplomatici che l’Italia sta compiendo per riconquistare un ruolo chiave sulla scena mondiale.