Luglio 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La prima galleria del vento italiana per la ricerca aerodinamica compie 50 anni

Test aerodinamici sulla supercar elettrica Automobili Pininfarina Battista.

Pininfarina

Pininfarina celebra un risultato eccezionale nella ricerca aerodinamica e acustica. Nel 1972, esattamente 50 anni fa, il capo dell’azienda, Sergio Pininfarina, aprì la galleria del vento a Gruliasco, in provincia di Torino. Fu la prima galleria del vento in Italia ad essere costruita per testare auto a grandezza naturale, e all’epoca era una delle sole sette al mondo.

La galleria del vento è da sempre uno strumento strategico per gli OEM del settore automotive. L’avvento della mobilità elettrica, che ha introdotto nuove sfide nel campo dello sviluppo aerodinamico e acustico, l’ha resa ancora più decisiva nella ricerca di una maggiore autonomia e comfort interno. La galleria del vento si è inoltre rivelata un potente strumento di test e sviluppo dei prodotti in tutti i settori in cui Pininfarina è pienamente impegnata. Gli esempi includono aerei, treni ad alta velocità, yacht, edifici, ingegneria eolica, design industriale e articoli sportivi.

“La galleria del vento ha dato alla nostra azienda un notevole vantaggio competitivo, essendo l’unico studio di progettazione ad averne uno. Nata come veicolo con cui Pininfarina ha sviluppato i propri progetti, è oggi un asset strategico del gruppo, ampliando così la gamma dei servizi che proponiamo al mercato: un’attività che affianca settori diversi dall’automotive, dal Transfer all’architettura, dal design navale all’industrial design”, ha affermato l’amministratore delegato Silvio Pietro Anguri.

La galleria del vento Pininfarina ha un nuovo logo realizzato appositamente per i suoi primi 50 anni. La struttura è inoltre una delle poche al mondo a disporre di un sistema generatore di turbolenza (TGS) in grado di creare diverse condizioni di turbolenza controllata, associate a raffiche di vento, manovre di sorpasso, venti trasversali e mulinelli dei veicoli in arrivo. In alternativa, un sistema di simulazione dell’impatto con il suolo consente la riproduzione delle condizioni reali di movimento del veicolo.

READ  Laureato che sogna di possedere un'azienda - MissionNewswire