Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La Rochelle, il secondo porto per schiavi della Francia nel XVIII secolo, celebra il Codice Tobira

Il 10 maggio 2001, con il Tobira Act, la Francia ha riconosciuto la tratta e la schiavitù come crimini contro l’umanità. Vent’anni dopo, La Rochelle ha fatto affidamento sull’istruzione per affrontare il suo passato di porto di schiavi.

Nel 1594 L’Espérance lasciò il porto di La Rochelle. Questa è la prima menzione storica di una nave che commerciava prigionieri africani con una colonia portoghese in Brasile. Alcuni potrebbero vedere questa storia fatale come un anniversario che celebra l’invenzione del capitalismo. Perché, un secolo dopo, armatori e mercanti di La Rochelle discutevano di investimenti e redditività prima di rischiare il proprio capitale in queste crociere rischiose e incerte. Va detto che la materia prima, il popolare “ebano”, non sempre arriva in buone condizioni. C’è poco da perdere. Tuttavia, il diciassettesimoDecimo E xviiiDecimo Nel secolo scorso, quasi 450 navi hanno lasciato il porto della Charente per deportare 160.000 uomini, donne e bambini dall’altra parte dell’Atlantico.

Tutto ciò è ben documentato ora, e per quanto riguarda La Rochelle, La Traite Rochelaise Dello storico Jean-Michel Defoe, pubblicato nel 1990, è ancora un riferimento nel campo. Tuttavia, ciò non è accaduto fino al 16 aprileCircolare del primo ministro Jean Castex Per la prima volta è stato istituito un quadro ufficiale per le celebrazioni nazionali che commemorano la schiavitù. Un ex presidente della Repubblica ha detto: “Dobbiamo lasciare tempo al tempo”. A vent’anni dall’approvazione del Tobira Act, “che tende a riconoscere la tratta e la schiavitù come un crimine contro l’umanità”, la Francia sembra pronta a parlare a bassa voce degli 1,4 milioni di vittime del commercio triangolare.

Le Saphir de la Rochelle denota una nave di schiavi.

© Ex Voto alla Cattedrale di La Rochelle

“Dobbiamo andare oltre.”

“A volte a La Rochelle c’era riluttanza a cambiare troppo la storia”. Josie Rutten, fondatore Associazione Memoria, Non era sempre d’accordo con i consiglieri comunali di La Rochelle su questa spinosa questione della memoria. Quindi, naturalmente, dobbiamo ricordare che Michel Crepeau è stato il primo sindaco di Francia ad affrontare questo argomento attraverso la creazione di Museo del Nuovo Mondo Nel 1982. Anche nel mondo accademico, l’argomento fu discusso in quel momento, e il lavoro di ricercatori come Defoe o Olivier Greenwello a Nantes non fu accolto con la massima benevolenza ed eufemismo.

READ  Dopo lo scandalo, presto nuove regole

“Questo museo esiste, ma come suggerisce il nome, è dedicato al nuovo mondo. La schiavitù non è un luogo centrale”, ricorda l’insegnante Josie Rutten, “Non è né un museo della schiavitù né dell’abolizione. Ha il vantaggio di essere presente ed è stato molto bello in quel momento affrontare questo fascicolo, ma ora, alla luce dei progressi nella ricerca e nell’orientamento nazionale, è chiaro che dobbiamo andare oltre “.

Va detto che Memoria lavora su questo argomento dal 2005. Nominata alla Commissione Nazionale per la Memoria e la Storia della Schiavitù (CNMHE), Josie Rotten non ha mai smesso di cercare di conciliare la sua città con il suo passato. Questo Comitato Nazionale ha dato vita all’istituzione del 2019 Fondazione Memoria della schiavitùDi cui La Rochelle è chiaramente un membro. È in questo quadro di un nuovo approccio istituzionale al fascicolo che esce la quinta edizione del Mois des Mémoires.

Veduta del porto di La Rochelle di Vernet nel 1762 (copiata da Pinel nel 1866)

Veduta del porto di La Rochelle di Vernet nel 1762 (copiata da Pinel nel 1866)

© Museo del Nuovo Mondo

Nessun pentimento, nessun peccato

“La missione principale della fondazione è incoraggiare le città e le regioni ad agire”, spiega. Per La Rochelle e altre città, è un vero passo per riconoscere questo passato. L’obiettivo è introdurre il luogo della schiavitù e le sue eredità nella storia nazionale e introdurre una nuova prospettiva nella politica della memoria “. Potrebbe aggiungere:” Finalmente “.

