Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

La polvere atmosferica potrebbe aver mascherato la vera portata del riscaldamento globale Crisi climatica

La polvere delle tempeste del deserto e dei paesaggi aridi ha contribuito a raffreddare il pianeta negli ultimi decenni e la sua presenza nell’atmosfera potrebbe aver oscurato la reale portata del riscaldamento globale causato dalle emissioni di combustibili fossili.

Un’analisi indica che la polvere atmosferica è aumentata di circa il 55% dalla metà del XIX secolo. E questo aumento di polvere potrebbe aver nascosto fino all’8% del riscaldamento globale nelle emissioni di carbonio.

L’analisi, condotta da scienziati dell’atmosfera e ricercatori del clima negli Stati Uniti e in Europa, tenta di spiegare i diversi e complessi modi in cui la polvere ha influenzato i modelli climatici globali, concludendo che, nel complesso, ha agito in una certa misura per contrastare il riscaldamento effetti dei gas serra. Lo studio, pubblicato su Nature Reviews Earth and Environment, avverte che gli attuali modelli climatici non tengono conto dell’influenza della polvere atmosferica.

“Abbiamo a lungo previsto che siamo diretti verso un brutto posto quando si tratta di riscaldamento del riscaldamento”, ha detto Jasper Cooke, un fisico dell’atmosfera che ha guidato la ricerca. “Ciò che questa ricerca mostra è che, fino ad ora, abbiamo avuto freni di emergenza”.

Gli scienziati stimano che circa 26 milioni di tonnellate di polvere siano sospese nella nostra atmosfera. I suoi effetti sono complessi.

La polvere, combinata con l’inquinamento da particolato artificiale, può raffreddare il pianeta in diversi modi. Queste particelle metalliche possono riflettere la luce solare lontano dalla Terra e disperdere i cirri in alto nell’atmosfera che stanno riscaldando il pianeta. La polvere che cade nell’oceano favorisce la crescita del fitoplancton – piante microscopiche nell’oceano – che assorbono anidride carbonica e producono ossigeno.

La polvere può anche avere un effetto riscaldante in alcuni casi, oscurando la neve e il ghiaccio e facendoli assorbire più calore.

Ma dopo aver annotato tutto, ai ricercatori è sembrato chiaro che la polvere avesse un effetto di raffreddamento generale.

Gisela Winckler ha detto: scienziato del clima al Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University. “Questa è la prima recensione del suo genere che riunisce davvero tutti questi diversi aspetti.”

Sebbene i modelli climatici siano stati finora in grado di prevedere il riscaldamento globale con una grande precisione, Winkler ha affermato che la revisione ha mostrato che tali previsioni non sono state in grado di individuare molto bene il ruolo della polvere.

Record limitati da campioni di ghiaccio, record di sedimenti marini e altre fonti indicano che anche la polvere in generale è aumentata dall’epoca preindustriale, in parte a causa dello sviluppo, dell’agricoltura e di altri impatti umani sul paesaggio. Ma sembra anche che la quantità di polvere sia diminuita dagli anni ’80.

Winkler ha affermato che sono necessari più dati e ricerche per comprendere meglio questi modelli di polvere e prevedere meglio come cambieranno nei prossimi anni.

Ma se la polvere diminuisce nell’atmosfera, gli effetti del riscaldamento dei gas serra possono accelerare.

“Possiamo iniziare a sperimentare un riscaldamento sempre più veloce a causa di questo”, ha detto Cook. “Forse ci sveglieremo a questa realtà troppo tardi.”

READ  Aggiornamento Omicron COVID: Moderna afferma che il vaccino booster è efficace contro l'alternativa