Giugno 20, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La società italiana di radiodiffusione pubblica ha chiesto di cessare la promozione di contenuti “intollerabili” Italia

Attivisti contro il razzismo, l’omofobia, l’antisemitismo e il sessismo nei media italiani hanno scritto all’emittente pubblica Ray, esortandola a smettere di promuovere contenuti “intollerabili”.

Recentemente Al Rai si è scusato per aver usato la faccia nera nei suoi spettacoli e ha consigliato agli editori di interrompere la messa in onda di prodotti in cui gli artisti si truccano per imitare i neri, ma non è arrivato al divieto totale.

L’emittente è stata anche criticata la scorsa settimana per aver presumibilmente tentato di censurare la condanna del rapper italiano per omofobia.

I gruppi di attivisti, fondati in Italia o da italiani residenti all’estero, tracciano casi di contenuti offensivi tramite la TV italiana e altri media. Affermano che l’emittente statale viola regolarmente la sua carta etica quando dovrebbe dare l’esempio per l’industria.

“È molto peggio di quanto si possa immaginare, ma non è solo opinione”, ha detto Alicia Reyna, fondatrice britannica del DEI Futuro Antirazzista, uno dei firmatari della lettera.

“Tuttavia, in quanto emittente il cui canone è a carico del pubblico, la Rai deve rappresentare un’istituzione capace di informare e promuovere la cultura e lo spettacolo in modo multiplo e completo”.

Le scuse di Al-Rai per i contenuti di Black Face sono arrivate dopo il clamore per la recente ritrasmissione su Mediaset, la rete di proprietà dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, da una puntata del 2014 della trasmissione satirica Striscia la Notizia. Nell’episodio, due presentatori hanno fatto gesti offensivi nei confronti degli occhi del popolo cinese e hanno deriso i dialetti cinesi.

Rina ha detto: “Abbiamo chiesto al canale di cancellare l’episodio e fare delle scuse, e abbiamo ricevuto una risposta del tipo” Questa è satira, e se non la capisci, e allora? “

READ  La più grande mostra al mondo di Santiago Ribeiro è stata aperta a

In una recente puntata di un’altra Mediaset, Felicissima Sera, il duo comico Pio e Amedeo ha insultato la comunità LGBTQ +, neri ed ebrei durante una polemica politicamente corretta.

“La loro intenzione era di dire che c’è” molta correttezza politica “, ha detto Reina,” quindi diremo tutte le parole vietate “.

Gli attivisti hanno anche limitato l’uso della parola N in diverse occasioni sui media italiani, incluso un DJ radiofonico su una stazione privata che ad aprile ha detto ai “guerrieri della giustizia sociale” di “rilassarsi”, perché la parola N è “solo una parola. “

Sotto un movimento chiamato #CambieRai, che ha chiesto alla Rai di creare un comitato consultivo per la diversità e l’inclusione, i gruppi di attivisti si sono riuniti ad aprile per protestare davanti alle sedi Rai e Mediaset di Roma, Milano e Torino.

In un’intervista ad Associated Press la scorsa settimana, Giovanni Parabini, direttore dell’emittente per le questioni sociali, ha detto che la rete pubblica non aveva accolto le critiche di # CambieRai, “perché questo significa che in tutti questi anni la RAI non ha fatto nulla per unire”.

Parabini ha osservato che la rete non era stata chiamata dagli organizzatori e includeva programmi che includevano minoranze, da un’emittente sportiva nata in Gambia conosciuta come Idris negli anni ’90 ai piani per un festival televisivo a luglio con la seconda generazione di italiani.

L’immagine principale di questo articolo è stata cambiata il 9 maggio 2021. Commentando l’immagine precedente per errore si è detto che Striscia la Notizia era stata recentemente ritrasmessa sulla Rai. È apparso su Mediasat.

READ  Recensione: Recensione: il nuovo romanzo di Harry Jumba è troppo nuovo | divertimento