Luglio 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Svizzera vota per impostazione predefinita la donazione di organi | Svizzera

La Svizzera ha votato per aumentare la disponibilità di organi trapiantati rendendo tutti potenziali donatori dopo la morte, a meno che non si oppongano espressamente.

La modifica legale è stata approvata dal 60% degli elettori in un referendum. Secondo la normativa vigente, i trapianti possono essere eseguiti solo se il defunto acconsente a rimanere in vita.

I loro desideri sono spesso sconosciuti e in questi casi la decisione è lasciata ai parenti, che nella maggior parte dei casi scelgono di non donare gli organi.

Alla fine del 2021, oltre 1.400 pazienti erano in attesa di un trapianto d’organo in Svizzera, un Paese di circa 8,6 milioni di persone.

L’anno scorso, 166 persone decedute hanno donato i loro organi in Svizzera e un totale di 484 di questi organi sono stati trapiantati.

Ma 72 persone sono morte nel 2021 mentre erano in lista d’attesa per un trapianto di organi, secondo Swisstransplant.

“Il pubblico ha dimostrato di essere pronto a dare una possibilità alle persone in lista d’attesa”, ha affermato il direttore di Swisstransplant Franz Emmer.

Nel tentativo di ridurre l’arretrato, il governo e il Parlamento hanno voluto modificare la legge in un modello di “presunto consenso”, qualcosa che era già stato adottato in numerosi altri paesi europei.

Secondo questo sistema, le persone che non desiderano diventare donatori di organi dopo la morte devono dirlo esplicitamente.

Coloro che non hanno espresso chiaramente i loro desideri sarebbero considerati sostenitori. Tuttavia, i parenti potranno comunque rifiutare se sapessero o sospettassero che la persona in questione avrebbe scelto di non donare un organo. Nei casi in cui non sia possibile contattare i parenti, nessun organo può essere prelevato.

READ  La Cina ha lanciato una missione spaziale di tre uomini per completare la costruzione della stazione di Tiangong

Le regole si applicheranno solo alle persone di età pari o superiore a 16 anni.

Le condizioni mediche per la donazione rimangono le stesse: solo le persone che muoiono nel reparto di terapia intensiva di un ospedale possono donare i loro organi e la morte deve essere confermata da due medici.