Nella nuova squadra del comune di La Rochelle, due donne hanno deciso di affrontare la questione di petto. Catherine Leonidas, Vicepresidente senior, e Anna Maria Spano responsabile dei Beni e dei servizi culturali. “Con l’evolversi della società, la città deve evolversi anche in relazione al modo in cui guarda a questa storia”, spiega Catherine Leonidas, “una prospettiva legata a una questione sociale posta da alcune associazioni, con cui non siamo sempre bene, ad esempio il Fatto di ribattezzare alcune strade. Puntare piuttosto sulla pedagogia e sul ristabilimento di certi fatti “.

READ  Johnson & Johnson, AstraZeneca: quale vaccino è in questione? - Salute

In occasione del ventesimo anniversario della Legge di Topira, Mostre, convegni e visite guidate In programma in città. Per esempio, Sette nomi di strade In particolare sarà oggetto di un’interpretazione didattica. Tutto ciò nasce in particolare in risposta ai tour guidati (push) organizzati dall’Associazione Purdue Memoria e condivisione Il che, a quanto pare, mancava di rigore scientifico.

Se Street de l’Armide et du Saphir si riferisce davvero alle navi degli schiavi, allora Avenue of Fleuriau si riferisce a Louis-Benjamin Fleuriau, il naturalista e filantropo che ha ereditato le sue collezioni al Museo di storia naturale. D’altra parte, i suoi predecessori hanno fatto una grande fortuna con la tratta degli schiavi e il Museo del Nuovo Mondo è ospitato nel loro palazzo.

Non c’è invece confusione in Street Samuel Demissy, che prende il nome dall’armatore e coltivatore protestante di La Rochelle che ha fatto fortuna con la canna da zucchero sulle isole grazie al lavoro disumano degli schiavi. Va anche ricordato che in seguito fu convinto dell’abolizione della pena di morte e membro della Black Friends Association. Come sempre, l’impostazione del contesto ti consente sempre di fare un passo indietro e vedere più chiaramente. Catherine Leonidas ci dice: “Abbiamo scelto di continuare a mettere in discussione questo periodo oscuro della storia di La Rochelle e abbiamo scelto sette nomi di strade per spiegarli con prove scientifiche, e quindi spiegare a Rocheles perché abbiamo deciso di non rinominarli”. il processo di continuare a mettere in discussione questo passato attraverso la pedagogia. Ma non è né pentimento né peccato “.

"Memoria nera, una storia di schiavitù" Centri commerciali Ed.

“Memoria nera, storia della schiavitù”, Ed. Mullat.

© Malls Publications

Schiavitù ieri e oggi

A Mikael Ogeron, storico dell’Università di La Rochelle, è stato chiesto di convalidare questi sforzi di chiarimento. Fa parte di un gruppo di ricercatori che ha pubblicato lo scorso ottobre ‘Memoria nera’ Alle edizioni Mollat ​​sulla tratta degli schiavi a Bordeaux, Bayonne, La Rochelle e Rochefort. In quanto scienziato, ritiene anche che i fatti storici possano calmare le emozioni.

READ  I sindacati rimangono scettici sui finanziamenti per l'assicurazione sanitaria integrativa

“La Legge Topira era una delle maggiori preoccupazioni all’interno della comunità universitaria quando è stata votata perché i ricercatori ritenevano di essere lì per rispondere al dovere della storia e non della memoria”, spiega lo storico, “Con il dovere di ricordare, in tariqa, noi imporre una visione delle cose, mentre noi ci siamo prima e prima Tutto è fornire dati scientifici che permettano a tutti di posizionarsi. Ma oggi non c’è più ambiguità o divieto da parte dei ricercatori, non c’è più discussione. Scienza è proprio ciò che allontana i sentimenti dalle polemiche. Anche a livello di associazioni militanti ho l’impressione che il tono si sia ritirato “.

“Stiamo andando avanti”, conferma Josie Rutten, che è strettamente associato alla sua associazione, Memoria, per questo mese di ricordi a La Rochelle. “Nel 2006, abbiamo già creato un corso letterario sulle orme del commercio triangolare”, spiega, “Lì, in collaborazione con l’Ufficio del turismo, faremo visite guidate agli scolari nel mese della memoria e successivamente sarà aperto a il pubblico.”

Così La Rochelle, a quanto pare, ha deciso di guardare senza tabù a una delle pagine più oscure della sua storia. Anna Maria Spano, assistente del consiglio comunale, non dimentica di parlare anche del presente. “Guardare al passato è importante e necessario, ma è anche necessario far capire ai giovani cos’è la schiavitù moderna e che stiamo parlando di 150-200 milioni di persone nel mondo. Molti di loro sono bambini che rompono le pietre per la nostra cellulari o che fanno le nostre camicie per 10 euro “. Il capitalismo ha inventato la schiavitù e la globalizzazione ha imparato bene la lezione.