Dicembre 2, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La “quarta ondata” di COVID-19 travolge l’Europa

Giovedì (venerdì AEDT) la Slovacchia ha seguito l’Austria nell’imporre un blocco alle persone non vaccinate, che la polizia ha imposto effettuando controlli casuali sullo stato di vaccinazione.

Ristoranti, negozi non essenziali, sport ed eventi pubblici saranno vietati alle persone che non possono dimostrare di essere state accoltellate, colpendo il 55% dei 5,5 milioni di abitanti della Slovacchia.

Il primo ministro Edward Heiger ha affermato che oltre l’81% dei pazienti COVID-19 nel sistema ospedaliero sopraffatto non è stato vaccinato.

L’Austria ha colpito due volte quasi i due terzi della sua popolazione, imponendo multe fino a 3.600 euro (5.595 dollari) per le persone non vaccinate, a meno che non vadano al lavoro, facciano la spesa di base o si eserciti o visitino un partner o una chiesa.

Il blocco parziale in Austria era inizialmente previsto per 10 giorni. Ma gli ospedali sono a pieno regime e il tasso di infezione giornaliero è il più alto di sempre.

Due regioni austriache, Salisburgo e Alta Austria, che insieme rappresentano un quarto dell’economia del paese, sono frustrate dal fatto che le restrizioni mirate non funzionino e si stanno preparando a lanciare i blocchi completi dalla prossima settimana.

Anche i Paesi Bassi optano per un approccio ampio. Ha vaccinato il 73% dell’intera popolazione, ma i numeri dei casi sono a livelli record.

Il governo ha imposto un coprifuoco alle 18:00 per i negozi non essenziali e alle 20:00 per generi alimentari, bar e ristoranti. Le riunioni sociali al chiuso sono limitate a quattro persone.

Nel frattempo, il Belgio – 74 per cento del doppio colpo ma con 694 infezioni ogni 100.000 persone negli ultimi sette giorni – ha ripristinato il lavoro obbligatorio da casa per quattro giorni alla settimana e le regole inaspriranno l’uso delle mascherine.

READ  Gli hacker bloccano il sistema di prenotazione delle vaccinazioni contro il Covid-19 in Italia

I casi sono in aumento anche in Francia e in Italia, dove l’uso massiccio di passaporti vaccinali ha portato a tassi di vaccinazione più elevati in paesi che, nell’ultimo anno, erano più scettici sui vaccini rispetto a paesi come Germania e Austria.

La Germania ha registrato 351 infortuni ogni 100.000 persone e l’Austria 994 negli ultimi sette giorni, rispetto alla Francia 192 e all’Italia 146.

Ma i decessi e i ricoveri non aumentano in modo marcato in Francia e in Italia rispetto ai Paesi meno immunizzati.

La Gran Bretagna rimane il paese più remoto d’Europa, con 409 infezioni ogni 100.000 persone negli ultimi sette giorni.

L’Inghilterra questa settimana ha abbassato l’età minima per un vaccino di richiamo a 40 da 50, ma sta resistendo a qualsiasi restrizione sociale. I tassi di ospedalizzazione sono alti ma non in aumento.

Marco Cavalieri, capo della strategia vaccinale presso l’Agenzia europea per i medicinali, ha dichiarato in una conferenza stampa che tassi di vaccinazione “inaccettabilmente bassi” stanno portando a un “aumento del numero di casi di Covid”, sebbene abbia avvertito che “non esiste un vaccino efficace al 100%. ” “.

Il capo economista europeo di Capital Economics, Andrew Kenningham, ha affermato che le ricadute economiche della serie di nuove misure di blocco saranno probabilmente “abbastanza piccole”, sebbene vi sia la possibilità di inasprire le restrizioni nelle prossime settimane.

“L’esperienza indica che l’attività è più resiliente di fronte alle restrizioni rispetto allo scorso anno”, ha affermato in una nota. “Tuttavia, le restrizioni smorzeranno in qualche modo la ripresa e le famiglie stanno già limitando le loro attività private anche se non sono richieste dalla legge”.

READ  Capitano di nave italiano condannato per aver inviato migranti in Libia

Monaco è diventata la prima città tedesca ad annullare il mercatino di Natale, una pietra angolare delle tradizioni stagionali tedesche. Molti altri paesi stanno ora affrontando la possibilità della diffusione del virus Corona e si stanno preparando per il loro secondo compleanno consecutivo.