Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La principale compagnia di navigazione italiana Moby Spa intenta un’azione legale contro le società di gestione immobiliare

Come descritto nella fattispecie, nell’arco di 20 mesi gli imputati sono impegnati in una campagna finalizzata al controllo abusivo dell’azienda quasi quarantenne, con la quale la famiglia Onorado opera da circa 140 anni. In tal modo, gli imputati, tra gli altri, hanno presentato una petizione infondata per chiedere il fallimento arbitrario di Moby. Tribunale fallimentare Milano Ha respinto brevemente la petizione in quanto inammissibile. Agli imputati è stato impedito di concludere un contratto con un’importante compagnia di navigazione danese, che avrebbe raccolto circa $ 75 milioni, il che avrebbe consentito una significativa riduzione del debito di Moby. Inoltre, gli imputati hanno presentato false accuse contro Moby e il suo management (comprese quelle relative alla cattiva gestione della compagnia), avendo così un nome di piano sulla nave italiana.

A metà del 2019 circa, gli investitori temporanei, insieme ad alcuni investitori, emetteranno circa 5 125,43 milioni di obbligazioni. Acquistato per 37,6 milioni. I titoli del Gruppo Ad Hoc erano garantiti da beni per un valore di $ 900 milioni di proprietà della principale controllata di Moby, Mobi e Compaqnia Italiana de Navigacion Spa.

Il motivo degli imputati è chiaro: controllare i beni di Moby per un valore di oltre 9.918 milioni di dollari per circa 37,6 milioni di dollari.

Il comportamento illegale del gruppo ad hoc alla fine ha costretto Moby a presentare la richiesta Giugno 2020, Petizione per pratica di restauro sotto la supervisione del tribunale in tribunale fallimentare Milano. Gli imputati continuano a bloccare la ristrutturazione di Moby, incluso il ripetuto rifiuto dei piani per fornire cinque volte il ritorno sull’investimento originale del gruppo Ad Hoc.

READ  La messa in Italia non richiede la prova del vaccino, ma è richiesta per determinate funzioni

Alcuni imputati hanno scambiato le obbligazioni di Moby anche se è stato loro vietato farlo perché il team pubblicitario ha ottenuto informazioni riservate e non pubbliche sulle finanze e le attività di Moby.

Il comportamento illegale del Gruppo Ad Hoc, nel mezzo di un’epidemia, ha reso i dipendenti, i clienti e i collaboratori di Moby completamente inutili e incerti.

Attraverso la causa, Moby chiede il risarcimento per le centinaia di milioni di dollari di danni che ha subito (e continua a subire) a causa della condotta illegale degli imputati, oltre a danni punitivi.

FONTE Moby SpA