Luglio 31, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“La ricerca polare francese a un punto di svolta per mancanza di risorse”

Il direttore dell’Istituto Paul-Emile Victor, il glaciologo Jerome Chapelas ha partecipato alle discussioni della 43a sessionee L’Antarctic Treaty Consultative Meeting (ATCM), ospitato a Parigi dal 14 al 24 giugno, ha riunito 54 paesi coinvolti – 29 con diritto di voto e 25 senza. Questo incontro è un’opportunità per affrontare tutti gli aspetti della governance nell’area del trattato, relativi alla scienza e al turismo.

Quali conclusioni traete da questa sessione di diplomazia scientifica?

Il Trattato Antartico costituisce uno strumento eccezionale volto a gestire in maniera collettiva il 7% della superficie del pianeta tra le nazioni che hanno deciso di proteggere questi spazi. Il boom allarmante del turismo, l’uso dei droni: ci saranno tante decisioni da prendere. Ma l’incontro è appena terminato, si vede che è difficile mantenere il principio di unanimità che governa il trattato: un certo grande Paese trova colpa su tutte le materie, anche le più benigne.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche In Antartide, le stazioni sono diventate i precursori delle grandi nazioni

La Francia è ancora leader nella scienza polare?

La sua ricerca in questi ambiti è ancora di ottima qualità, ma si trova a un punto di svolta per mancanza di risorse. Chiediamo un miracolo permanente. Per anni ho lavorato per far sì che ciò accadesse per i decisori. Se non supportiamo adeguatamente i nostri ricercatori, rischiamo di perderli perché nulla impedisce loro di lavorare altrove. Tuttavia, ci vorranno decenni dopo per ricostituire una comunità di scienziati che sono partiti per lavorare altrove.

Per me, il punto di svolta risale al 2005. Poi la stazione franco-italiana di Concordia, sull’altopiano antartico, ha permesso agli scienziati di svernare, ma le risorse dell’Istituto Paul Emile Victor (IPEV) non sono state aumentate per tutto questo. Da allora abbiamo perso dieci posti di lavoro, ingegneri e tecnici messi a nostra disposizione dal CNRS, e stiamo lavorando con soli 37 dipendenti fissi. Tuttavia, non sono in grado di compensare questi posti vacanti assumendo lavoratori a contratto. In questo momento, ho dodici lavori da riempire il prima possibile. Ho anche dovuto assumere un ex gestore dell’infrastruttura polare in pensione. C’è chi mi dice che le mie parole sono un incantesimo, quando la casa è già in fiamme!

READ  Scienza e disuguaglianza competitiva
Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Jerome Chapelas: “Al momento la Francia non ha grandi ambizioni in Antartide”

Il tuo messaggio è stato ascoltato?

Ho un debito di gratitudine verso i rappresentanti dei polacchi e il Deep Sea Study Group guidato da Jimmy Bahon del Dipartimento delle forze democratiche. Grazie a loro, abbiamo avuto nove minuti di discussione in Assemblea Nazionale sullo stato dell’IPEV. È un successo! Anche l’Ufficio parlamentare per la valutazione delle opzioni scientifiche e tecnologiche ha dedicato un’audizione a questo tema nel mese di maggio. Durante la conferenza sono intervenuti sul tema quattro ministri e il presidente Emmanuel Macron ha concluso con un messaggio positivo a favore della ricerca polare. Mi aspetto di tradurre questi discorsi in azioni nel 2022.

Hai ancora il 67,49% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.