Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La principale candidata alle elezioni in Italia afferma che non metterà a rischio i fondi Covid

La leader nazionalista italiana Giorgia Meloni ha negato che la sua alleanza di destra metterà a repentaglio l’accesso dell’Italia a 200 miliardi di euro di fondi dell’Unione europea per riprendersi dal virus Covid se salirà al potere alle elezioni il mese prossimo.

Meloni – il cui partito Fratellanza d’Italia potrebbe emergere come partner dominante in un nuovo governo di destra – ha affermato che il programma di investimenti e riforme finanziato dall’UE deve essere aggiornato per rispondere alle nuove sfide derivanti dall’invasione russa dell’Ucraina.

Ma in un articolo di opinione sul quotidiano Il Messaggero, ha respinto le affermazioni dei concorrenti secondo cui qualsiasi armeggiare potrebbe far perdere all’Italia i finanziamenti dell’UE promessi, definendo la proposta “truccata”.

Ha detto che la sua alleanza opererebbe secondo le regole stabilite da Bruxelles, citando la flessibilità già scritta nel piano se, come suggeriscono i sondaggi, vincesse il voto del 25 settembre.

I fratelli italiani ne capiscono l’importanza [plan] E sai che queste risorse non possono essere sprecate, come è già stato fatto molte volte con i soldi europei”.

L’Italia è destinata a diventare il principale destinatario unico del Fondo per la ripresa e la resilienza del COVID-19 dell’UE da 750 miliardi di euro. Secondo i piani elaborati dal primo ministro Mario Draghi e dal suo team, e in accordo con la Commissione europea, l’Italia mira a utilizzare i fondi per migliorare la produttività e riavviare l’economia italiana cronicamente sottoperformante, compresi gli investimenti in energia verde e digitalizzazione.

Ma il crollo del governo Draghi ha sollevato preoccupazioni sulla capacità dell’Italia di soddisfare gli ambiziosi obiettivi di riforma e investimento del programma di ripresa.

READ  Ha comprato una casa a buon mercato in Italia. Questo è quello che è successo dopo

Meloni ha affermato che una revisione del piano è una priorità per la sua nuova alleanza, che include la Lega Matteo Salvini e Forza Italia guidata da Silvio Berlusconi.

“La nostra forte intenzione è creare le condizioni – in linea con le normative europee e l’accordo con la Commissione – affinché le risorse [funds] Incoraggerà la crescita, l’innovazione e lo sviluppo in Italia”.

Anche le organizzazioni imprenditoriali italiane stanno lavorando a cambiamenti di programma. Carlo Bonomi, presidente di Confindustria in rappresentanza dell’industria italiana, ha ripetutamente chiesto revisioni per tenere conto dell’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime, che spingeranno i costi dei progetti molto più alti delle stime originali. Ha anche osservato che l’Italia ha bisogno di più tempo per raggiungere i suoi obiettivi di energia verde.

Nell’articolo pubblicato venerdì, Meloni non ha fornito dettagli su ciò che la sua coalizione potrebbe cercare di cambiare, ma ha affermato che il piano non ha fornito una risposta alle “necessità e priorità sociali ed economiche emerse dopo lo scoppio della guerra in Ucraina”.

“I settori produttivi e industriali italiani, già messi alla prova dal Covid, hanno improvvisamente affrontato difficoltà ancora maggiori”, ha scritto. “Nuove priorità sono emerse dall’alimentazione elettrica all’emergenza idrica”.

Paolo Gentiloni, commissario all’Economia dell’Unione Europea, ha già avvertito che Bruxelles non sarà disposta a rinegoziare i fondamentali dell’accordo con un nuovo governo italiano, e ha confermato che Roma dovrà attuare il programma concordato per ricevere le prossime tranche di fondi .

Luciano Monti, dell’Università Luis di Roma, ha affermato di non aspettarsi che Meloni cerchi grandi cambiamenti nella struttura del piano di ripresa del Covid-19, ma ha affermato che potrebbe prendere in considerazione l’adeguamento di alcuni obiettivi di investimento.

READ  Taiwan sta monitorando nuovi casi, limitando le riunioni

“Una vera recensione non sarebbe realistica e sono sicuro che non seguirebbe quella strada”, ha detto Monty. Ma ha ragione quando dice che dobbiamo rivedere alcuni investimenti. È ragionevole e probabilmente una buona cosa da fare”.

Ulteriore segnalazione di Giuliana Ricucci a Roma