Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La scienza degli uragani nell’era dei cambiamenti climatici

I residenti delle Isole della Maddalena e delle province marittime affrontano l’attacco di Fiona, una tempesta storica che è caduta questa mattina intorno alle 4:00 EDT sulla penisola di Canso in Nuova Scozia, con una pressione di circa 931 MB e venti di circa 150 km/h. Se Fiona ha raggiunto la soglia di categoria 4 questa settimana con venti di 215 km/h, ha cambiato il suo stato in tempesta non tropicale poco prima di toccare la costa canadese.

GUARDA: Vento forte, 100 mm di pioggia: Fiona approda

Occorre fare delle analisi per determinare se Fiona sia stata colpita dai cambiamenti climatici, ma la scienza ha già rivelato diversi effetti del riscaldamento sulla formazione delle tempeste tropicali.

Gli uragani traggono la loro forza dalle acque calde. Si formano ai tropici, dove il caldo abbondante li fa correre per giorni. Anche mentre si allontanano dai tropici per raggiungere il Nord Atlantico, la Corrente del Golfo porta loro un calore che può rinfrescarli o addirittura intensificarli al largo della costa orientale degli Stati Uniti e del Canada.

L’uragano Fiona di categoria 3 si è spostato a 4 a nord delle Bermuda, intensificando le previsioni per il suo arrivo sulla costa di Cape Breton (Weather Network)

Normalmente, l’acqua è abbastanza fredda al largo delle Maritimes, appena a nord della Corrente del Golfo, da sedare le tempeste tropicali e rallentare le loro tracce prima che colpiscano il Canada. Il Canadian Hurricane Center of Environment Canada stima che una categoria maggiore di 3 sia “praticamente impossibile” qui perché le acque sono così fredde.

Ma sappiamo che la temperatura media dell’oceano sta aumentando a causa del cambiamento climatico, che potrebbe avere conseguenze devastanti.

READ  Il sangue di ratti "atletici" migliora le prestazioni nei ratti sedentari

temporali più violenti

Gli ultimi studi sugli uragani hanno dimostrato che la loro intensità aumenta nel tempo e che è probabile che la causa sia il cambiamento climatico.

Secondo uno degli autori dello studio, Gabriel Vicki, in una dichiarazione rilasciata dalla Princeton Press lo scorso aprile, “la percentuale di uragani di categoria 3 e 5 è aumentata del 5% ogni decennio dal 1979”.

“Gli uragani più grandi e più gravi tendono a fare più danni delle tempeste più deboli, quindi una percentuale più alta di tornado gravi è una preoccupazione”, ha aggiunto.

Poiché molti fattori possono spiegare lo sviluppo delle tempeste, i ricercatori osservano che non possono essere attribuiti direttamente al cambiamento climatico causato dall’uomo. Tuttavia, le tendenze sono coerenti con i modelli, portando alla conclusione che il cambiamento climatico è “probabile” responsabile dell’intensificazione dei cicloni tropicali.

I ricercatori notano anche che i tornado si intensificano più velocemente. Come esempio recente, torniamo all’uragano Harvey nel 2017. Quando è passato sull’Oceano Atlantico, è stata considerata solo una tempesta tropicale. Dopo aver perso un po’ di forza durante l’attraversamento della penisola dello Yucatan, si è rapidamente intensificato nel Golfo del Messico fino a diventare un uragano di categoria 4 in soli due giorni.

L'uragano Harvey 2017-08-25 2231Z GOES16 NOAAImmagine satellitare dell’uragano Harvey al suo apice Categoria 4 il 25 agosto 2017 (Fonte: GOES-16, NOAA)

Harvey ha anche mostrato un’altra tendenza inquietante: i cicloni tropicali si muovono più lentamente e ristagnano per periodi più lunghi. Inoltre, la latitudine alla quale raggiunge il suo massimo è più vicina ai poli e l’innalzamento del livello dell’acqua aumenta il rischio di allagamento.

Tempeste più frequenti

L’intensità dei cicloni tropicali non è la nostra unica preoccupazione. I ricercatori vogliono anche sapere se sono più comuni. Ma c’è un problema: più si va indietro, meno affidabili sono i dati sugli uragani. È difficile confrontare le tendenze storiche prima dell’avvento di radar e satelliti.

READ  Un outil pour la santé mentale des étudiants jugé insuffisant

NOAA-uragani-1851v2021Movimento degli uragani nel Nord Atlantico secondo i dati NOAA, confrontando il 1851 (in alto) con il 2021 (in basso). Sebbene ci fossero 13 uragani nei dati del 1851 rispetto ai 21 del 2021, la differenza è probabilmente dovuta alla mancanza di osservazioni in quel momento. (Fonte: NOAA Historical Hurricane Tracks)

Ma nuovi approcci aiutano ad affrontare la sfida. In uno studio al Massachusetts Institute of Technology, il meteorologo e climatologo Kerry Emanuel ha utilizzato l’analisi climatica per comprendere meglio i rapporti ufficiali che avrebbe potuto perdere.

La rianalisi implica l’inserimento di dati meteorologici storici in vari modelli climatici contemporanei. I risultati possono quindi essere confrontati per verificare l’accuratezza delle simulazioni. Osservando i modelli meteorologici di base che hanno causato un uragano negli ultimi 150 anni alla luce dei modelli attuali, Emanuel ha sottolineato tre cose che contano: il numero di uragani di tutte le categorie, il numero di grandi uragani e il numero di uragani che approdare. Tutto aumentato.

Rianalisi del clima degli uragani del Nord Atlantico - Emanuel, Nature CommunicationsQuesti grafici mostrano i risultati dei tre modelli di studio. Ciascun grafico contiene i dati storici dell’Archivio IBTrACS (linea blu), che produce un trend positivo (linea blu tratteggiata). La linea rossa in ogni grafico rappresenta i risultati dello studio del MIT, che mostra anche una tendenza positiva (linea tratteggiata rossa) per gli uragani, i grandi uragani e gli uragani che atterrano. (Emmanuel, 2021 / Comunicazioni sulla natura)

Questa scoperta è stata da allora verificata e confermata da altri ricercatori. Tuttavia, le stesse tendenze non si osservano negli altri oceani del mondo.

scrive il dottor Savin Chand, autore principale del nuovo articolo pubblicato su Nature Climate Change (e ripreso da The Conversation).

READ  Natasha Water dà notizie sulla salute

Ancora più importante, ciò è accaduto quando anche il riscaldamento causato dall’attività umana è accelerato. L’unica eccezione a questa tendenza è il bacino del Nord Atlantico, dove il numero di cicloni tropicali è aumentato negli ultimi decenni. »

secondo Testo di Scott SutherlandEditore scientifico presso The Weather Network.