Novembre 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La riapertura dei confini alimenta la speranza di ripresa nelle città della California | California

(The Center Square) — Lunedì i confini degli Stati Uniti sono stati riaperti ai viaggiatori completamente vaccinati provenienti da 33 paesi e le città del Golden State sperano in una spinta economica dopo un anno e mezzo difficile per l’industria del turismo.

Le restrizioni ai viaggi causate dalla pandemia di COVID-19 hanno impedito ai viaggiatori stranieri provenienti da India, Cina e gran parte dell’Europa di recarsi negli Stati Uniti per 19 mesi. Nello stesso periodo, i viaggi dal Canada e dal Messico sono stati limitati ai soli lavoratori i cui lavori erano ritenuti essenziali, a partire da marzo 2020.

I viaggiatori completamente vaccinati sono stati nuovamente accolti negli Stati Uniti lunedì, anche al confine terrestre tra Canada e Messico. I funzionari di viaggio in tutto lo stato e la nazione considerano la ripresa dei viaggi internazionali lunedì come un passo importante verso la ripresa.

“Dopo quasi due anni di restrizioni, lunedì ricominciano sul serio i viaggi internazionali, dove famiglie e amici da tempo separati possono riunirsi in sicurezza, i viaggiatori possono esplorare questo fantastico paese e gli Stati Uniti sono in grado di riconnettersi con la comunità globale”, US Travel President ha detto. Assembly e CEO Roger Dow in una dichiarazione. “È una giornata storica per i viaggiatori, le comunità e le imprese che dipendono dalle visite internazionali e per l’economia degli Stati Uniti in generale”.

Molte città della California attendono con impazienza il ritorno dei viaggiatori dopo un lungo periodo di restrizioni.

Nelle prime ore di lunedì mattina, era Los Angeles Times Riferiva che la fila di auto in attesa di entrare a San Diego si estendeva fino a Tijuana, mentre molti viaggiatori entravano negli Stati Uniti attraverso gli aeroporti di tutto il paese. Per i funzionari di viaggio di San Diego, l’afflusso è benvenuto poiché la città prevede anni di ripresa economica per rimanere in futuro.

READ  Non fare il giro del mondo oggi - The Royal Gazette

“La riapertura delle frontiere è una buona notizia e aiuterà gli sforzi in corso di San Diego per ricostruire la sua industria del turismo”, ha detto a The Center Square Jennifer Davis, direttore degli affari esteri e del turismo culturale per l’Autorità del turismo di San Diego. “Anche se San Diego è stata una delle destinazioni più performanti del paese in termini di tariffe alberghiere e occupazione, prevediamo che la nostra economia turistica non si riprenderà completamente fino al 2024. Più velocemente si riprenderanno i viaggi internazionali, più veloce e robusto sarà il nostro turismo locale l’industria sarà in grado di riprendersi”.

Il turismo di San Diego ha perso 20 anni di guadagni economici in termini di occupazione, impatto economico e spesa dei visitatori nel 2020, secondo Davis. Segnali di una lenta ripresa sono emersi all’inizio di quest’anno, con il turismo in aumento di oltre il 50% tra gennaio e luglio.

Le visite giornaliere dal Messico rappresentavano quasi un quarto delle visite giornaliere alla città prima della pandemia e sono diminuite in media del 63% ogni mese. Secondo i dati delle autorità del turismo, i viaggiatori giornalieri dal Messico hanno avuto un impatto regionale di 85 milioni di dollari a luglio; Nel complesso basso rispetto all’impatto regionale di 428 milioni di dollari registrato nel 2019.

Davies ha affermato che l’apertura dei confini del Messico svolgerà un “ruolo critico” nella ripresa dell’economia turistica locale.

I funzionari di viaggio in altre parti dello stato sperano che il ritorno dei viaggi internazionali porterà una spinta dopo un anno e mezzo di blocchi legati alla pandemia.

I funzionari di San Francisco hanno descritto il ritorno dei viaggi internazionali come “vitale” per la ripresa della città. La città si classifica come una delle principali destinazioni per i visitatori internazionali, accogliendo un record di 2,9 milioni di passeggeri nel 2019.

READ  Il settore del cemento si impegna a decarbonizzare il Pakistan

Con la ripresa dei viaggi internazionali, i funzionari sperano di vedere un forte ritorno ai viaggi dall’Europa. Secondo un comunicato stampa della San Francisco Travel Association, prima dell’inizio della pandemia, Regno Unito e Germania erano tra i cinque maggiori mercati internazionali in termini di volume di visitatori e Francia, Regno Unito e Italia erano tre dei paesi in più rapida crescita.

“Con la riapertura dei confini statunitensi e l’aumento dei voli transatlantici verso l’aeroporto internazionale di San Francisco, prevediamo un ritorno degli arrivi di turisti europei e britannici”, ha affermato Joe D’Alessandro, presidente e amministratore delegato della Travel Association di San Francisco, detto in un comunicato.