Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Russia respinge le udienze del tribunale delle Nazioni Unite nel caso dell’Ucraina

Un rappresentante della città di Kiev ha esortato la Corte Suprema delle Nazioni Unite a emettere l’ordinanza Russia Per fermare la sua devastante invasione UcrainaIn un’audizione respinta dalla Russia nel mezzo del suo attacco in corso al suo vicino.

“La Russia deve essere fermata e la corte ha un ruolo da svolgere per fermarla”, ha detto il rappresentante ucraino Anton Korenevich ai giudici della Corte internazionale di giustizia.

L’Ucraina ha chiesto al tribunale di ordinare alla Russia di “sospendere immediatamente le operazioni militari” iniziate il 24 febbraio “con lo scopo e l’obiettivo dichiarato di prevenire e punire il presunto genocidio” nelle regioni separatiste di Luhansk e Donetsk.

Una fabbrica e un negozio bruciano dopo essere stati bombardati a Irbin, alla periferia di Kiev, Ucraina, domenica 6 marzo 2022 (AP Photo/Emilio Morenatti) (AFP)

Gli avvocati di Kiev hanno respinto la richiesta russa.

“L’Ucraina si rivolge a questa corte a causa di un’atroce menzogna e chiede protezione dalle devastanti conseguenze di tale menzogna”, ha detto alla corte David Tsionets.

“La menzogna è l’affermazione della Federazione Russa sul genocidio in Ucraina. I risultati sono aggressioni non provocate, città sotto assedio, civili sotto tiro, catastrofe umanitaria e rifugiati in fuga per salvarsi la vita”.

Entro pochi giorni è prevista una decisione sulla richiesta dell’Ucraina.

Se il tribunale ordina la cessazione delle ostilità, “Penso che le possibilità che ciò accada siano nulle”, ha affermato Terry Gill, professore di diritto militare all’Università di Amsterdam.

Ha osservato che se un paese non rispetta l’ordine del tribunale, i giudici possono richiedere un’azione al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, dove la Russia ha un veto.

I seggi della Russia nella Grande Sala di Giustizia del quartier generale del Palazzo della Pace della Corte erano vuoti.

Il presidente del tribunale, il giudice statunitense Joanne E. Donoghue, ha affermato che l’ambasciatore russo nei Paesi Bassi, Alexander Shulgin, ha detto ai giudici che “il suo governo non intende partecipare al procedimento orale”.

Un uomo tiene in braccio una donna mentre attraversano una strada improvvisata mentre fuggono dalla città di Irbin, in Ucraina.
Un uomo tiene in braccio una donna mentre attraversano una strada improvvisata mentre fuggono dalla città di Irbin, in Ucraina. (AP/Oleksandr Ratushniak)

Il signor Korynevych ha condannato il disprezzo per Mosca.

“Il fatto che i seggi russi siano vuoti la dice lunga”, ha detto.

“Non sono qui in questa corte. Sono su un campo di battaglia e stanno conducendo una guerra di aggressione contro il mio paese”.

La richiesta delle cosiddette misure cautelari è collegata a un caso promosso dall’Ucraina ai sensi della Convenzione sul genocidio. I due paesi hanno ratificato il trattato del 1948, che include una clausola che consente agli stati di portare controversie sulla base delle loro sentenze al tribunale dell’Aia.

Nella sua richiesta alla corte, lo stato ha affermato che “l’Ucraina nega categoricamente il verificarsi di un tale genocidio e che la Federazione Russa non ha basi legali per un’azione in e contro l’Ucraina allo scopo di prevenire e punire il genocidio”.

Il dossier legale ucraino di nove pagine che ha lanciato il caso afferma che la Russia “ha capovolto la convenzione sul genocidio” facendo una falsa affermazione.

“La menzogna della Russia è più aggressiva e ironica, perché sembra che la Russia stia pianificando atti di genocidio in Ucraina”, aggiunge.

Il successo della domanda dell’Ucraina dipenderà dal fatto che il tribunale accetti di avere la “competenza primaria” nel caso, il che non è una garanzia che il tribunale alla fine perseguirà il caso. I casi alla Corte internazionale di giustizia di solito richiedono anni per essere completati.

Il campione di boxe partecipa al matrimonio dei soldati ucraini in tempo di guerra

Indipendentemente dall’esito delle udienze, danno all’Ucraina un’altra piattaforma per esprimere lamentele sull’invasione di Mosca.

“Penso che questo faccia parte di una strategia diplomatica generale per cercare di esercitare la massima pressione sulla Russia”, ha affermato il professor Gill.

READ  Un uomo del New Jersey pulisce accidentalmente la casa sbagliata per due ore