Maggio 20, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La siccità improvvisa colpisce il suolo e agisce sempre più velocemente

Le siccità rapide sono quelle che si verificano all’improvviso e distruggono il terreno in giorni o settimane. Gli scienziati affermano che questi eventi possono spazzare via i raccolti e causare enormi perdite economiche e la velocità con cui distruggono i paesaggi è in aumento.

I ricercatori della Texas Tech University, dell’Università del Texas ad Austin (USA) e dell’Università del Politecnico di Hong Kong (Cina) hanno scoperto che mentre il numero di siccità o fulmini è rimasto stabile negli ultimi due decenni, molti di loro stanno arrivando più velocemente.

Gli scienziati indicano l’aumento delle temperature globali come la ragione principale dell’accelerazione della siccità. Foto: Giuseppe Chris –

A livello globale, la siccità più rapida è aumentata di circa il 3% al 19%. In luoghi particolarmente soggetti a una rapida siccità, come l’Asia meridionale e sud-orientale e il Nord America centrale, questo aumento varia da circa il 22% al 59%.

Alla Jackson School, Zong-Liang Yang, professore universitario e coautore della ricerca, pubblicata in Collegamento con la naturaE il L’aumento delle temperature globali è probabilmente alla base di questo inizio più rapido. Ha aggiunto che i risultati dello studio confermano l’importanza di comprendere questi fenomeni e prepararsi ai loro effetti. “Ogni anno assistiamo a episodi di temperature record, il che è un buon presagio di quelle siccità”, ha detto Yang. La speranza e l’obiettivo di questa ricerca è ridurre gli effetti negativi. »

Guidato dal dottorando Yamin Cheng e dal professor Xu Wang, entrambi del Politecnico di Hong Kong, lo studio è di grande interesse dato che la rapida siccità è relativamente nuova per la scienza. I progressi nella tecnologia del telerilevamento negli ultimi due decenni hanno rivelato un numero sempre maggiore di casi di rapida essiccazione del suolo.

Come suggerisce il nome, i periodi di siccità sono di breve durata, di solito durano solo poche settimane o mesi. Ma quando si verificano durante le stagioni di crescita critiche, possono causare disastri, ad esempio, nell’estate del 2012, una rapida siccità negli Stati Uniti centrali ha distrutto il raccolto di mais amaro, provocando una perdita stimata di 35,7 miliardi di dollari. .

La rapida siccità minaccia il suolo e lavora di più
Gli steli di mais si sono prosciugati in Iowa durante l’estate del 2012. Una rapida siccità ha spazzato via i raccolti e causato perdite per 35,7 miliardi di dollari. Foto: Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti

Nel nuovo studio, gli scienziati hanno analizzato i set di dati idroclimatici globali che utilizzano le metriche dell’umidità del suolo basate sui satelliti per acquisire un quadro globale delle siccità improvvise e di come le loro caratteristiche sono cambiate negli ultimi 21 anni.

Secondo i dati, dal 34% al 46% di loro è arrivato in circa cinque giorni. Il resto arriva in un mese, con oltre il 70% sviluppato in mezzo mese o meno.

Lo studio ha anche rivelato l’importanza dell’umidità e del cambiamento dei modelli meteorologici, poiché le siccità improvvise sono più probabili quando si passa da condizioni umide a condizioni aride. Ciò fa sì che le regioni con fluttuazioni stagionali dell’umidità, come il sud-est asiatico, il bacino amazzonico, la costa orientale e il Golfo degli Stati Uniti, sperimentino punti caldi di siccità. “Dobbiamo prestare particolare attenzione alle aree a rischio con un’alta probabilità di siccità del suolo e siccità atmosferica simultanee”, ha affermato Wang.

I progressi nella tecnologia di rilevamento della siccità e negli strumenti di modellazione, come quelli utilizzati in questo studio, hanno portato a una maggiore consapevolezza dell’impatto e dell’impatto della rapida siccità, ha affermato Mark Svoboda, direttore del Centro nazionale per la mitigazione della siccità e creatore del termine “rapido siccità.”

Hai visto i nuovi video su Youtube aspetto digitale? Iscriviti al canale!