Agosto 8, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La ricerca mostra che la Terra e Marte si sono formati dagli stessi elementi

Un sondaggio condotto dall’Università di Münster in Germania e pubblicato dalla rivista scientifica Science Advances indica che la Terra e Marte si sono formati dagli stessi elementi.

Lo studio sfida la teoria secondo cui i pianeti Mercurio, Venere, Terra e Marte si sono formati dall’accumulo di polvere millimetrica ammassati insieme nel Sistema Solare.

Si credeva che questi pianeti rocciosi si fossero formati dall’accumulo di particelle di polvere dal sistema solare interno e avessero raggiunto le dimensioni attuali. Mentre l’ultima tesi indica che questi ciottoli di terra in realtà provenivano dal sistema solare esterno verso il sole.

Leggi anche!

Queste due tesi si basavano su modelli teorici e simulazioni al computer in grado di ricostruire le condizioni per l’inizio del sistema solare e la formazione dei suoi pianeti.

“Volevamo scoprire se gli elementi costitutivi della Terra e di Marte provenissero dal sistema solare esterno o interno”, ha affermato il ricercatore Christoph Burckhardt, primo autore dello studio.

Burckhardt spiega inoltre che rari isotopi minerali come titanio, zirconio e molibdeno trovati in minuscoli resti degli strati esterni ricchi di silicato di entrambi i pianeti forniscono importanti indizi per la conclusione della ricerca.

La ricerca indica che la Terra e Marte si sono formate dallo stesso materiale. Foto: joshimerbin –

Analizzando le rocce terrestri e marziane, i ricercatori hanno indicato che gli strati rocciosi esterni della Terra e di Marte hanno poco in comune con le condriti carboniose del sistema solare esterno. Rappresentano solo il 4% circa degli elementi costitutivi originali di due pianeti.

“Se la Terra e Marte avessero per lo più accumulato granelli di polvere dal sistema solare esterno, questa cifra sarebbe stata circa dieci volte superiore. Pertanto, non possiamo confermare questa teoria sulla formazione dei pianeti interni”, spiega il professor Thorsten Kleine dell’Università di Münster.

Hai già visto i nuovi video di Netcost-Security su YouTube? Iscriviti al canale!