Dicembre 2, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La sanità pubblica sospetta l’esistenza della malattia sconosciuta

Non voglio speculare sui risultati dell’indagine in corso, ma penso che abbiamo quasi finito.Il ministro ha detto durante una conferenza stampa su una malattia neurologica sconosciuta mercoledì pomeriggio.

Anche i risultati della prima indagine epidemiologica sulle possibili cause ambientali di potenziali malattie non sono riusciti a stabilire un collegamento rivelatore tra i casi.

Tuttavia, questo rapporto rileva che è impossibile trarre conclusioni su una nuova sindrome o malattia.

È attualmente in corso una revisione clinica indipendente in cui neurologi e altri esperti stanno esaminando i casi dei pazienti. Questa revisione indipendente dovrebbe essere completata all’inizio del prossimo anno. Verrà quindi pubblicato un rapporto.

Il ministro della Salute non è l’unico ad aver espresso dubbi sull’esistenza della malattia sconosciuta.

Questi pazienti sono stati diagnosticati erroneamente e avevano altre condizioni, come la distrofia, afferma il dott. Gerard Jansen, un neurologo dell’Ontario che ha eseguito autopsie su alcune delle persone identificate come parte del gruppo di condizioni note. “Il morbo di Alzheimer, una malattia neurodegenerativa o cancro.

Un misterioso male in una nota

Lo scorso marzo, a seguito di un rapporto di Radio Canada, la sanità pubblica del New Brunswick ha notificato ai residenti che stava monitorando da vicino un gruppo di pazienti che sembravano avere una malattia sconosciuta.

La malattia neurologica di origine sconosciuta colpisce una cinquantina di persone nella penisola di Acadian e nella regione di Moncton. Pazienti con sintomi simili (demenza, atrofia muscolare inspiegabile, allucinazioni visive e cambiamenti comportamentali) quasi tutti i loro casi sono stati segnalati dal dottor Alier Marrero, un neurologo di Moncton.

Nove persone identificate come probabili avere la malattia sono morte dal 2019.

READ  La morte del filosofo Jacques Bouviers

Alghe, frutti di mare, pesticidi… Colpevole?

L’Epidemiological Review Committee, responsabile della ricerca sulle cause ambientali o sull’esposizione al cibo che possono far ammalare le persone, ha pubblicato mercoledì i risultati della sua indagine.

Il team ha chiesto ai pazienti che compongono il gruppo di casi, o ai loro parenti, di compilare un questionario per identificare le possibili cause. Solo 34 dei 48 casi noti hanno risposto alle domande.

Il consulente medico Arif Rahman ha confermato che: Sulla base dei risultati dell’indagine, non ci sono comportamenti, alimenti o esposizioni ambientali che possano essere identificati come un fattore di rischio per una nuova malattia.

Alcuni pazienti hanno riferito di aver mangiato, nei due anni precedenti l’insorgenza dei sintomi, consumando cibi come aragosta, frutti di bosco, capesante, gamberi o carne di cervo.

Ma per il comitato, questo non consente di giungere a nessuna conclusione.

Se è coinvolta l’esposizione a un alimento specifico come aragoste o mirtilli, potrebbero esserci persone con sintomi simili in altre parti della contea, in altre contee o nel Maine, dove tutti questi alimenti sono comuni, ma non è cosìha detto Arif Rahman.

Secondo il rapporto, il sito di potenziale esposizione comune alla maggior parte dei pazienti era vicino all’oceano.

Otto dei 34 pazienti affermano di aver avuto contatti con l’epidemia di alghe tossiche, 25 affermano di essere stati in ambienti industriali come le fabbriche e 12 affermano di aver avuto contatti con pesticidi o erbicidi, ad esempio perché vivono vicino a una fattoria.

Più della metà dei partecipanti afferma inoltre di aver trascorso del tempo facendo giardinaggio o lavorando in una fattoria nei due anni precedenti l’insorgenza dei sintomi.

READ  Verso la decostruzione della scienza alla Yukon University

All’inizio di quest’anno, il dottor Alier Marrero ha affermato di sospettare che una tossina ambientale potesse essere responsabile delle condizioni dei suoi pazienti.

Queste osservazioni non sono state convalidate dal comitato di sorveglianzaPossiamo leggere il rapporto?

Sono necessari due pareri di medici

Martedì, la provincia ha rafforzato i criteri che consentono a un paziente di essere considerato parte di un gruppo di casi. D’ora in poi, l’identificazione di nuovi casi dovrà essere approvata da due medici specialisti.

Nell’ambito dell’indagine, abbiamo scoperto lacune nei processi di segnalazione. Ciò ha permesso ad alcune situazioni di degenerare, spesso senza supervisione.Lo ha detto la segretaria Dorothy Sheppard durante la conferenza stampa.

Il consulente medico Arif Rahman ha precisato che i pazienti risiedono nei locali dove risiede il dottor Alier Marrero (22 nella zona di Moncton, 18 nella zona di Bathurst Acadian, 2 nella zona di Saint-Jean e 1 nella zona di Miramichi).

Si noti che queste aree corrispondono alle aree in cui ha lavorato il neurologo, Egli ha detto. È stata fatta una chiamata a neurologi e medici in tutto il paese per informarci dei loro pazienti che avevano sintomi simili a quelli dei pazienti nel gruppo dei casi. Non sono stati segnalati casi.

Il dottor Marrero si difende

Il dottor Alier Marrero mantiene la sua versione dei fatti. Non è una teoria che ho inventato ioSecondo lui, a seguito della conferenza stampa tenuta dal ministro della Salute.

Tuttavia, ha affermato di essere sorpreso di apprendere i risultati del rapporto sulla salute pubblica, in cui non era coinvolto.

Non sono stato consultato sulla sintesi dei casi inviati, il che mi ha sorpreso perché lavoriamo in stretta collaborazione con il Sistema di sorveglianza nazionale e la sanità pubblica del Canada, afferma il dottor Alier Marrero.

READ  "Vedo la fine del tunnel", ha detto Catherine Lennard, la geografa sanitaria di Onamur.

Ha anche detto di essere rimasto sorpreso dai risultati dell’autopsia eseguita su alcuni dei suoi pazienti, rivelati martedì, che indicavano che avevano ricevuto una diagnosi sbagliata.

Con informazioni di Nicholas Steinbach.