Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La stilista nigeriana Joy Mereb apre la Milano Fashion Week

La stilista nigeriana Joy Meribe ha dato il via mercoledì alla Milano Fashion Week con la sua prima collezione in passerella, un successo tangibile per un movimento che promuove la diversità nella moda italiana a solo un anno dal suo lancio. La Camera Nazionale della Moda Italiana ha scelto Meribe per aprire sei giorni di anteprime donna per la Primavera/Estate 2022 dopo che la sua prima collezione We Made in Italy dello scorso anno è stata un successo commerciale. “Non importa quale video, pubblicità o dichiarazione facciamo, il vero test è se i clienti acquisteranno o meno i tuoi prodotti”, ha affermato la designer italo-haitiana Stella Jean, che ha contribuito a lanciare l’iniziativa nell’estate del 2020, ponendosi la domanda. up: “Joe ha superato quell’esame”. ha detto: È così veloce, se non c’è accelerazione dagli Stati Uniti. Fondazione Milano Week Michel Ngonmo.

Mereb è scoppiata in lacrime dopo lo spettacolo mentre ringraziava la Fashion Chamber e i fondatori del movimento per averla portata in passerella. La collezione comprendeva gonne a balze e arruffate e giacche da incubo incorporate che erano entrambe regali, come si vede in un abito alla moda che copre il pavimento, compresi abiti corti da giorno e una giacca con spalle scoperte. I tessuti erano un’esplosione di giallo brillante contro il blu acqua, con stampe tropicali che mostravano capanne di paglia contro rigogliosi alberi di banana, che secondo Mereb avevano lo scopo di celebrare un ritorno alla normalità.

“Abbiamo appena avuto un momento oscuro”, ha detto nel backstage, “e volevo creare qualcosa di pieno di speranza e luce, la gioia del riavvio”.

READ  Nargis Fakhri sfoggia il suo 'doppio mento' mentre è in vacanza con il fidanzato Justin Santos in Italia, ed Eliana D'Cruz la chiama 'un bellissimo essere umano' | Notizie sul film hindi

Lanciando questa settimana la sua seconda edizione della Fashion Week, l’iniziativa, un gruppo di designer donne con sede in Italia con radici in Togo, Marocco, Haiti, Cuba e India, ha aperto dopo il Fab Five inaugurale dello scorso anno per tutti i nati in Africa. designer.

“C’è movimento”, ha detto Buchanan, il designer americano dietro il marchio Sansovino 6. “Ovviamente tutto richiede tempo, ma in qualche modo ci vuole un’industria per abituarsi all’idea che questi siano talenti come gli altri”. Per riferimento, hanno creato un database di oltre 3.000 professionisti della moda di diverse origini razziali ed etniche che vivono in Italia, inclusi designer, commercianti, fotografi e stilisti, con l’obiettivo di dissipare l’idea che talenti diversi non fossero disponibili in Italia.

Per la classe Fab Five di quest’anno, Judith Borsetto ha creato una linea di scarpe e calzini con dettagli ricamati per la sua etichetta Judith Saint Germain, ricordando il suo nome di nascita ad Haiti prima di essere adottata da una famiglia italiana all’età di quattro anni. Una linea di abbigliamento da lavoro per donne musulmane che indossano abja, utilizzando plaid europei su indumenti lunghi, che erano double-face per espandere il guardaroba di un viaggiatore per il lavoro. Fallylah Nyny Ryke Goungou ha acquistato tessuti dal suo nativo Togo, nell’Africa occidentale, per look ispirati al suo amore per il Giappone e al suo know-how nell’Italia adottiva. Romy Calzado, ex designer tessile di origine cubana, ha creato una collezione che presenta elementi grafici a nido d’ape su tessuti con proprietà antivirali, mentre Sheetal Shah, originario dell’India, ha progettato una gamma di tessuti trattati per resistere all’acqua e durare più a lungo. Ma anche se si stanno facendo progressi nella diversità del settore, i regolatori hanno affermato che un incidente razzista in un hotel a quattro stelle a Milano che ha preso di mira i Fab Five quest’anno sottolinea il lavoro ancora avanti.

READ  L'Italia allenta le regole sul coronavirus dal 26 aprile

Ngonmo ha detto che stava facendo il check-in in hotel con le cinque donne quando il personale dell’ufficio ha rifiutato sgarbatamente le richieste di routine degli ospiti paganti, affermando che non appartenevano a quel posto. Ho pubblicato l’incidente sui social media e in seguito ho parlato con la direzione, che si è scusata ed ha espulso i lavoratori responsabili.

Ci hanno spogliato della nostra umanità, ci hanno portato via la nostra umanità e ci hanno trattato come animali. “È davvero brutto”, ha detto Ngonmo. Jan ha affermato che l’incidente “è la prova che tutto ciò che stiamo facendo oggi, più che mai, deve essere fatto. È una necessità”.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)