Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La russa Gazprom mantiene chiuso il gasdotto verso la Germania

Europa La crisi energetica incombe dopo la Russia energia Giant Gazprom ha affermato di non poter riprendere la fornitura di gas naturale tramite un importante gasdotto Germania Finora.

La società ha citato ciò che ha affermato di aver bisogno di lavori di manutenzione urgenti per riparare i componenti principali in un annuncio fatto poche ore prima della ripresa delle consegne.

La compagnia energetica statale russa ha chiuso mercoledì l’oleodotto Nord Stream 1 per tre giorni di manutenzione.

Un operaio edile russo parla su un telefono cellulare durante una cerimonia che segna l’inizio della costruzione del gasdotto Nord Stream nella baia di Portovaya, a circa 170 chilometri a nord-ovest di San Pietroburgo, Russia, il 9 aprile 2010. Il gigante russo dell’energia Gazprom ha dichiarato venerdì 9 settembre. 2, 2022 che non può riprendere la fornitura di gas naturale tramite un importante gasdotto alla Germania per il momento a causa di quella che ha affermato essere la necessità di lavori di manutenzione urgenti, poche ore prima della ripresa delle consegne. (AFP)

In un post sui social media venerdì sera, ha affermato di aver identificato “malfunzionamenti” nelle turbine e ha aggiunto che il gasdotto non funzionerebbe a meno che non fossero eliminati.

La mossa è stata l’ultimo sviluppo di una saga in cui Gazprom ha sviluppato problemi tecnici come motivo per ridurre il flusso di gas attraverso il Nord Stream 1 – spiegazioni che i funzionari tedeschi hanno respinto come copertura per un gioco di potere politico sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina.

I servizi pubblici europei si sono affrettati a trovare forniture aggiuntive durante i mesi estivi per prepararsi al fabbisogno di riscaldamento invernale, acquistando costoso gas liquefatto che arriva via nave, mentre forniture aggiuntive arrivano tramite gasdotto dalla Norvegia e dall’Azerbaigian.

Gli analisti affermano che i timori di carenze invernali si sono in qualche modo attenuati con il progredire dello stoccaggio, ma un taglio completo potrebbe esporre l’Europa a serie difficoltà. L’esperto di politica energetica Simone Tagliafitra del Centro di ricerca Bruegel di Bruxelles ha affermato che l’UE deve intensificare gli sforzi per ridurre il consumo di gas.

Le continue interruzioni di Gazprom significano che “l’inverno senza gas russo è lo scenario centrale per l’Europa”. Egli ha detto. “C’è solo un modo per prepararsi a questo: ridurre la domanda di gas ed elettricità”.

FILE - Una vista della torre d'affari del Lakhta Center, sede del monopolio del gas russo Gazprom a San Pietroburgo, Russia, mercoledì 27 aprile 2022. Il gigante russo dell'energia controllato dallo stato Gazprom ha dichiarato che chiuderà il suo impianto di gas naturale Nord Stream 1.  Un gasdotto verso la Germania è previsto per tre giorni di manutenzione a partire da mercoledì, aumentando la pressione economica sulla Germania e su altri paesi europei che dipendono dai combustibili per l'industria energetica, la produzione di elettricità e il riscaldamento domestico.  (Foto AP/Dmitri Lovetsky, Fil
Una vista della torre degli affari del Lakhta Center, sede del monopolio del gas russo Gazprom a San Pietroburgo, Russia, mercoledì 27 aprile 2022. Il colosso energetico russo Gazprom ha dichiarato che chiuderà il gasdotto Nord Stream 1 fino all’inizio della Germania manutenzione per tre giorni, che inizia mercoledì, aumentando la pressione economica sulla Germania e altri paesi europei che dipendono dai combustibili per l’industria energetica, la produzione di elettricità e il riscaldamento domestico. (Foto AP/Dmitri Lovetsky, Fil (AFP)

Gazprom ha affermato di aver identificato perdite di petrolio da quattro turbine presso la stazione di compressione di Portovaya all’estremità russa del gasdotto, comprese le uniche turbine operative. Ha affermato di aver ricevuto avvertimenti dall’organismo di vigilanza sulla sicurezza industriale russo che le perdite “non consentono il funzionamento sicuro e senza problemi del motore a turbina a gas”.

