Giugno 13, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La storia di Camille: qual è l’effetto di Matilda? video

Come jame. La rubrica di Camille Joubert è trasmessa quotidianamente sul programma “Sea Jamie” di Jimmy Gourmaud dal lunedì al venerdì alle 17:00 su France 5.

Sai nominare cinque nomi di scienziati umani in dieci secondi? Che ne dici di cinque scienziate ora? Se le donne interessate alla scienza non sono facili da trovare come gli uomini, è a causa di un fenomeno chiamato “Effetto Matilda”.

L’effetto Matilda o nasconde il contributo scientifico femminile

L’effetto Matilda indica la sistematica sottovalutazione del contributo delle donne alla ricerca, una teoria sviluppata dalla storica della scienza americana Margaret Rossiter negli anni ’80, chiamata dalla femminista matilda Jocelyn Gage, la quale osservò che dalla fine del diciannovesimo secolo alcuni uomini hanno monopolizzato il lavoro delle donne. Per teorizzare l’effetto Matilda, Margaret Rossiter ha studiato l ‘”effetto Matteo” inventato dal sociologo Robert King Merton negli anni ’60. L’influenza di Matteo definisce il modo in cui alcune grandi personalità vengono riconosciute a spese dei loro parenti, nonostante il loro contributo alla ragione della loro fama. L’influenza di Matteo prende il nome da un versetto della Bibbia secondo Matteo 12:12:Perché chi lo ha è dato, e ha molto, ma a chi non lo ha, gli viene tolto anche quello che ha.. ”

Trottola de Salerno, Marie Curie, Marty Gautier: (molto) vittime dell’effetto Matilda

Le vittime dell’effetto Matilda sono molte. La stessa Marie Curie non avrebbe vinto il primo premio Nobel nel 1903 se non fosse stato per suo marito, Pierre Curie, a intervenire. Henri Becquerel fu assunto dall’Accademia delle Scienze solo per la loro scoperta congiunta della radioattività.

READ  definizione | Ross - la stazione spaziale orbitale russa - Ross محطة station

Sempre in Francia, negli anni ’50, il dottor Marty Gauthier scoprì che le cellule delle persone con sindrome di Down contengono un cromosoma in più. Ma per confermare questi risultati, deve utilizzare apparecchiature più efficienti del ricercatore del CNRS Jérôme Lejeune. Ma poi, solo Jérome Lejeune ha annunciato la scoperta, collegando riconoscimenti e promozioni. “Non ho bei ricordi di questo periodo, mi sono sentito ingannato a tutti gli effettiGauthier ha poi spiegato.

Un altro esempio, nel 1967 nel Regno Unito. Il fisico Jocelyn Bell Burnell è coinvolto nell’analisi dei risultati del nuovo radiotelescopio. Poi ha notato delle anomalie: le pulsar hanno scoperto stelle di neutroni che ruotano molto rapidamente su se stesse ed emettono grandi radiazioni elettromagnetiche. Sebbene abbia guadagnato molta fama dalla scoperta, è stato il suo supervisore della tesi, Anthony Hoysch, a ricevere il premio Nobel.

Né Trotula de Salerno era un ginecologo dell’XI secolo, Lise Meitner sulla fissione nucleare o Rosalind Franklin per aver scoperto il DNA (gli ultimi due furono esclusi dai premi Nobel per aver premiato il loro lavoro a favore dei loro colleghi maschi). Vittima dell’effetto Matilde nel corso dei secoli.