Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Spagna pensa di costruire un gasdotto attraverso l’Italia dopo il rifiuto di Francesco – Ministro

Teresa Ribera, ministro spagnolo per la trasformazione ambientale e la sfida demografica, ha dichiarato giovedì che la Spagna prenderà seriamente in considerazione la costruzione di un gasdotto sottomarino verso l’Italia dopo che la Francia ha respinto una proposta simile.

MOSCA (Urdu Point News/Sputnik – 25 agosto 2022) Il ministro spagnolo per la trasformazione ambientale e la sfida demografica, Teresa Ribera, ha dichiarato giovedì che la Spagna prenderà seriamente in considerazione la costruzione di un gasdotto sottomarino verso l’Italia dopo che la Francia ha respinto una proposta simile.

La Francia si è opposta all’idea di costruire un gasdotto dalla Spagna, affermando che la costruzione richiederebbe troppo tempo e comporterebbe costi aggiuntivi e che la proposta sarebbe in conflitto con la politica europea di eliminare gradualmente i combustibili fossili entro il 2050. Il governo del presidente francese Emmanuel Macron ha anche espresso dubbi sul fatto che il gasdotto possa essere utilizzato per fornire idrogeno verde in futuro.

“Questa è un’opzione che dovremmo considerare seriamente”, ha detto Ribera ad Antena 3 quando gli è stato chiesto della possibilità di costruire una rotta del gas attraverso l’Italia.

Il ministro ha indicato che il gasdotto dovrebbe collegare gli impianti di rigassificazione gas-gas a Barcellona, ​​Spagna e Livorno, in Italia, dove il gas è attualmente trasportato da autocisterne, riducendo i costi due volte a medio e lungo termine.

“La Spagna non ha bisogno di esportare gas, la Spagna è pronta ad aiutare l’Europa. Quindi, se l’Europa ha bisogno di aiuto, è importante che anche le istituzioni e i governi europei di questi paesi partecipino alle discussioni”, ha aggiunto Ribera.

READ  Il Presidente del Consiglio italiano chiede di approfondire le relazioni e il commercio equilibrato con i Paesi del Mediterraneo

I prezzi del gas in Europa sono aumentati durante tutto l’anno, superando i 3.000 dollari per 1.000 metri cubi ad agosto, a causa del calo delle forniture energetiche russe. Il colosso energetico russo Gazprom ha annunciato l’intenzione di ridurre le forniture attraverso un importante gasdotto a partire dal 27 luglio di non più di 33 milioni di metri cubi al giorno, ovvero il 20% della capacità nominale del gasdotto.

Gazprom ha annunciato, venerdì, la sospensione del trasporto del gas attraverso il Nord Stream 1 per un periodo di tre giorni, dal 31 agosto al 2 settembre, a causa della manutenzione programmata dell’unica unità di pompaggio del gas in funzione presso la stazione di compressione di Portovaya.