“In relazione a ciò, è necessario adottare misure appropriate e sospendere l’ulteriore funzionamento dell’unità di compressione del gas in relazione alle violazioni (di sicurezza) complessive individuate”, ha affermato la società.

Gazprom ha iniziato a tagliare i rifornimenti tramite il Nord Stream 1 a metà giugno, incolpando i ritardi nella consegna delle turbine inviate in Canada per la riparazione. Da allora il Canada ha consentito la consegna delle turbine alla Germania, che ha affermato che non c’era nulla che ostacolasse l’invio in Russia a parte la Russia che affermava di volere la parte.

Nelle ultime settimane, Nord Stream 1 ha funzionato solo al 20% della sua capacità.

La Russia, che prima che i tagli iniziassero a rappresentare poco più di un terzo della fornitura di gas della Germania, ha anche ridotto i flussi di gas verso altri paesi europei che si sono schierati con l’Ucraina nella guerra.

Il gas naturale viene utilizzato per alimentare l’industria, riscaldare case e uffici e generare elettricità. L’aumento dell’importo nella riserva è stato uno degli obiettivi principali del governo tedesco dall’invasione russa dell’Ucraina, per evitare il razionamento per l’industria con l’aumento della domanda invernale.

Gli impianti di stoccaggio in Germania sono ora pieni per oltre l’84%.

File - Dimostrazione di sistemi di tubazioni e dispositivi di intercettazione presso la stazione di ricezione del gas del gasdotto Nord Stream 1 del Mar Baltico e la stazione di trasporto a lunga distanza OPAL (Ustsee-Pipeline-Anpendungsleitung - Baltic Pipeline Connection) a Lubmen, Germania, 21 giugno , 2022. Il governo canadese ha dichiarato sabato 9 luglio 2022 che consentirà la consegna di apparecchiature alla Germania dal principale gasdotto tra la Russia e l'Europa che è stato sottoposto a manutenzione di apparecchiature e che è mancato alla Gazpro russa.
Una vista dei sistemi di tubazioni e dei dispositivi di intercettazione presso la stazione di ricezione del gas del gasdotto Nord Stream 1 del Mar Baltico e del gasdotto OPAL (Ustsee-Pipeline-Anpendungsleitung-Baltic Pipeline Connection) a Lubmen, Germania, giugno 21, 2022. Il governo canadese ha detto in quel momento che sabato 9 luglio 2022 consentirà la consegna di apparecchiature alla Germania dal principale gasdotto tra Russia ed Europa che è stato sottoposto a manutenzione di apparecchiature ed è assente dalla Gazpro russa. (AFP)

Il capo del regolatore di rete tedesco, Klaus Muller, ha twittato che la decisione della Russia di mantenere chiuso il Nord Stream 1 per ora aumenta l’importanza dei nuovi terminali GNL che la Germania prevede di avviare questo inverno, lo stoccaggio del gas e “ha bisogno di una grande conservazione” del gas.

“È positivo che la Germania ora sia meglio preparata, ma ora tocca a tutti”, ha aggiunto Muller.

Il ministero dell’Economia tedesco ha affermato di aver “preso atto” dell’ultimo annuncio di Gazprom e di non commentarlo direttamente, ma ha aggiunto che “abbiamo già visto l’inaffidabilità della Russia nelle ultime settimane” e gli sforzi continuano a ridurre la dipendenza del Paese dalle importazioni di energia russe.

“Questi sono, ovviamente, tempi difficili, ma continueremo a rafforzare costantemente le disposizioni”, ha affermato il ministero in una nota. “Servono ancora grandi sforzi, ma siamo sulla buona strada per affrontare la situazione”.

L’Unione Europea ha appena raggiunto l’obiettivo di riempire le sue scorte di gas all’80%, prima della scadenza del 1° novembre, nonostante i tagli alle forniture russe.

Ossa di dinosauro scoperte nel cortile di un portoghese

READ  Gli australiani bloccati nel blocco del coronavirus a Shanghai stanno supplicando i funzionari consolari di aiutarli a fuggire